attica blues

Attica Blues Oltre la black music: l'eredità culturale della schiavitù e della diaspora nera. In onda ogni giovedì dalle 16.00 alle 17.00 su Radio OndaRossa 87.9 fm

 

mail: atticablues [AT] ondarorssa [dot] info

Tre stelle della musica nera

Tre stelle della musica nera

Nella puntata di oggi ricordiamo tre stelle della musica nera scomparse in questo inizio 2017: il romanziere e critico jazz Nat Hentoff, il produttore e compositore David Axelrod ed il cantante Al Jarreau.

 

La scaletta:

 

Newport Rebels - Tain't Nobody's Bizness If I Do

Max Roach - Driva' Man

Charles Mingus - Folk Forms, No.1

Steve Lacy - Played Twice

Cannonball Adderley - Fun

David Axelrod - Holy Thursday

Al Jarreau - Blue Rondo à la Turk

Al Jarreau - Take Five

Al Jarreau - Sweet Potato Pie

Manuale degli errori

Manuale degli errori

L'esaltazione dell'errore è all'origine dell'ultimo album del chitarrista Manlio Maresca che ci è venuto a trovare in studio curando la selezione musicale della puntata odierna.

 

La scaletta:

 

Manlio Maresca - Esercizi di memoria

Manlio Maresca - Hardcore Chamber Music

Mal Waldron - One By One

Memphis Minnie - Fashion Plate Daddy

Jon Spencer Blues Explosion - Bellbottoms

Syd Barrett - Baby Lemonade

Homeshake - Move This Body

Charles Lloyd - Voice In The Night

Igor Stravinsky - Ragtime

Trojan Bob Marley

Trojan Bob Marley

In occasione della ricorrenza del settantaduesimo compleanno di Robert Nesta Marley, la puntata di questo mese dedicata alla Trojan Records è interamente focalizzata sulle ristampe per il mercato europeo dell'artista giamaicano.

 

La scaletta:

 

Bob Marley - Soul Shakedown Party

Bob Marley - Mr. Brown

Bob Marley - Stop That Train

Bob Marley - African Herbsman

Bob Marley - 400 Years

Bob Marley - Kaya

Bob Marley - Small Axe

Bob Marley - More Axe

Bob Marley - Lively Up Yourself

Bob Marley - Keep On Moving

Bob Marley - All In One

Bob Marley - Soul Rebel

Bob Marley - Soul Rebel (Version 4)

Montreux Jazz Festival

Montreux Jazz Festival

Puntata dedicata al Montreux Jazz Festival, manifestazione svizzera che dal 1967 ha visto la presenza in cartellone dei più importanti artisti di ogni genere musicale. Ne abbiamo parlato con il sassofonista Enzo Scoppa che ha suonato nell'edizione inaugurale.

 

La scaletta:

 

Bill Evans - One For Helen

Keith Jarrett - You Took Advantage Of Me

Ella Fitzgerald - Hey Jude

Nina Simone - I Wish I Knew How It Would Feel To Be Free

James Brown - It's A Man's World

Etta James - I'd Rather Go Blind

Marvin Gaye - Let's Get It On

Burning Spear - Nyah Keith

Orchestre

Orchestre

Puntata dedicata alle grandi orchestre del jazz dagli anni '50 fino ai giorni nostri.

 

La scaletta:

 

Duke Ellington Orchestra - Purple Gazelle

Count Basie Orchestra - The Kid From Red Bank

Miles Davis & Gil Evans Orchestra - Summertime

Gil Evans Orchestra - La Nevada

Gerry Mulligan - Motel

Bill Evans & Claus Ogerman Orchestra - Hollywood

Don Pullen Orchestra - Indian Lady

Sun Ra Arkestra - Fate In A Pleasant Mood

Italian Instabile Orchestra - Vanhu Vatema

Charles Mingus - Slop

Trojan Rocksteady

Trojan Rocksteady

Puntata dedicata al Rocksteady, genere musicale che ha avuto origine in Giamaica nella calda estate del 1966.

In scaletta una ricca selezione interamente tratta dal catalogo della Trojan Records.

 

La scaletta:

 

Alton Ellis - Rocksteady

The Paragons - Island In The Sun

The Paragons - On The Beach

The Melodians - Little Nut Tree

The Maytals - Just Tell Me

Justin Hinds & The Dominoes - Here I Stand

The Ethiopians - Come On Now

Errol Dunkley - You're Gonna Need Me

Pat Kelly - Somebody's Baby

Ike Bennet & The Crystallites - Illya Kuryakin

The Natives - You You

Phyllis Dillon - Don't Touch Me Tomato

The Uniques - My Conversation

The Gaylads - A.B.C. Rocksteady

Joe White - Rudies All Round

The Uniques - People Rocksteady

Delroy Wilson - Once Upon A Time

The Jamaicans - Ba Ba Boom

Ken Boothe - Can't You See

Lee Perry - The Upsetter

Derrick Harriot - Solomon

The Ethiopians - Engine 54

The Paragons - Wear You To The Ball

Justin Hinds & The Dominoes - Save A Bread

The Versatiles - The Time Has Come

Tommy McCook - The Shadow Of Your Smile

A Great Day in Harlem

A Great Day in Harlem

Puntata dedicata a A Great Day in Harlem, la storica foto di Art Kane che immortalò 57 tra i migliori musicisti jazz in una via di Harlem il 12 agosto 1958; nella puntata ascoltiamo alcuni dei musicisti ritratti nella foto in brani incisi o pubblicati proprio in quell'anno.

 

La scaletta:

 

Art Blakey - Moanin'

Sonny Rollins - Freedom Suite
Thelonious Monk - Nutty
Lester Young - They Can't Take That Away From Me
Dizzy Gillespie - Birks' Works
Gerry Mulligan & Paul Desmond - Fall Out
Coleman Hawkins & Milt Jackson - Get Happy
Hank Jones - The Blue Room
Horace Silver - The Outlaw

Incontri In Jazz

Incontri In Jazz

Prima puntata dell'anno dedicata ai grandi incontri nel jazz.

 

La scaletta:

 

Oscar Peterson & Milt Jackson - Reunion Blues

Oscar Peterson & Dizzy Gillespie - Caravan
Lee Konitz & Michel Petrucciani - Lovelee
Michel Petrucciani & Ron McClure - Cold Blues
Keith Jarrett & Charlie Haden - No Moon At All
Gary Burton & Keith Jarrett - Grow Your Own
Jimmy Smith & Wes Montgomery - Baby, It's Cold Outside
Michel Portal & Richard Galliano - Mozambique
Steve Wilson & Lewis Nash - Island Birdie
Paolo Fresu Uri Caine - Cowboys And Indians

Trojan Records

Trojan Records

Prima puntata dedicata alla Trojan Records, casa discografica fondata in Inghilterra da Lee Gopthal nel 1968.

 

La scaletta:

 

Bob Marley - Soul Rebel
The Skatalites - Guns Of Navarone
Rolando Alphonso - Phoenix City
Desmond Dekker - Pretty African
The Heptones - Save The Last Dance For Me
Alton Ellis - Rock Steady
Toots and the Maytals - Do The Reggae
Tito Simon - Time Is The Master
Tony Tribe - Red Red Wine
Jimmy Cliff - Miss Jamaica
Peter Tosh - Them A Fe Get A Beatin'
U-Roy - Version Galore
Big Youth - Screaming Target
Dennis Alcapone - Cassius Clay
I Roy - Black Man Time
The Upsetter - Return Of Django
Desmond Dekker - 007 (Shanty Town)

Traditional

Traditional

Puntata dedicata ai Traditional, brani folklorici spesso tramandati oralmente di cui non si conosce l'autore né la data di composizione.

 

La scaletta:

 

Charles Lloyd - The Water Is Wide
Charlie Haden & Hank Jones - I've Got A Robe, You Got A Robe
Miles Davis - Dear Old Stockholm
John Coltrane - Greensleeves
Sonny Rollins - Swing Low, Sweet Chariot
Albert Ayler - When The Saints Go Marching In
David Murray - Nobody Knows The Trouble I've Seen / Down By The Riverside
Jimmy Smith & Wes Montgomery - Down By The Riverside
Paolo Fresu - Till Bethlem

Alternate Take 2

Alternate Take 2

Seconda puntata dedicata alle Alternate Takes del jazz.

 

La scaletta:

 

Charlie Parker - Cosmic Rays
Bud Powell - Bouncing With Bud
Sonny Rollins - St Thomas
Ike Quebec - Shu Shu
Stan Getz & Bill Evans - Grandfather's Waltz
Sam Rivers - Downstairs Blues Upstairs
Ornette Coleman - Check Out Time
Oscar Peterson - Happy-Go-Lucky Local (aka Night Train)

Alternate Take

Alternate Take

Puntata dedicata alle Alternate Takes del jazz, le varie versioni di un brano musicale di una singola sessione di registrazione che per varie ragioni non sono state scelte per essere utilizzate.

 

La scaletta:

 

Duke Ellington - A Little Max
Miles Davis - Ray's Idea
John Coltrane - Lazy Bird
Jimmy Smith - Motorin' Along
Sonny Rollins - Come, Gone
Herbie Hancock - Watermelon Man
Freddie Hubbard - Hub-Tones

Dub Poetry

Dub Poetry

Puntata dedicata al Dub Poetry, genere musicale nato in Giamaica alla fine degli anni 70, ed alla sua evoluzione.

 

La scaletta:

 

Mutabaruka - Angola Invasion
Mutabaruka - Junk Food
Mutabaruka - Johnny Drughead
Linton Kwesi Johnson - It Dread Inna Inglan
Linton Kwesi Johnson - Man Free
Linton Kwesi Johnson - Sonny's Lettah
Bim Sherman - Judah Dub
I Roy - Superfly
I Roy - Holy Satta
Prince Far I - Mr. President
Prince Far I - Jordan River
UB40 - Strange Fruit
Hollie Cook - Milk & Honey

Sharon Jones

Sharon Jones

Puntata dedicata alla travolgente cantante soul Sharon Jones scomparsa il 18 novembre 2016 a soli 60 anni.

 

La scaletta:

 

Sharon Jones - Got A Thing On My Mind

Sharon Jones - Make It Good To Me
Sharon Jones - How Do I Let A Good Man Down?
Sharon Jones - Natural Born Lover
Sharon Jones - How Long Do I Have To Wait For You?
Sharon Jones - 100 Days, 100 Nights
Sharon Jones - Tell Me
Sharon Jones - Answer Me
Sharon Jones - I Learned The Hard Way
Sharon Jones - Better Things
Sharon Jones - Retreat!
Sharon Jones - Stranger To My Happiness
Sharon Jones - We Get Along
Sharon Jones - 8 Days Of Hannukah

Jazz Nord Europeo

Jazz Nord Europeo

Puntata dedicata alle fredde sonorità del Jazz Nord Europeo.

