Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

La bella Lena. Viaggio cerso l'estasi in 12 contrazioni@Voltuno Occupato

Data evento
Luogo
Volturno Occupato

20 gennaio 2011 - ore 21

presso il Cine-Teatro Occupato Volturno


via Volturno 37 (volturno.noblogs.org)
 

....................................................
Franca Battaglia / AUèR

presentano:
prova aperta di

La Bella Lena
viaggio verso l'estasi in 12 contrazioni




con Valentina Carbonara e Ciro Esposito
costumi e luci   Arianna Pioppi
drammaturgia e regia   Ilaria Migliaccio

Finalista Premio Scenario 2009

Questa è la storia della solitudine e del coraggio, dell'incoscienza e
dell'abbandono,
di chi guarda avanti, perché se guarda indietro si fa male.
E' la storia di Lena, la bella Lena, che confondeva i sogni con la realtà, cadde
nella mani di un drago, si rialzò e lo affrontò. Chi vuole sapere come andò a
finire
deve iniziare un viaggio avanti e indietro nel tempo.
.....................................................................

"...raro esempio di drammaturgia sofferta, nervosa, realmente capace di
trasmettere agli spettatori l'assordante silenzio di una vicenda stagnante nella
palude della degenerazione dei valori. [...] Il vero segno di peculiarità dello
spettacolo è proprio quello di riuscire a raccontare l'inenarrabile. Ciò che può
capitare all'interno di una famiglia apparentemente "normale", viene qui
scoperto e raccontato attraverso gli occhi penetranti di una vittima
raggomitolata e fiera." (F. Maiolini, Oltrecultura)

"E' un viaggio emozionante attraverso il tempo, che permette allo spettatore di
scoprire e riordinare i tasselli del dramma della protagonista, tra tragica
ilarità e sublime follia. [...] Il palcoscenico è sempre denso di linfa vitale
grazie alla presenza della fisicità gestuale e corporea dei due attori
protagonisti, il tutto utilizzando la contaminazione tra idiomi espressivi e
linguistici diversi (lo spagnolo, l'italiano e il dialetto napoletano) intesa
come desiderio di trasversalità e forte comunicazione." (Emiliana
Mellone, Paneacqua.eu)

"Come se il parto si facesse testimonianza del processo doloroso e caduco
dell'incarnazione: del racconto nel corpo dell'attore, della storia della madre
nel corpo del figlio.[...] La Bella Lena è una sorta di sacra rappresentazione
del profano e in quanto tale sembra beneficiare in alcuni momenti del mitico
lucore delle grandi tragedie". (Dottorato in Storia del Teatro moderno e
contempraneo, Università L'Orientale, Napoli)
......................................................

Avanspettacolo a cura di Teatro De Merode
www.inventati.org/teatrodemerode

a seguire dj set Electro-Swing


sottoscrizione libera
..............................