Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Aggressione fascista al Forte Prenestino

Data di trasmissione
Jun 3, 2005 Assalto neofascista questa notte al Forte Prenestino, ferito alla gola un redattore di Radio Onda Rossa Assalto neofascista questa notte al Forte Prenestino, ferito alla gola un redattore di Radio Onda Rossa Alle ore 01.45 di venerdi 3 giugno ignoti neofascisti hanno dato l'assalto, nel quartiere romano di Centocelle, al Centro Sociale Forte Prenestino. Gli aggressori, una ventina in tutto, armati di bastoni e coltelli, sono penetrati all'interno dell'edificio al grido di "DUCE DUCE", distruggendo cose e aggredendo le persone che incontravano. Alla fine del raid un redattore di Radio Onda Rossa risultava colpito da una ferita d'arma da taglio alla gola in modo grave, sebbene le sue condizioni non sarebbero più critiche. Bernardo è ora ricoverato presso un nosocomio romano. Nell'esprimere la massima solidarietà ai compagn@ del Forte Prenestino ribadiamo la ferma volontà di contrastare, con ogni mezzo necessario, chi, con la violenza squadrista, vorrebbe mettere a tacere la coscienza antifascista della nostra città. La Radio resta impegnata nel realizzare, a partire dalle prossime ore, ogni forma di denuncia di chi ha voluto rispondere, con questo atto, alle mobilitazioni tese a impedire, nell'anniversario della liberazione della città di Roma, agli aderenti a Forza Nuova di reiterare la loro propaganda neofascista e razzista nel quartiere romano di Centocelle. Abbiamo più volte denunciato dai microfoni della radio, in queste ultime settimane, l'escalation di provocazioni e violenze neofasciste: dal tentativo di incendio dell'abitazione di un compagno di Primavalle, alla bomba al centro sociale Astra, alle aggressioni nel quartiere del Pigneto. Facciamo, oggi, appello a tutte le forze antifasciste a mobilitarsi, nelle prossime ore, per dar vita, nella giornata di sabato, a una prima risposta di massa in piazza. A Bernardo giovane generoso e coraggioso, naturalmente, va tutta la nostra solidarietà e il nostro affetto. La redazione di Radio Onda Rossa