 

La scaletta:

 

Nordic Quartet - Gone To The Dogs
Jan Garbarek - Star
Jan Garbarek - Once I Dreamt A Tree Upside Down
Esbjörn Svensson Trio - Dolores In A Shoestand
Esbjörn Svensson Trio - Tuesday Wonderland
Nils Petter Molvær - Khmer
John Surman - Edges Of Illusion
John Surman - Figfoot

Soul Jazz

Soul Jazz

Puntata dedicata alle brillanti sonorità del Soul Jazz.

 

La scaletta:

 

Johnny Griffin - Wade In The Water
Lee Morgan - The Sidewinder
Horace Silver - You Gotta Take A Little Love
Nat Adderley - Work Song
Jimmy Smith - The Preacher
Lonnie Smith - Think
Sun Ra - Lullaby For Realville
Rahsaan Roland Kirk - A Sack Full Of Soul
Lou Donaldson - Watusi Jump
Julian Cannonball Adderley - Mercy, Mercy, Mercy

Roma Jazz Festival

Roma Jazz Festival

Puntata dedicata al prossimo Roma Jazz Festival, giunto quest'anno alla sua quarantesima edizione.

Ne abbiamo parlato con il suo fondatore e direttore artistico Mario Ciampà.

 

La scaletta:

 

Joshua Redman & Brad Mehldau - Ornithology
John Scofield - Mama Tried
Cecile McLorin Salvant - Exactly Like You
Richard Galliano - Waltz For Nicky
Enrico Rava - Theme For Jessica Tatum
Billy Cobham - Stratus
Jacky Terrasson - Love For Sale
Jacob Collier - Hideaway
Omar Sosa - Iyawo

Dub Internazionale

Dub Internazionale

Nella puntata di oggi abbiamo fatto un giro del mondo a ritmo di Dub.

 

La scaletta:

 

Jah Shaka & Twinkle Brothers - New Day
Aba Shanti I - The Power Of Dub
Dub Dynasty - Blessed Ethiopia
Zion Train - Fowad Ever
Zion Train - Boxes And Amps
Fat Freddy's Drop - Blackbird
African Head Charge - Free Chant
African Head Charge - Badman Plan
Dreadzone - Life Love And Unity
Easy Star All Stars - Time
I Neurologici feat. Sista Tahnee - Reap What You Sow
Almamegretta - Fattalà
Linton Kwesi Johnson - Song Of Blood

L'eredità di John Coltrane

L'eredità di John Coltrane

In occasione dei 90 anni dalla nascita di John Coltrane, terza ed ultima puntata questa volta dedicata alla sua eredità musicale.

 

La scaletta:

 

McCoy Tyner - Passion Dance
Elvin Jones - Raunchy Rita
Alice Coltrane - Blue Nile
Pharoah Sanders - The Creator Has A Master Plan
Albert Ayler - When The Saints Go Marching In
Archie Shepp - Syeeda's Song Flute
Kenny Garrett - Equinox
Archie Shepp - Attica Blues

Coltrane Sideman

Coltrane Sideman

In occasione dei 90 anni dalla nascita, seconda puntata dedicata a John Coltrane, qui nelle vesti di sideman e coleader di formazioni e dischi che hanno fatto storia.

 

La scaletta:

 

Miles Davis - 'Round Midnight
Sonny Rollins - Tenor Madness
Thelonious Monk Quartet with John Coltrane - Blue Monk
Mal Waldron - Blue Calypso
Julian "Cannonball" Adderley & John Coltrane - The Slepper
Milt Jackson & John Coltrane - The Late Late Blues

John Coltrane & Don Cherry - The Invisible

Duke Ellington & John Coltrane - My Little Brown Book
Duke Ellington & John Coltrane - Angelica

Coltrane 90!

Coltrane 90!

In occasione della ricorrenza dei 90 anni dalla nascita di John Coltrane,

prima delle tre puntate dedicate all'immenso musicista americano.

 

La scaletta:

 

John Coltrane - Blue Train

John Coltrane - I Want To Talk About You

John Coltrane - Giant Steps

John Coltrane - Liberia

John Coltrane - My Favorite Things

John Coltrane - Olé

John Coltrane - A Love Supreme Part II

John Coltrane - Alabama

John Coltrane - Out Of This World

John Coltrane - After The Rain

 

Jazz Club Europei

Jazz Club Europei

Nella puntata di oggi siamo entrati nei più leggendari Jazz Club europei.

 

La scaletta:

 

Chet Baker - Love For Sale

Nina Simone - My Baby Just Cares For Me

Sonny Rollins - East Broadway Rundown

Michel Petrucciani & Niels-Henning Orsted Pedersen - Round Midnight

Michel Petrucciani & Eddy Louiss - Caraibes

Paolo Fresu & Omar Sosa - Alma

Roy Hargrove - Strasbourg Saint Denis

Prince Buster

Prince Buster

Puntata dedicata al leggendario cantante e produttore giamaicano Prince Buster scomparso l'8 settembre 2016.

 

La scaletta:

 

Prince Buster - Al Capone

Prince Buster - Oh Carolina

Prince Buster - Madness

Prince Buster - One Step Beyond

Prince Buster - Wash Wash

Prince Buster - They Got To Come

Prince Buster - Take It Easy

Prince Buster - Shanking Up Orange Street

Prince Buster - Time Longer Than Rope

Prince Buster - Wings Of A Dope

Prince Buster - Ska Ska Ska

Prince Buster - Fowl Thief

Prince Buster - Ghost Dance

Prince Buster - 30 Pieces Of Silver

Prince Buster - Hard Man Fe Dead

Prince Buster - Enjoy Yourself

Prince Buster - Don't Throw Stones

Prince Buster - Judge Dread

Nana' Vasconcelos - Main Man

Rudy Van Gelder

Rudy Van Gelder

La nuova stagione di Attica Blues si apre con una puntata in ricordo del grande ingegnere del suono Rudy Van Gelder scomparso ad agosto all'età di 91 anni.

 

La scaletta:

 

John Coltrane - Like Someone In Love

Art Blakey - A Night In Tunisia

Miles Davis - Bag's Groove

Sonny Rollins - Why Don't I

Gil Evans - La Nevada

Duke Ellington & Coleman Hawkins - Limbo Jazz

Herbie Hancock - Wiggle-Waggle

Kenny Burrell - Chitlins Con Carne

Jimmy Smth - Messy Bessie

Lou Donaldson - Spaceman Twist

Perle Jazz Lato B

Perle Jazz Lato B

Ultima puntata, prima della pausa estiva, alla scoperta delle perle nascoste del Jazz.

 

La scaletta:

 

Bob Brookemeyer - Jive Hoot

Gerry Mulligan - Capricious

John Lewis - Delaunay's Dilemma

Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura - Non ti scordar di me

John Surman - Gone To The Dogs

Dave Douglas - Meaning & Mystery

William Parker - We The People Who Are Darker Than Blue

Michel Petrucciani - Bimini

Sonny Rollins - The Everywhere Calypso

Jazz Club 2

Jazz Club 2

Seconda puntata dedicata ai più celebri jazz club americani.

 

La scaletta:

 

Miles Davis - Bye Bye Blackbird

Horace Silver - Filthy McNasty

Jimmy Smith - I Got A Woman

Donald Byrd - My Girl Shirl

Keith Jarrett - Desert Sun

Lee Konitz, Brad Mehldau, Charlie Haden, Paul Motian - I Fall In Love Too Easily

Kenny Garrett - Intro To Africa

Dub Inglese Vol.2

Dub Inglese Vol.2

Seconda puntata dedicata al Dub inglese.

 

La scaletta:

 

UB40 - Present Arms

UB40 - Dr. Strange Dub

Alpha & Omega - Who Is The Ruler

Dennis Bovell - Beefys Tune

Linton Kwesi Johnson - Shocking Dub

Bim Sherman - Dreaming Dub

Bim Sherman - Solid As A Rock

Zion Train - Get Ready

Hollie Cook - Milk & Honey Dub

Fat Freddy's Drop - Ernie

Groundation - Dub Them All

Live estivi 2016

Live estivi 2016

Breve panoramica sui principali concerti di quest'estate 2016.

 

La scaletta:

 

Kamasi Washington - Leroy And Lanisha

Brad Mehldau - Don't Be Sad

Keith Jarrett - It's All In The Game

Dee Dee Bridgewater - One Fine Thing

Jack DeJohnette, Ravi Coltrane & Matt Garrison - Sidewinder

Paolo Fresu & Omar Sosa - Zeus' Desire

Stefano Bollani - Putesse Essere Allero

Black Uhuru - Guess Who's Coming To Dinner

Massive Attack - Five Man Army

Cristiano De Andrè - Don Raffae'

English Dub

English Dub

Prima puntata dedicata al Dub inglese.

 

La scaletta:

 

Mad Professor - Rasta Chase

Mad Professor - No Man's Land

Sister Aisha - Guide & Protect

Mad Professor & Jah Shaka - New Decade Of Dub

Jah Shaka - Revelation

Jah Shaka & African Princess - Jah Children Cry

Jah Shaka meets Aswad - Behold Him

Aswad - Dub Fire

Dub Syndicate - Ravi Shankar

Dub Syndicate - Emmanuel

African Head Charge - Hymn

Jamaican Dub Vol.2

Jamaican Dub Vol.2

Seconda puntata dedicata al Dub giamaicano focalizzata su Augustus Pablo, i Living Dub di Burning Spear, i Dub della Trojan ed alcuni altri brani.

 

La scaletta:

 

Augustus Pablo - Dubbing in Africa

Augustus Pablo - Pablo Satta

Augustus Pablo - Pablo meets Mr. Bassie

Augustus Pablo - Musical Changes

Augustus Pablo - Cornerstone

Burning Spear - I And I Survive

Burning Spear - Children Of Today

Burning Spear - Irie Niya Keith

Burning Spear - Teacher Dub

Burning Spear - African Postman

Burning Spear - Jah Dub

Horace Andy - Rasta Dub

Gregory Isaacs - Public Eyes

Roots Radics Band - Storming The Death Star

The Viceroys - Sometimes

The Observers - Rasta Locks

The Aggrovators - Do You Dub

Jamaican Dub

Jamaican Dub

Puntata sulle origini del Dub, genere musicale nato in Giamaica nella seconda metà degli anni sessanta.

 

La scaletta:

 

King Tubby - Move Out Of Babylon Dub

King Tubby - A Murderous Dub

King Tubby - Skanking Dub

King Tubby - Morwell's Star

Lee Perry - Curly Locks

Lee Perry - Cloak And Dagger

Lee Perry - Dub So

Scientist - Your Teeth In My Neck

Mikey Dread & Earl 16 - Warrior Style

Rico Rodriguez - Free Ganja

The Viceroys - Roadblock And Curfew

Black Uhuru - Youth

B.A.M.

B.A.M.

Black American Music: dal Jazz all'Hip-hop andata e ritorno. Ospiti in studio Francesco Tromba e Silva Barba.

 

La scaletta:

 

Gil Scott-Heron - The Revolution Will Not Be Televised

Roy Ayers - He's A Superstar

Cannonball Adderley - Leo Rosebud

Buckshot LeFonque - Breakfast @ Denny's

Guru feat. Roy Ayers - Take A Look (At Yourself)

Steve Coleman and The Metrics - Fast Lane

Terence Blanchard - Compared To What

Keyon Harrold, Maurice Brown & Jaleel Shaw - The Procrastinator

Prince - Somewhere Here On Earth

Kendrick Lamar - Alright

Nicholas Payton & Christian McBribe - Dolphin Dance

 

Dreyfus Jazz

Dreyfus Jazz

Puntata dedicata alla casa discografica francese Dreyfus Jazz, fondata nel 1991 da Francis Dreyfus.

 

La scaletta:

 

Michel Petrucciani & Eddy Louiss - Caraibes

Michel Petrucciani - Little Piece In C For U

Michel Petrucciani & Niels-Henning Orsted Pedersen - St. Thomas

Michel Petrucciani & Stéphane Grappelli - Sweet Georgia Brown

Richard Galliano - Perle

Richard Galliano & Michel Portal - Leo, Estante Num Instante

Biréli Lagrene - Coquette

Roy Haynes - James

Marcus Miller & Eric Clapton - Silver Rain

Marcus Miller & Michel Petrucciani - Tutu

Standard Vocali

Standard Vocali

Nella puntata di oggi i grandi standard cantati interpretati dalle più importanti voci del Jazz.

 

La scaletta:

 

Ella Fitzgerald & Louis Armstrong - Can't We Be Friends

Ella Fitzgerald & Joe Pass - Come Love

Billie Holiday - God Bless The Child

Sarah Vaughan - When Your Lover Has Gone

Anita O'Day - Sweet Georgia Brown

Carmen McRae - Take Five

Nina Simone - Exactly Like You

Abbey Lincoln - Strong Man

Chet Baker - There Will Never Be Another You

John Coltrane & Johnny Hartman - Lush Life

Bobby McFerrin & Chick Corea - Blues Connotation

Dee Dee Bridgewater - Permit Me To Introduce You To Yourself

Herbie Hancock - Thieves In The Temple

 

Nuovi Standard

Nuovi Standard

Puntata dedicata ai nuovi standard: rivisitazioni in chiave Jazz di brani degli ultimi quarant'anni.

 

La scaletta:

 

Herbie Hancock - All Apologies

Giorgio Gaslini - Light My Fire

Brad Mehldau - Blackbird

Brad Mehldau - Exit Music (For A Film)

The Bad Plus - Karma Police

Stefano Cerri - I'll Follow The Sun

Stefano Cerri - In My Life

Stefano Cerri - I've Just Seen A Face

Lester Bowie - Don't Worry Be Happy

Marcus Miller - Boogie On Reggae Woman

William Parker - People Get Ready

Robert Glasper - Letter To Hermione

Standard Jazz

Standard Jazz

Puntata dedicata ai grandi standard della storia del Jazz

 

La scaletta:

 

Dave Brubeck - Take Five

Art Tatum - Sophisticated Lady

Duke Ellington - Caravan

Charles Mingus - Mood Indigo

Miles Davis - 'Round Midnight

John Coltrane - My Favorite Things

Chet Baker - But Not For Me

Keith Jarrett - God Bless The Child

Michel Petrucciani - She Did It Again / Take The "A" Train / She Did It Again

Gato Barbieri - Milonga Triste

Reggae Film

Reggae Film

Puntata speciale in collaborazione con Tracce di cinema nella quale parliamo della storia e delle colonne sonore di due grandi film giamaicani sul Reggae: The Harder They Come e Rockers.

 

La scaletta:

 

Jimmy Cliff - The Harder They Come

Jimmy Cliff - You Can Get It If Yoy Really Want

Jimmy Cliff - Many Rivers To Cross

The Melodians - Rivers Of Babylon

The Maytals - Sweet And Dandy

Desmond Dekker - Shanty Town

The Maytals - Pressure Dop

Inner Circle - We A Rockers

Maytones - Money Worries

Junior Murvin - Police And Thieves

The Heptones - Book Of Rules

Bunny Wailers - Rockers

Kiddus I - Graduation In Zion

Burning Spear - Jah No Dead

Verve oggi

Verve oggi

Sesta ed ultima monografia dedicata al sessantennale della casa discografica Verve con una selezione dei suoi artisti degli ultimi venti anni.

 

La scaletta:

 

Wayne Shorter - Footprints

Wayne Shorter - Capricorn II

Herbie Hancock feat. Norah Jones - Court And Spark

Herbie Hancock feat. Joni Mitchell - Tea Leaf Prophecy

Herbie Hancock - Scarborough Fair

Herbie Hancock - All Apologies

Charlie Haden & Hank Jones - Spiritual

Charlie Haden & Pat Metheny - The Precious Jewel

Roy Hargrove - Crazy Race

Roy Hargrove feat. D'Angelo - Bull***t

 

 

Verve 60

Verve 60

In questa quinta monografia festeggiamo i sessant'anni della casa discografica Verve con una selezione dei suoi migliori musicisti del suo primo periodo.

 

La scaletta:

 

Charlie Parker - Confirmation

Charlie Parker & Dizzy Gillespie - Bloomdido

Dizzy Gillespie - Bebop

Jimmy Smith & Wes Montgomery - Down By The Riverside

Jimmy Smith - The Cat

Oscar Peterson Trio - Hymn To Freedom

Bill Evans Trio - One For Helen

Milt Jackson - Flying Saucer

Roy Hargrove, Christian McBride & Stephen Scott - Star Eyes

Roy Hargrove, Christian McBride & Stephen Scott - Klactoveesedstene

Roy Hargrove, Christian McBride & Stephen Scott - Bongo Beep

Verve: le grandi voci femminili 2

Verve: le grandi voci femminili 2

In occasione del suo sessantesimo compleanno, quarta monografia dedicata alla casa discografica Verve ed alle sue più importanti voci femminili.

 

La scaletta:

 

Billie Holiday - Cheek To Cheek

Billie Holiday - Comes Love

Billie Holiday - But Not For Me

Billie Holiday - Body And Soul

Nina Simone - Love Me Or Leave Me

Nina Simone - Don't Let Me Be Misunderstood

Nina Simone - Mississippi Goddam

Nina Simone - My Baby Just Cares For Me

Diana Krall - 'S Wonderful

Diana Krall - Frim Fram Sauce

Diana Krall - East Of The Sun

Ella Fitzgerald - In A Sentimental Mood

Jazz Ladies

Jazz Ladies

Puntata tutta al femminile dedicata alle più importanti musiciste Jazz

 

La scaletta:

 

Alice Coltrane - Blue Nile

Alice Coltrane - Journey In Satchidananda

Dorothy Ashby - Aeolian Groove

Dorothy Ashby - It's A Minor Thing

Carla Bley - Real Life Hits

Regina Carter & Kenny Barron - Softly As A Morning Sunrise

Eliane Elias - Everything I Love

Hiromi Uehara - Choux à la Crème

Chihiro Yamanaka - All The Things You Are

Esperanza Spalding - Loro

Verve: le grandi voci femminili 1

Verve: le grandi voci femminili 1

Terza monografia dedicata alla casa discografica Verve, nello specifico prima delle due puntate dedicata alle sue grandi voci femminili.

 

La scaletta:

 

Ella Fitzgerald - It's All Right With Me

Ella Fitzgerald - Take The "A" Train

Ella Fitzgerald - The E And D Blues (E For Ella, D For Duke)

Ella Fitzgerald - All The Things You Are

Ella Fitzgerald - Stompin' At The Savoy

Sarah Vaughan - Lullaby Of Birdland

Sarah Vaughan - It's Crazy

Sarah Vaughan - Willow Weep For Me

Sarah Vaughan - How High The Moon

Anita O'Day - Honeysuckley Rose

Anita O'Day - When The World Was Young

Anita O'Day - Whisper Not

Anita O'Day - That's Your Red Wagon

Anita O'Day - An Occasional Man

Brasilian Verve

Brasilian Verve

Seconda puntata dedicata alla Verve ed alle sue sonorità brasiliane.

 

La scaletta:

 

Stan Getz & Charlie Byrd - Desafinado

Stan Getz & Charlie Byrd - Samba Dees Days

Quincy Jones - Soul Bossa Nova

Quincy Jones - Boogie Stop Shuffle

Stan Getz, Joao Gilberto, Jobim & Astrud Gilberto - The Girl From Ipanema

Stan Getz & Joao Gilberto - Doralice

Stan Getz, Joao Gilberto & Astrud Gilberto - Corcovado

Oscar Peterson Trio - Corcovado

Stan Getz & Joao Gilberto - Samba Da Minha Terra

Antonio Carlos Jobim - Aguas De Março

Astrud Gilberto - Agua De Beber

Astrud Gilberto - Dreamer

Stan Getz & Astrud Gilberto - Eu E Voce

Stan Getz & Astrud Gilberto - The Telephone Song

Astrud Gilberto & Walter Wanderley - A Certain Smile

Astrud Gilberto & Walter Wanderley - Goodbye Sadness (Tristeza)

Stan Getz - Chega De Saudade

Verve

Verve

Prima puntata dedicata alla Verve, etichetta americana fondata nel 1956 da Norman Granz

 

La scaletta:

 

Ella Fitzgerald - This Could Be The Start Of Something Big

Ella Fitzgerald - Blue Moon

Billie Holiday - They Can't Take That Away From Me

Anita O'Day - Love Me Or Leave Me

Oscar Peterson Trio - The Gravy Waltz

Oscar Peterson Trio - You Look Good To Me

Stan Getz & Bill Evans - Grandfather's Waltz

Bill Evans - Blue Monk

Jimmy Smith - Step Right Up

Stan Getz & Chet Baker - Line For Lyons

Charlie Haden & Hank Jones - Swing Low, Sweet Chariot

Wayne Shorter - Bachianas Brasileiras No. 5

Jazz Festival

Jazz Festival

Puntata dedicata ai grandi Festival Jazz in giro per il mondo.

 

La scaletta:

 

Miles Davis - Fran-Dance

Thelonious Monk - Nutty

John Coltrane - One Down, One Up

Archie Shepp - Rufus

Charles Mingus - Folk Forms I

Bill Evans Trio - Someday My Prince Will Come

Keith Jarrett Trio - Honeysuckle Rose

Chick Corea & Stefano Bollani - Armando's Rhumba

Steve Wilson & Lewis Nash - Island Birdie

Island Records

Island Records

Puntata dedicata all'etichetta fondata da Chris Blackwell Island Records

 

La scaletta:

 

Bob Marley & The Wailers - Rastaman Chant

Bob Marley & The Wailers - Bend Down Low

Bob Marley & The Wailers - War/No More Trouble

The Slickers - Johnny Too Bad

Jimmy Cliff - The Harder They Come

Maytones - Money Worries

Burning Spear - The Sun

Burning Spear - Black Wa-Da-Da

Linton Kwesi Johnson - Street 66

Black Uhuru - Youth

Black Uhuru - Solidarity

Gregory Isaacs - Night Nurse

Bunny Wailer - Walk The Proud Land

Bunny Wailer - Hipocrite

Afrobeat

Afrobeat

Puntata dedicata alle sonorità Afrobeat

 

La scaletta:

 

Fela Kuti - My Lady Frustration

Fela Kuti - Coffin For Head State

Tony Allen - African Man

Tony Allen feat. Manu Dibango - Mojo

Classica Orchestra Afrobeat - No Agreement

The Whitefield Brothers - Lullaby For Lagos

The Budos Band - Unbroken, Unshaven

Antibalas - Big Man

Jazz a Cuba

Jazz a Cuba

Puntata dedicata ai jazzisti cubani ed alla loro influenza sul jazz americano

 

La scaletta:

 

Bebo Valdes Trio - Lamento Cubano

Bebo y Chucho Valdes - El Manisero

Duke Ellington Orchestra - Moon Over Cuba

Dizzy Gillespie - Tin Tin Deo

Gonzalo Rubalcaba - Woody 'N' You

Charlie Haden - Nocturnal

Roberto Fonseca - Lo Que Me Hace Vivir

Roy Hargrove's Crisol - Una Mas

Kenny Dorham - Afrodisia

Omar Sosa - Dance Of Reflection

Stefon Harris, David Sanchez & Christian Scott - Brown Belle Blues

Incontri nel Jazz italiano

Incontri nel Jazz italiano

Puntata dedicata ai grandi incontri nel Jazz italiano

 

La scaletta:

 

Paolo Fresu & Uri Caine - Lascia ch'io pianga

Paolo Fresu & Omar Sosa - Alma

Paolo Fresu & Daniele Di Bonaventura - Quando me'n vo

Gianluca Petrella Cosmic Music feat. Paolo Fresu - Flexible

Gianluca Petrella & Giovanni Guidi feat. David Brutti - You Ain't Gonna Know Me

Gianluca Petrella & Giovanni Guidi - Over The Rainbow

Enrico Rava Quartet feat. Gianluca Petrella - F. Express

Enrico Rava & Stefano Bollani - Sun Bay

Gianluigi Trovesi Quintet feat. Enrico Rava - Campanello cammellato

Italian Instabile Orchestra - Vanhu Vatema

Daptone Records

Daptone Records

Puntata monografica dedicata all'etichetta di Brooklyn Daptone Records

 

La scaletta:

 

Sharon Jones & The Dap-Kings - Got A Thing On My Mind

Sharon Jones & The Dap-Kings - How Long Do I Have To Wait?

Sharon Jones & The Dap-Kings - Better Things

Sharon Jones & The Dap-Kings - Tell Me

Naomi Shelton & The Gospel Queens - What Have You Done

Naomi Shelton & The Gospel Queens - You Gotta Move

Naomi Shelton & The Gospel Queens - What Is This

Charles Bradley - Strictly Reserved

Charles Bradley & Menahan Street Band - The World (Is Going Up In Flames)

Antibalas - Dirty Money

Antibalas & Mayra Vega - Che Che Cole Makossa

The Budos Band - Budos Rising

The Sugarman 3 - Got To Get Back To My Baby

Incontri Jazz

Incontri Jazz

Puntata dedicata ai grandi incontri tra musicisti jazz

 

La scaletta:

 

Ella Fitzgerald & Louis Armstrong - Can't We Be Friends

Louis Armstrong & Oscar Peterson - That Old Feeling

Louis Armstrong & Duke Ellington - It Don't Mean A Thing (If It Ain't Got That Swing)

Duke Ellington & Johnny Hodges - The St. Louis Blues

Gerry Mulligan & Johnny Hodges - Sunny

Gerry Mulligan & Thelonious Monk - I Mean You

Thelonious Monk & John Coltrane - Monk's Mood

Thelonious Monk & Sonny Rollins - I Want To Be Happy

Sonny Rollins & John Coltrane - Tenor Madness

Frank Sinatra 100

Frank Sinatra 100

Puntata dedicata al centenario della nascita di Frank Sinatra

 

La scaletta:

 

Frank Sinatra - I'Ve Got You Under My Skin

Frank Sinatra - Something's Gotta Give

Frank Sinatra - Sweet Lorraine

Frank Sinatra & Louis Armstrong - Ad-Lib Blues

Frank Sinatra & Louis Armstrong - Birth Of The Blues

Frank Sinatra & Ella Fitzgerald - Necessity

Frank Sinatra & Ella Fitzgerald - Medley

Frank Sinatra & Ella Logan - Old Devil Moon

Frank Sinatra & Duke Ellington - I Like Sunrise

Frank Sinatra & Duke Ellington - Sunny

Frank Sinatra - Body And Soul

Frank Sinatra - Night And Day

Frank Sinatra - Say It

Frank Sinatra & A.C. Jobim - Quiet Nights

Black in Libertà

Black in Libertà

Un'oretta di Black in libertà!

 

La scaletta:

 

Al Green - A Change Is Gonna Come

Aretha Franklin -  A Change Is Gonna Come

Otis Redding - A Change Is Gonna Come

Sam Cooke - A Change Is Gonna Come

Nina Simone - Mississipi Goddam

Otis Redding - Satisfaction

Stevie Wonder - Master Blaster

Nneka - Africans

Lee "Scratch" Perry - Disco Davil

Black Uhuru - Positive

John Holt - Jam In The Street

Ken Boothe - Everything I Own

Papai - Penza Penza

Jazz in Paris

Jazz in Paris

Puntata dedicata ai brani registrati live e in studio a Parigi dagli anni '30 ad oggi.

 

La scaletta:

 

Django Reinhardt - Nagasaki

Miles Davis - Au Bar Du Petit Bac

Chet Baker Quartet - Summertime

Bud Powell - Like Someone In Love

Keith Jarrett - Blues

Eddy Louiss & Michel Petrucciani - Autumn Leaves

John Coltrane - Ev'ry Time We Say Goodbye

Sonny Rollins Trio - I Can't Get Started

Vincent Peirani & Emile Parisien - Temptation Rag

Jacky Terrasson - I Love You More

Reggae Live in Paris

Reggae Live in Paris

La scaletta:

 

Burning Spear - Creation Rebel

Burning Spear - Door Peep

Alpha Blondy - Cocody Rock

Alpha Blondy - Jerusalem

The Gladiators - Hello Carol

The Gladiators - Look Is Deceiving

The Gladiators - Soul Rebel

Horace Andy - You Rascal You

Linton Kwesi Johnson - More Time

Steel Pulse - Blues Dance Raid

Roy Hargrove Quintet - Strasbourg St. Denis

Il tempo di un altro disco

Il tempo di un altro disco

Oggi ci è venuto a trovare nei nostri studi Fabio Ciminiera per parlarci del suo libro Il tempo di un altro disco, curando, per l'occasione, la programmazione musicale della puntata.

 

La scaletta:

 

Muddy Waters - I Just Want To Make Love To You

Gil Scott-Heron - The Revolution Will Not Be Televised

Jimi Hendrix - All Along The Watchtower

Miles Davis - Mademoiselle Mabry

Rudresh Mahanthappa - Both Hands

Michel Portal - Good Bye Pork Pie Hat

Omar Sosa - Reposo

Lou Donaldson - One Cylinder

Roy Hargrove Quintet - Close Your Eyes

Africa in Jazz

Africa in Jazz

La scaletta:

 

The Quintet - A Night In Tunisia

Duke Ellington - Afrique

Duke Ellington, Charlie Mingus, Max Roach - Fleurette Africaine

Miles Davis, Sonny Rollins - Airegin

John Coltrane - Liberia

Horace Silver - The Cape Verdean Blues

Art Blakey - The Egyptian

Aldo Romano, Louis Sclavis, Henri Texier, Guy Le Querrec - Daoulagad (à GLQ)

Michel Portal, Richard Galliano - Mozambique

Live in Autumn

Live in Autumn

La scaletta:

 

Paolo Fresu & Omar Sosa - Alma

Paolo Fresu & Omar Sosa - Under African Skies

Kamasi Washington - Leroy And Lanisha

Kamasi Washington - Cherokee

Dennis Bovell - Beefy's Tune

Dennis Bovell - Rowing

Gregory Porter - 1960 What?

Mauro Ottolini & Frank Lacy - How Come You Do Me Like You Do

Avishai Cohen - Remembering

Steve Wilson & Lewis Nash - Con Alma

Presentazione della giornata in ricordo di Eneas

Presentazione della giornata in ricordo di Eneas

Ospiti in trasmissione alcuni degli amici di Eneas

venuti a presentarci l'iniziativa di Domenica

per ricordare Eneas ed a finanziamento

delle spese legali per accertare

la Verità.

 

La scaletta:

 

Jean Grae feat. The Herbaliser - Mission Improbable

Jean Grae - Keep Livin'

Jean Grae - Hands On Experience

Tricky - Puppy Toy

The Roots feat. Erykah Badu - You Got Me

The Roots feat. John Legend - Hard Times

The Roots feat. Joanna Newsom - Right On

The Roots feat. Blu, Phonte & Patty Crash - The Day

Africa in Reggae

Africa in Reggae

La scaletta:

 

U-Roy - Jah Son Of Africa

Burning Spear - Ethiopians Live It Out

Lee "Scratch" Perry - Ethiopian Land

Lee "Scratch" Perry - Africa

Freddie McGregor - Africa Here I Come

Gregory Isaacs - Beautiful Africa

Dennis Brown - Promised Land

Dennis Brown - Africa We Want To Go

Peter Tosh - Mama Africa

Bob Marley & The Wailers - Africa Unite

Bob Marley & The Wailers - Zimbabwe

Burning Spear - African Postman

Aswad - Ethiopian Rhapsody

Jazz in Africa

Jazz in Africa

La scaletta:

 

Abdullah Ibrahim - African Marketplace

Abdullah Ibrahim - Chisa

Abdullah Ibrahim - Township Sunday

Zim Ngqawana - You Think You Know Me

Hugh Masekela - Nomali

Hugh Masekela - Maesha

Mulatu Astatke & The Heliocentrics - An Epic Story

Mulatu Astatke - Yegelle Tezeta

Mulatu Astatke & The Heliocentrics - Mulatu

Abdullah Ibrahim - Joan-Cape Town Flower

Africa

Africa

Oggi puntata dedicata alla musica africana

 

La scaletta:

 

Ali Farka Touré with Ry Cooder - Soukora

Ali Farka Touré with Ry Cooder - Ai Du

Fela Kuti - Zombie

Tony Allen with Africa 70 - Jealousy

Orlando Julius - My Girl

Miriam Makeba - Oxgam

Baaba Maal and Luciano - Africans Unite

Manu Dibango - Bona Sango

Alpha Blondy - Rasta Poue

3impulse!:'70

3impulse!:'70

Terza monografia dedicata alla impulse!

incentrata sugli anni '70.

 

La scaletta:

 

Alice Coltrane - Blue Nile

Archie Shepp - Damn If I Know (The Stroller)

Pharoah Sanders - Hum-Allah-Hum-Allah-Hum Allah

Keith Jarrett - The Rich (And The Poor)

Keith Jarrett - Blue Streak

Gato Barbieri - Nunca Mas

Gato Barbieri - Milonga Triste

Yusef Lateef - Psychicemotus

George Arvanitas - Ain't Misbehavin'

Live: estate 2015

Live: estate 2015

Puntata dedicata ai concerti estivi in giro per l'italia in questo mese di luglio 2015!

A fine trasmissione insieme a Marta (Esquina del Soul) un ricordo speciale per il Militant Barone che ci ha da poco lasciato.

 

La scaletta:

 

D'Angelo and The Vanguard - Sugah Daddy

D'Angelo and The Vanguard - The Door

Lauryn Hill - Feeling Good

Lauryn Hill - Every Ghetto, Every City

Nneka - Believe System

Nneka - Pray For You

Cassandra Wilson - Lover Come Back To Me

Brad Mehldau - Blackbird

Paolo Fresu and Uri Caine - Doxy

Marcus Miller - Papa Was A Rolling Stone

Reggae Traditions

Reggae Traditions

Il giorno dopo il concerto di Damian Jr. Gong Marley a Roma ed a pochi giorni da quello di Jimmy Cliff, ci ascoltiamo qualche traccia della tradizione giamaicana con due interventi telefonici con Ras Giulio da Perugia e Sky High (Ja), storico road runner e talent scout sin dagli anni '70 dei più influenti artisti giamaicani, in questi giorni in Italia al seguito di Damian Jr. Gong Marley.

 

La scaletta:

 

Jimmy Cliff - Bongo Man

Jimmy Cliff - Many Rivers To Cross

Sky High The Mau Mau - Rastaman Passing By

Sky High The Mau Mau - Living Out Of A Suitecase

Burning Spear - Tradition

Bunny Wailer - Mellow Mood

 

Ornette Coleman

Ornette Coleman

Puntata dedicata ad Ornette Coleman

musicista rivoluzionario padre del free jazz.

 

La scaletta:

 

Ornette Coleman - Invisible

Ornette Coleman - Tears Inside

Ornette Coleman - Lonely Woman

Ornette Coleman - Free Jazz Part 1

Ornette Coleman - Ramblin'

Ornette Coleman - Blues Connotation

Ornette Coleman Original Quartet - Latin Genetics

Ornette Coleman Prime Time - Latin Genetics

Ornette Coleman - Matador

Charlie Haden and Ornette Coleman - O. C.

Charlie Haden and Keith Jarrett - Ellen David

Blues Boy King

Blues Boy King

Puntata dedicata alla musica del mitico B.B. King scomparso lo scorso 14 maggio 2015.

 

La scaletta:

 

B.B. King - Three O'Clock

B.B. King - Please Love Me

B.B. King - Rock Me Baby

B.B. King - Everyday I Have The Blues

B.B. King - Blues At Midnight

B.B. King - Blind Love

B.B. King - Did You Ever Love A Woman

B.B. King - Lucille

B.B. King and Eric Clapton - The Thrill Is Gone

B.B. King and Tracy Chapman - The Thrill Is Gone

B.B. King and Van Morrison - Early In The Morning

B.B. King and Gloria Estefan - There Must Be A Better World Somewhere 

Diretta telefonica con Mr. MoJo - Morgan Heritage

Diretta telefonica con Mr. MoJo - Morgan Heritage

AtticaBlues versione ridotta: oggi breve diretta telefonica con Mr. Mojo dei Morgan Heritage:

abbiamo parlato di migrazioni, omofobia e del Release Party del loro ultimo lavoro Strictly Roots,

in questi giorni in Italia.
 

La scaletta:

 

Morgan Heritage - Strictly Roots

Morgan Heritage - Light It Up

Morgan Heritage - We Are Warriors

Morgan Heritage feat. Shaggy - Keep On Jammin

Black Music

Black Music

La scaletta:

 

Ray Charles - Yes Indeed

Ray Charles - Hallelujah I Love Her So

Stevie Wonder - Respect

Nina Simone - It Be's That Way Sometime

Leon Thomas - Let's Go Down To Lucy's

Leon Thomas - L-O-V-E

Lonnie Liston Smith - Expansions

Curtis Mayfield - Get Down

Toots and The Maytals - Funky Kingston

Roy Ayers - He's Coming

Marcus Miller - Boogie On Reggae Woman

Kings Go Forth - One Day

The RH Factor - Crazy Race

Esperanza Spalding - Black Gold

 

Blue Note 2/2

Blue Note 2/2

Seconda puntata monografica dedicata alla storica etichetta americana Blue Note,

oggi dagli anni '60 ad oggi.

 

La scaletta:

 

Lee Morgan - The Sidewinder

Horace Silver - Calcutta Cutie

Jimmy Smith - Matilda

Art Blakey & The Jazz Messengers - Ping Pong

Lonnie Smith - Think

Sam Rivers - Downstairs Blues Upstairs

Michel Petrucciani, Jim Hall, Wayne Shorter - Bimini

Joe Henderson - Soulville

Bobby McFerrin and Chick Corea - Blue Bossa

Cassandra Wilson - Come On In My Kitchen

Norah Jones - Don't Know Why

Greg Osby - Invition

Jacky Terrasson - Plaisir D'Amour

Paolo Fresu and Uri Caine - Cheek To Cheek

Paolo Fresu and Uri Caine - Cowboys And Indians

Robert Glasper feat. Erykah Badu - Afro Blue

Robert Glasper - Why Do We Try

Bobby McFerrin and Chick Corea - Spain

100 anni di Billie Holiday

100 anni di Billie Holiday

Puntata celebrativa su Billie Holiday in occasione del centenario dalla nascita.

 

La scaletta:

 

Billie Holiday - Me, Myself And I

Billie Holiday - Easy Living

Billie Holiday - Now They Call It Swing

Billie Holiday - The Very Thought Of You

Billie Holiday - If Dreams Come True

Billie Holiday - Love Me Or Leave Me

Billie Holiday - Strange Fruit

Billie Holiday - Fine And Mellow

Billie Holiday - Summertime

Billie Holiday - Lover Man

Billie Holiday - Porgy

Billie Holiday - Gloomy Sunday

Billie Holiday - God Bless The Child

Billie Holiday - Cheek To Cheek

Billie Holiday - A Foggy Day

Billie Holiday and Louis Armstrong - My Sweet Hunk Of Trash

Billie Holiday and Louis Armstrong - You Can't Lose A Broken Heart

Billie Holiday - Moonlight In Vermont

Billie Holiday - They Can't Take That Away From Me

Billie Holiday - Sophisticated Lady

Billie Holiday - My Man

Nina Simone - Don't Explain

Dee Dee Bridgewater - Lady Sings The Blues

Dee Dee Bridgewater - Miss Brown to You

Cassandra Wilson - Strange Fruit

Cassandra Wilson - Crazy He Calls Me

Sarah Vaughan - East Of The Sun

Sarah Vaughan - Come Rain Or Come Shine 

Billie Holiday - Willow Weep For Me

Billie Holiday - I Love My Man

 

impulse! La casa costruita da Coltrane

impulse! La casa costruita da Coltrane

Seconda delle tre trasmissioni dedicate alla storica etichetta discografica impulse!

 

La scaletta:

 

John Coltrane - Africa

John Coltrane Quartet - Sofly, As In A Morning Sunrise

John Coltrane Quartet - Say It

John Coltrane Quartet and Johnny Hartman - My One And Only Love

John Coltrane Quartet - Alabama

John Coltrane Quartet - A Love Supreme Part II - Resolution

Archie Shepp - Cousin Mary

John Coltrane Quartet - Dear Lord

Intrecci tra Jazz & Jamaica

Intrecci tra Jazz & Jamaica

La scaletta:

 

The Skatalites feat. David Murray - Flowers For Albert

The Skatalites - African Freedom

The Skatalites feat. Lester Bowie - Ska Reggae Hi-Bop

Art Ensemble Of Chicago - Strawberry Mango

Art Ensemble Of Chicago - Odwalla Theme

Ernest Ranglin, Monty Alexander, Sly & Robbie - Surfin'

Monty Alexander with Sly & Robbie - Kool Step

Etienne Charles - Turn Your Lights Down Low

Burning Spear - Nyah Keith

Burning Spear - Columbus

Anteprima Cd Pastafari Dub, ospite Miss Fritty ed al tel Mad Professor

Anteprima Cd Pastafari Dub, ospite Miss Fritty ed al tel Mad Professor

Oggi ad Attica Blues abbiamo ospite Miss Fritty che ci ha portato in anteprima il suo lavoro Pastafari Dub in uscita l'8 maggio; per l'occasione interverrà telefonicamente Mad Professor, produttore di questo Cd.

 

La scaletta:

 

Angela Davis - Place And Time

The Boris Happening feat. Leslie Butler - Ghetto Funk

Miss Fritty feat. Michael Prophet - Maphia

Miss Fritty - Pastafarai

Miss Fritty - Sole D'Africa

Mad Professor vs Massive Attack - Bumper Ball Dub (Karmacoma)

Mad Professor vs Massive Attack - Spying Glass

Mad Professor vs Massive Attack - Backward Sucking (Heat Miser)

Peter Tosh - Fight Apartheid

Nina Simone - Baltimore

Stevie Wonder - Master Blaster

Earl Sixteen - Malcolm X

Gregory Isaacs - Mistake

Gregory Isaacs - Motherless Children

Toots and The Maytals - Pressure Drop

Toots and The Maytals - Never Grow Old

Bruno Mars feat. Damian Marley - Liquor Store Blues

Eve, Stephen Marley, Damian Marley - No, No, No

Skrillex and Damian Marley - Make It Bun Dem

Stylo G feat. Sister Nancy - Badd

D'Angelo and The Vanguard

D'Angelo and The Vanguard

La scaletta:

 

D'Angelo and The Vanguard - Ain't That Easy

D'Angelo and The Vanguard - Sugah Daddy

D'Angelo and The Vanguard - Really Love

The RH Factor feat. D'Angelo - Bullshit

D'Angelo - Spanish Joint

Lauryn Hill feat. D'Angelo - Nothing Even Matters

D'Angelo - Lady

The RH Factor feat. D'Angelo - I'll Stay

Marcus Miller - Papa Was A Rolling Stone

Nneka - Africans

impulse! The New Wave of Jazz

impulse! The New Wave of Jazz

Prima puntata dedicata alla storica etichetta americana impulse!

 

La scaletta:

 

Ray Charles - Moanin'

J.J. Johnson & Kai Winding - This Could Be The Start Of Something Big

John Coltrane - Greensleeves

Duke Ellington & Coleman Hawkins - Limbo Jazz

Duke Ellington & John Coltrane - My Little Brown Book

Duke Ellington Trio - Amour, Amour

Sonny Rollins - Hold 'Em Joe

Charles Mingus - Mood Indigo

Max Roach - Lonesome Lover

Gabor Szabo - Bang Bang (My Baby Shot Me Down)

Coleman Hawkins - Desafinado

Charlie Haden - Song For Che

Count Basie - Secrets

Alice Coltrane - Journey In Satchidananda

 

Youths Of the World

Youths Of the World

Collegamento telefonico con Ras Tewelde raccontando Shashamane, l'associazione YoW e l'Etiopia.

 

La scaletta:

 

Harry J Allstars - African Breakfast

Peter Tosh - Rightful Ruler

The Linkers - Nyah Man Story

Ras Tewelde - One Way Ticket

Bongo Herman - Chairman Of The Board

Mulatu Astatke - Tezeta

Mulatu Astatke - Yegelle Tezeta

Mulaut Astatke - Yekermo Sew

Burning Spear - Tradition

 

Blue Note parte1

Blue Note parte1

Prima delle due puntate dedicate alla Blue Note Records, casa editrice discografica statunitense fondata nel 1939 da Alfred Lion e Francis Wolff, due immigrati ebrei tedeschi, che ne furono proprietari e direttori per molti anni. Per la Blue Note incisero quasi tutti i nomi più importanti della scena jazz e non solo, soprattutto nei decenni 1950 e 1960, periodo affrontato in questa prima puntata con il nostro critico bastardo Luca Labrini.

 

La scaletta:

 

Billie Holiday - Them There Eyes

Charlie Parker - Moose The Mooche

Art Blakey & The Jazz Messengers - Now's The Time

Jimmy Smith - I Got A Woman

John Coltrane - Blue Train

Cannonball Adderley - Autumn Leaves

Duke Ellington - Caravan

Lee Morgan - The Joker

Herbie Hancock - Watermelon Man

Sonny Rollins - Misterioso

Bobby McFerrin & Chick Corea - Blues Connotation

 

 

ECM - il più bel suono dopo il silenzio. Ospite il nostro critico bastardo Luca Labrini

ECM - il più bel suono dopo il silenzio. Ospite il nostro critico bastardo Luca Labrini

Viaggio musicale intorno alla ECM (Editions of Contemporary Music), etichetta discografica fondata nel 1969 da Manfred Eicher a Monaco di Baviera, in Germania. Questa etichetta discografica è divenuta riferimento per una generazione di jazzisti a partire dai tardi anni Sessanta.

 

La scaletta:

 

John Surman - Figfoot

Keith Jarrett - The Koln Concert, Part 2c

Keith Jarrett Trio - Ain't Misbehavin'

Charles Lloyd Quartet - The Water Is Wide

J. Surman, T. Rypdal, V. Storaas - Gone To The Dogs

Stefano Bollani - Easy Healing

Enrico Rava & Gianluca Petrella - Art Deco

Oregon - Pepé Linque

L. Konitz, B. Mehldau, C. Haden, P. Montian - Lullaby Of Birdland

Dave Holland Trio - Take The Coltrane

Sam Rivers - Verve

Keith Jarrett - It's All In The Game

3 monografie intorno al Jazz, ospite Luca Labrini

3 monografie intorno al Jazz, ospite Luca Labrini

Tre puntate monografiche intorno al Jazz,

con il nostro critico bastardo Luca Labrini:

partiamo dal 1959, anno particolarmente ricco per le uscite discografiche;

ci focalizziamo sul personaggio di Rudy Van Gelder, fonico d'avanguardia;

ed infine facciamo un salto al Village Vanguard, storico locale di New York.

 

Le scalette:

 

1959

 

The Dave Brubeck Quartet - Take Five

The Dave Brubeck Quartet - Three To Get Ready

Miles Davis - Flamenco Sketches

John Coltrane - Giant Steps

John Coltrane - Naima

Charles Mingus - Better Git It In Your Soul

Charles Mingus - Jelly Roll

Charles Mingus - Moanin'

Ornette Coleman - Lonely Woman

Ornette Colaman - Tomorrow Is The Question

Bill Evans - Peri's Scope

 

Rudy Van Gelder

 

John Coltrane - I Want To Talk About You

Sonny Rollins - St. Thomas

Jimmy Smith - Step Right Up

Miles Davis and Milt Jackson - Bag's Groove

Duke Ellington and John Coltrane - Angelica

Art Blakey & The Jazz Messengers - Like Someone In Love

Blue Mitchell - Fungii Mama

Thelonious Monk - Hackensack

John Coltrane Quartet - Say It

Miles Davis - It Never Entered My Mind

Art Blakey & The Jazz Messengers - Moanin'

Donald Byrd - Slow Drag

Wayne Shorter - Speak No Evil

Lou Donaldson - Spaceman Twist

 

Live At The Village Vanguard

 

Sonny Rollins - Softly, As In A Morning Sunrise

John Coltrane - Softly, As In A Morning Sunrise

Bill Evans Trio - Gloria's Step

Keith Jarrett - De Drums

David Murray - Morning Song

Joshua Redman - St. Thomas

Jason Moran - Crepuscle With Nellie

Attica del Soul

Attica del Soul

Una super puntata in fusione Attica Blues e La Esquina del Soul accompagnati da un ospite d'eccezione, Jahcomazzo voce dei Percezionesestosenso. Si apre celebrando la vita  di Maya Angelou, dopo la sua recente scomparsa, per poi proseguire con un lungo viaggio in reggae soul e cumbia per tutto il continente Americano. La musica come mezzo di affermazione e comunicazione dell'afroamericanità con tutto il patrimonio delle proprie radici.

Attica del Soul

Attica del Soul

Una super puntata in fusione Attica Blues e La Esquina del Soul accompagnati da un ospite d'eccezione, Jahcomazzo voce dei Percezionesestosenso. Si apre celebrando la vita  di Maya Angelou, dopo la sua recente scomparsa, per poi proseguire con un lungo viaggio in reggae soul e cumbia per tutto il continente Americano. La musica come mezzo di affermazione e comunicazione dell'afroamericanità con tutto il patrimonio delle proprie radici.

Eritrea-Lampedusa: intervista a Ribka Sibhatu

Eritrea-Lampedusa: intervista a Ribka Sibhatu

La scrittrice eritrea Ribka Sibhatu, che vive da molti anni a Roma e scrive in lingua italiana, spiega le ragioni della manifestazione di domani mattina a piazza Montecitorio, convocata dal Coordinamento Eritrea Democratica, per i morti di Lampedusa.

 

l'appello:

http://www.asper-eritrea.com/home-dettaglio.asp?id_normative=314

 

il volantino:

www.asper-eritrea.com/public/documents/VOLANTINO3.pdf

Le ragazze di Asmara

Le ragazze di Asmara

 
Nella puntata di lunedì 5 dicembre 2011, abbiamo ospitato negli studi di Radio OndaRossa Sabrina Marchetti, autrice del libro Le ragazze di Asmara. Lavoro domestico e migrazione postcoloniale, appena pubblicato nella collana sessismoerazzismo dell'editore Ediesse, e Chiara Ronchini, co-regista insieme a Lucia Sgueglia del documentario Good morning Abissinia (Italia, 2005, 40’).
 
Il documentario, girato nel 2004 nelle strade intorno alla stazione Termini, da sempre luogo di incontro della comunità etiope ed eritrea di Roma, narra un viaggio dalla speranza alla disillusione, in cui l’Italia, vista da Asmara e da Addis Abeba quasi come una sorella, si trasforma in una terra "matrigna".
 
Nel libro, il viaggio da Asmara a Roma è raccontato attraverso le voci delle donne eritree arrivate in Italia negli anni sessanta e settanta per lavorare come domestiche nelle famiglie romane, intervistate da Sabrina Marchetti nell'ambito di una ricerca sulle migrazioni e sul lavoro femminile. Le «ragazze di Asmara» sono state le prime straniere impegnate in un lavoro che caratterizza tuttora la migrazione femminile nel nostro paese ma, a differenza delle donne di altre nazionalità (filippine, capoverdiane, peruviane), sono arrivate qui perché noi eravamo là: dunque la loro identità si costruisce a partire dall’esistenza di un passato legame coloniale fra l’Italia e il proprio paese di origine.
 
In entrambi i casi, nel libro e nel documentario, l'autonarrazione diventa una strategia di resistenza e di rovesciamento delle gerarchie di potere tra colonizzati e colonizzatori: quella che ci viene offerta è una lezione di storia dal basso, dal punto di vista delle soggettività che sono sempre state ridotte al silenzio. Inoltre, i lavori delle nostre ospiti ci permettono di tracciare un filo che unisce in maniera indissolubile il nostro passato coloniale alle migrazioni contemporanee.
 
Le ragazze di Asmara sarà presentato venerdì 9 dicembre alle 19.00 a "Kespazio! per una ricerca queer e postcoloniale", il nuovo caffé letterario della Casa internazionale delle donne, nell'ambito di un incontro dal titolo Asmara-Roma andata e ritorno. Viaggi, architetture e storie rimosse, nel corso del quale sarà proiettato, oltre al documentario di Chiara Ronchini e Lucia Sgueglia, anche il film Ainom, di Mario Garofalo e Lorenzo Ceva Valla (Italia, 2011, 94’).
 
La colonna sonora di questa puntata di Attica Blues è una raccolta di gemme portate dalla schiavitù: musica nera che spazia da una sponda all'altra dell'Atlantico Nero, a partire da 400 Years di Bob Marley fino a Fight Apartheid di Peter Tosh.
 
Questa è l'ultima puntata di Attica Blues che va in onda il lunedì sera perché dalla prossima settimana avremo un nuovo orario. A partire da giovedì 15 dicembre, saremo in diretta su radio OndaRossa ogni giovedì pomeriggio dalle 16 alle 17.
 
 

Corpi neri in vendita: pubblicità razziste #2

Corpi neri in vendita: pubblicità razziste #2

 
Nella puntata di lunedì 19 settembre 2011, proseguono le nostre riflessioni sulle pubblciità razziste iniziate la settimana scorsa. In particolare, stavolta ci concentriamo sull'intreccio fra razzismo e sessismo, analizzando le rappresentazioni dei corpi delle donne nere nelle pubblicità diffuse nell'Italia contemporanea e rilevando anche la riproposizione di immagini stereotipate che risalgono a una mentalità schiavista e coloniale. Alcune delle immagini di cui parliamo si possono vedere qui e qui.

La prima della stagione: pubblicità razziste #1

La prima della stagione: pubblicità razziste #1

 
Di ritorno dopo una lunga pausa estiva, la prima puntata di Attica Blues nella stagione 2011/2012: il nostro nono anno di trasmissioni.
 
Musica nera e diasporica, dall'Africa all'America Latina, che fa da sottofondo alle nostre riflessioni su alcune recenti pubblicità razziste e sulle strategie di marketing delle grandi multinazionali, che usano i corpi di uomini e donne nere per commercializzare i loro prodotti. Alcune delle immagini di cui parliamo si possono vedere qui.
 

Italiani neri

Italiani neri

 
Nel maggio del 2006 vi avevamo raccontato che Pap Khouma, scrittore senegalese di nascita e cittadino italiano, era stato aggredito da quattro controllori del trasporto pubblico, che gli avevano intimato di mostrare il biglietto mentre stava camminando per la strada a Milano. In seguito, ha dovuto affrontare un processo in cui i controllori-aggressori si sono trasformati nelle vittime e lui nell'imputato.
 
Ora Pap Khouma racconta in un libro quell'episodio, intrecciando le proprie esperienze autobiografiche con le storie vere di altri italiani e altre italiane dalla pelle nera.
 
Per interrogarci su quanto la linea del colore incida sulla nostra percezione dell'italianità e per comprendere cosa significhi oggi essere black italians, in questa puntata vi proponiamo alcuni brani tratti Pap Khouma, Noi italiani neri. Storie di ordinario razzismo, Baldini Castoldi Dalai 2010.
 
 

Oscar Grant sei tu

Oscar Grant sei tu

 
Nella puntata di lunedì 19 luglio 2010:
 
In apertura della trasmissione un collegamento dal presidio permanente che si sta svolgendo davanti al Cie di corso Brunelleschi a Torino.
 
L'8 luglio scorso si è concluso il processo contro Johannes Mehserle, il poliziotto bianco che il primo gennaio del 2009 aveva ammazzato il ventiduenne afroamericano Oscar Grant, alla stazione di Oakland (California). In seguito all'omicidio c'erano stati scontri e proteste per le strade di Oakland e si era formato un comitato per chiedere giustizia contro la violenza e gli abusi della polizia nei confronti della gente nera.
Mehserle è stato riconosciuto colpevole di omicidio involontario, nonostante in rete abbiano girato video e foto dell'omicidio. La giuria era composta da dodici giurati, tutti bianchi, e il poliziotto si è difeso sostenendo che si era confuso: pensava di avere in mano il taser e non la pistola... ed era convinto che Oscar fosse armato, anche se quando gli ha sparato il ragazzo era steso a terra, di spalle e ammanettato.
Anche nella notte subito dopo il verdetto la gente è scesa in strada per protestare, spaccando vetrine e finestrini delle auto in diverse città della California: sono state arrestate almeno 50 persone.
 
In questa puntata di Attica Blues ne parliamo a partire dai commenti di Mumia abu Jamal - in diretta dal braccio della morte - pubblicati su http://www.prisonradio.org pochi giorni dopo l'omicidio e subito dopo il verdetto (di seguito le traduzioni di entrambi gli interventi e i link per ascoltarli in lingua originale).
 
 
Mumia Aby Jamal, Oscar Grant e tu, 17 gennaio 2009
fonte: http://www.prisonradio.org/oscar_grant.htm
ascolta: http://www.prisonradio.org/audio/mumia/2009MAJ/01Jan09/1-23-09OscarGrantMAJA.mp3
 
Come te, anch'io ho visto il video registrato col cellulare dell'omicidio del ventiduenne Oscar Grant, di Oakland, California.
E sebbene sia veramente una cosa terribile da vedere, c'è qualcosa che è ancora più scioccante. Ed è il modo in cui i media hanno risposto a quest'omicidio poliziesco, creando una strategia difensiva basata sull'errore.
Questa strategia difensiva, che sostiene che lo sbirro che ha ammazzato Oscar Grant possa aver confuso la sua pistola con il suo taser, è stata offerta sia dai cronisti locali che da quelli nazionali – sebbene essi non avessero ascoltato nemmeno una parola pronunciata da Johannes Mehserle, il poliziotto della BART (Bay Area Rapid Transit, la polizia della baia di San Francisco) che non è stato intervistato per settimane dopo aver ucciso un uomo disarmato!
Se tu ti fossi mai domandato qual è il ruolo dei media, ecco una lezione per te. Scoprirai così che la pretesa che i media ufficiali siano obiettivi non è altro che una crudele illusione.
Immagina questo: se i ruoli fossero rovesciati, e cioè se fosse stato Grant ad ammazzare Mehserle, credi che i media avrebbero suggerito una strategia difensiva per lui?
Grant sarebbe stato libero di girare, o di lasciare lo stato una settimana dopo?
Sarebbe stato liberato su cauzione?
L'omicidio di Oscar Grant III non è altro che l'ultima versione, la versione West Coast della storia di Amadou Diallo, di Sean Bell e di centinaia di altri uomini neri – e, come nei loro casi, non ti sorprendere se tutto si concluderà con un'assoluzione – ancora una volta.
Oscar Grant sei tu – e tu sei lui, perchè lo sai dal vuoto nel tuo stomaco che aversti potuto essere tu, e che la stessa cosa sarebbe potuta accadere anche a te.
Lo sai.
E la cosa peggiore è questa: tu paghi per questo ogni volta che paghi le tasse, e sostieni questo ogni volta che voti per degli uomini politici che si svendono in un battito di cuore.
Tu paghi perchè i tuoi assassini ti uccidano, nel nome di una legge falsa e perversa, e paghi per una legge che li difende.
C'è qualcosa di terribilmente sbagliato qui – ed è il sistema stesso.
Finché non cambierà, niente cambierà, perché noi saremo ancora là fuori per le strade – scandendo un nome diverso.
Questo è Mumia Abu Jamal, in diretta dal braccio della morte.
 
  
Mumia Aby Jamal, Il processo Mehserle, 10 luglio 2010
fonte: http://www.prisonradio.org/7-11-10TheMehserleTrial.html
ascolta: http://www.prisonradio.org/The%20Mehserle%20Trial%20short.mp3
 
Dopo il verdetto di omicidio involontario nel processo contro Johannes Mehserle, il poliziotto che ha ucciso Oscar Grant, centinaia di manifestanti sono scesi per le strade di Oakland, in California, la città di Grant.
I titoli dei giornali si sono interrogati sui motivi della protesta, visto che il ragazzo era stato condannato.
Ma i manifestanti sapevano che il sistema giudiziario avrebbe fatto di tutto per concludere il processo con la pena più leggera possibile, omicidio involontario, anche se Mehserle rischiava una condanna fino a quattro anni di prigione.
Sapevano che Mehserle non sarebbe stato giudicato da una giuria nera e che il processo si sarebbe svolto a migliaia di chilometri da Oakland.
Sapevano che ognuna di quelle centinaia di persone avrebbe potuto essere Oscar Grant, disarmato e ammazzato in un video, e che la stessa cosa sarebbe potuta accadere ad uno di loro.
Ovviamente, i media ufficiali questo non lo sapevano.
Considerate questo: se Oscar Grant fosse stato l'aggressore, accusato di aver ucciso Mehserle, avrebbe potuto lasciare lo stato? (Mehserle è fuggito in Nevada alcuni giorni dopo aver sparato a Grant) Sarebbe stato capace di far trasferire il processo a centinaia di chilometri di distanza? Sarebbe stato capace di selezionale una giuria di soli neri - o comunque una da cui tutti i bianchi erano stati epurati?
Sarebbe stato condannato per omicidio involontario, alla faccia delle prove mostrate nel video?
Chiunque prenda onestamente in considerazione queste domande, conosce le risposte. Cosa ci dice questo sul sistema giudiziario?
Cosa ci dice del nostro presente che si suppone cieco davanti al colore della pelle?
Tutto questo ci dice forte e chiaro che esiste una legge per alcuni; e un'altra legge per tutti gli altri.
Ci dice che vivere in un corpo nero non è la stessa cosa che vivere in un corpo bianco – e quelle centinaia di manifestanti a Oakland tutto questo se lo sentivano nel sangue.
Questo è Mumia Abu Jamal, in diretta dal braccio della morte.
 

La quarta sponda

La quarta sponda

 
Nella puntata di lunedì 29 marzo 2010:
 
Selezioni musicali dalle ex colonie italiane nel Corno d'Africa: Somalia, Etiopia, Eritrea.
Ospiti in studio: Daniele Comberiati, autore de La quarta sponda. Scrittrici in viaggio dall’Africa coloniale all’Italia di oggi (Caravan Edizioni, Roma 2009) insieme alle fondatrici della casa editrice indipendente Caravan, che si occupa di viaggio e migrazioni, di movimento e confini, intesi come luoghi geografici e letterari d'incontro e confronto.
 
La quarta sponda rappresentava l’ideale prolungamento del nostro Paese al di là del Mediterraneo, l’Africa coloniale italiana. Da lì partono le storie delle donne intervistate in questo libro: nove autrici di lingua italiana originarie delle ex colonie attraverso la loro scrittura ci riconsegnano una parte dimenticata del nostro passato facendosi portatrici di un’italianità nuova. Luciana Capretti dalla Libia, Cristina Ubax Ali Farah e Igiaba Scego dalla Somalia, Erminia Dell’Oro, Elisa Kidané e Ribka Sibhatu dall’Eritrea, Gabriella Ghermandi, Maria Abbebù Viarengo e Martha Nasibù dall’Etiopia. Attraverso queste interviste Daniele Comberiati riannoda le fila di una storia che non è solo nostra dandoci l’occasione di leggere gli eventi dal punto di vista di chi li ha vissuti dall’altra parte del mare, di ascoltare i racconti e le vicende umane di chi ha sentito la necessità di vivere la scrittura non solo come recupero storico, ma come impegno sociale e civile, per raccontare un’identità sospesa fra due continenti e fra due secoli.   
 
Daniele Comberiati è nato a Roma nel 1979 dove si è laureato nel 2003 presso il DAMS con una tesi su Sandro Penna. Ha vissuto in Francia e in Belgio. Attualmente lavora come ricercatore di letteratura italiana presso l’Université Libre di Bruxelles, dove nel 2008 si è addottorato con una tesi sulla letteratura italiana della migrazione, Scrivere nella lingua dell’altro: la letteratura degli immigrati in Italia (1989-2007), che sarà pubblicata nel 2010 dalla casa editrice Peter Lang. Ha partecipato a diversi convegni internazionali sul tema della letteratura migrante e del postcolonialismo pubblicando numerosi saggi accademici a riguardo. Ha collaborato con diverse riviste come «Carta», «Avvenimenti», «Altreitalie» e «Zapruder» ed è stato redattore della rivista on-line del Sindacato Nazionale Scrittori, «Le reti di Dedalus». Nel 2006 è uscito il suo primo romanzo I Commensali pubblicato dalle Edizioni Fiori di Campo di Pavia. Nel 2010 uscirà per Edilet Tra prosa e poesia: la modernità di Sandro Penna.  
 
 

Moyenei a sostegno di ROR

Moyenei a sostegno di ROR

nella puntata di lunedì 4 maggio 2009:
 
l’opinione di Genevieve Makaping: Un po’ umani, ma non troppo, «Internazionale», n. 792, 24 aprile 2009, pag. 28
 
dopo l’ennesima aggressione razzista a Tor Bella Monaca, è stata convocata un’assemblea pubblica per organizzare una mobilitazione antirazzista nel quartiere: l’appuntamento è per giovedì 7 maggio alle 19.00 al "Che"ntro sociale di Tor Bella Monaca, in largo Ferruccio Mengaroni, 11
 
presentazione dell’iniziativa di sabato 9 maggio a Strike: Moyenei, Baracca Sound e Downtown Rockers a sostegno di Radio OndaRossa
 
dal 7 al 13 maggio si svolge l’ottava edizione del Tekfestival: segnaliamo tra l’altro la proiezione di Passing e Fuori/Outside, di Kim Ragusa, scrittrice e regista di discendenza afroamericana e italoamericana, sabato 9 maggio alle 18.30 al cinema Aquila, con l’introduzione di Caterina Romeo
 

A sud di Lampedusa

A sud di Lampedusa

 
Ospite in studio Stefano Liberti, autore di A Sud di Lampedusa. Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti, Minimum Fax 2008
 
Stefano Liberti è uno dei pochissimi giornalisti italiani che da anni seguono gli aspetti meno conosciuti dei movimenti migratori dall'Africa verso l'Europa: tutto ciò che accade a sud di Lampedusa.
Senza fidarsi dei luoghi comuni o lasciarsi abbindolare dai proclami sull'integrazione che verrà, ha scelto di esplorare con i propri occhi la «geografia del transito» tra il Sahel e il Maghreb.
Ha incontrato migranti che preferiscono chiamarsi avventurieri, politici africani sudditi dei diktat europei, indiani bloccati in mezzo al deserto e piccole città sorte dal nulla: tutta l'infinita umanità che vive attraversando o presidiando confini. Fino a trovare chi non si aspettava: se stesso. Un cittadino bianco di quella stessa Europa che, con le sue politiche, determina come si vive o si muore in Africa. Un reporter per cui il solo modo onesto di documentare è lasciarsi coinvolgere dalle storie in cui si imbatte.

Martedì grasso contro il pacchetto sicurezza

Martedì grasso contro il pacchetto sicurezza

nella puntata di lunedì 23 febbraio 2009:
 
presentazione dell’iniziativa di martedì 24 febbraio al csoa Ex-Snia a sostegno di RadiOndaRossa
 
presentazione dell’iniziativa di venerdì 27 febbraio al Loa Acrobax a sostegno delle mobilitazioni contro il pacchetto sicurezza
 
presentazione dell’iniziativa di sabato 28 febbraio al Casale Podere Rosa a sostegno di Geologia Senza Frontiere
 
letture da A sud di Lampedusa, di Stefano Liberti (Minimum Fax 2008)

Intervista a David Hilliard (seconda parte)

Intervista a David Hilliard (seconda parte)

nella puntata di lunedì 21 aprile 2008:
 
Seconda parte dell’intervista a David Hilliard*
membro fondatore ed ex-Capo di Stato Maggiore del Black Panther Party
Roma, 11 aprile 2008
 
La settimana scorsa abbiamo parlato di Obama, e tu dicevi che la novità non sta nel candidato, ma nel movimento che lo sostiene: in questa rinascita di consapevolezza e di interesse per la politica da parte dei giovani. Come si esprimono le loro voci? ci sono delle novità anche nei loro linguaggi e nei loro atteggiamenti?
 
Loro cercano di utilizzare il processo politico per ottenere un cambiamento sociale. Ad esempio, l’America ha speso milioni di dollari in questa guerra, e i giovani che sostengono Obama sperano che grazie a lui si riesca a porre fine alle ostilità in Iraq, in Afghanistan, in Africa, in Somalia. E allora questi milioni di dollari potrebbero essere investiti nella politica interna: ad esempio per costruire nuove scuole, per creare occupazione e per l’assistenza sanitaria. È questo il motivo di tanto entusiasmo da parte della gente: la possibilità di una ridistribuzione delle risorse economiche in programmi per le comunità, per la politica interna; e anche la possibilità di risanare le ostilità su cui si basano le relazioni degli Stati Uniti con le altre comunità negli altri paesi del mondo. Per questo c’è tanto lavoro da fare, e ci vorrà del tempo, se Obama vince. Così funziona il processo per trasformare il sistema politico, ma serve del tempo per ottenere un cambiamento, e dobbiamo essere consapevoli che il cambiamento politico deve provenire dall’interno del sistema, non dall’esterno. Le manifestazioni servono per attirare l’attenzione sui problemi, ma poi bisogna lavorare dall’interno per modificare le condizioni contro cui si sta manifestando. La speranza è che le persone coinvolte oggi nel processo politico in America, saranno capaci di gestire il sistema in maniera diversa da come i politici hanno fatto finora. E se non dovesse funzionare, allora queste persone avranno il potere di rovesciare il sistema: facendo nuove manifestazioni e costruendo nuovi movimenti, come negli anni sessanta. La differenza è che ora ci sono dei movimenti che sono attivi da dieci anni, non è solo da un anno. Non è come negli anni sessanta, in cui facevi una manifestazione davanti al carcere e poi tornavi a casa e aspettavi un anno prima della prossima manifestazione. No, adesso ci sono movimenti che lavorano da cinque anni, da dieci anni, per ottenere un cambiamento sociale. Movimenti che lavorano sulle questioni ambientali, contro il sistema carcerario, per l’istruzione, per l’occupazione, e che continueranno a farlo per i prossimi dieci anni. E se riusciranno ad ottenere un cambiamento sociale non sarà solo per l’America, ma per il mondo intero.
 
Sono rimasta colpita da una frase che hai detto durante il dibattito alla Factory occupata. Parlando della repressione attuata dal governo negli anni sessanta e settanta per distruggere ogni forma di resistenza critica, hai affermato che oggi negli Stati Uniti non esiste un vero movimento, e che l’unico vero movimento è il movimento hip hop. Dicevi sul serio o era solo una provocazione?
 
No, è la realtà. Ci sono questi gruppi frammentati di cui ti parlavo prima: ad esempio ci sono gruppi che lavorano per cercare di ottenere una riforma del sistema carcerario, ma non sono un movimento di massa, non sono un vero movimento. Sono singoli gruppi che lavorano su una questione particolare e sono limitati geograficamente. C’è un solo movimento in America, che non è limitato all’America ma influenza tutto il mondo – in Brasile, in Italia, a Cuba, in Germania, in Svizzera, nel Regno Unito – e si chiama hip hop. Perciò, senza dubbio, questo è un movimento, anche se è un movimento reazionario. Ma forse i giovani diventeranno più consapevoli, e useranno questo fenomeno culturale come un mezzo per ottenere il controllo e per cominciare a educare altri giovani, piuttosto che per vendere dischi, per convincere la gente a comprarsi le nike, a portare il cappello rivolto all’indietro oppure ad usare certe espressioni idiomatiche. Perciò penso che ci sia qualcosa di positivo che può emergere dal movimento hip hop. Come in ogni cosa, ci sono aspetti positivi e negativi. Perciò, credo che la gente che vuole organizzarsi in un movimento, dovrebbe provare a individuare le contraddizioni positive che ci sono nel movimento hip hop, e prenderne il controllo. Perché guardandomi intorno, anche qui in Italia, ho visto tanti ragazzi che sembrano uguali ai ragazzi di New York, perché anche loro guardano MTV. Perciò forse il movimento hip hop potrebbe contribuire a costruire dei movimenti progressisti. Ma di sicuro questo è un movimento globale, che è nato in America e che ora controlla il mondo intero.
 
Credi che la musica hip hop abbia contribuito a mantenere viva l’eredità politica e culturale del Partito della Pantera Nera?
 
Sì, questo è vero per alcuni artisti. Ad esempio Common è un artista consapevole, ha fatto qualcosa di consapevole. Anche Chuck D e i Public Enemy, alle origini, erano l’espressione musicale del nostro Partito della Pantera Nera e della sua militanza. Ci sono persone come i Fugees, con Lauryn Hill e Wyclef Jean. C’è anche Nas, che io considero un rapper consapevole. E prima di loro, agli inizi, c’erano persone come gli Afrika Bambaataa o KRS One, che avevano introdotto degli elementi di consapevolezza nell’hip hop delle origini. Insomma ci sono delle espressioni di consapevolezza che riconosco nel movimento hip hop. E poi ovviamente io ho usato l’hip hop come un veicolo per far conoscere la nostra storia, creando un nostro gruppo rap che si chiama The Black Panther Fugitives, con cui abbiamo fatto due cd. Nel gruppo ci sono i figli di due membri del Partito della Pantera Nera e c’è anche mio figlio, che rappresenta un po’ la continuazione dell’eredità delle Pantere. Perciò usiamo questo gruppo come un mezzo per continuare a raccontare la nostra storia, come una nuova fonte di idee. E usiamo questo veicolo per infondere nuove idee nella gente, così che non vadano in giro solo dicendo cose come «shake your booty» e «bling bling» e roba del genere. Forniamo loro un nuovo vocabolario, nuove parole e nuove espressioni che possono contribuire al loro empowerment. Ecco come usiamo questo mezzo espressivo.
 
Parliamo anche delle contraddizioni interne che caratterizzano questo genere musicale. Ad esempio, Radio Onda Rossa ha contribuito fin dalle origini alla diffusione del rap e del reggae in Italia. Abbiamo sempre suonato molta musica black, ma abbiamo deciso di fare una scelta: ad esempio ci rifiutiamo di suonare e promuovere questa musica quando esprime macismo, sessismo e omofobia. E non accettiamo che la storia della schiavitù e del razzismo venga utilizzata come una giustificazione per questi atteggiamenti. Tu che ne pensi?
 
Certo, è questo il nostro ruolo, il nostro compito: dobbiamo criticarli. Il ruolo dei movimenti progressisti è di criticare ciò che è controproducente e reazionario, e di chiamarlo col proprio nome. Dobbiamo usare questo mezzo per contrastare la cultura e le liriche omofobe. Ogni volta che troviamo delle espressioni negative nell’arte – come in questo caso – dobbiamo trovare il modo di contrastarle, di far sapere alla gente esattamente che cosa sta succedendo ed educare la gente rispetto alla necessità di un messaggio che unisca la gente, piuttosto che un messaggio che la divida e la opprima. E questo riguarda il mezzo espressivo dell’hip hop nel suo complesso: è assolutamente inutile quando promuove solo sesso e materialismo. Questo è ciò che la gente sembra voler comprare. Sono molto critico verso questa generazione di giovani tra i 18 e i 25 anni. Perché comprano questa spazzatura? Perché continuano a sostenerla? Alcuni dicono: non ci interessa il messaggio, ci piace la musica. Vergogna! Perché le liriche sono molto ma molto pericolose. Forse i portafogli dei rappers dovrebbero essere meno pieni, e dovrebbero cominciare ad usare dei buoni ritmi, accanto a dei messaggi migliori. Perché a volte scelgono dei ritmi davvero noiosi, quando fanno delle rime politiche. Va bene far ballare i giovani, ma facciamoli ballare con una musica che contribuisce a liberarli. Non con una musica che continua a opprimerli, che riproduce l’oppressione di genere, il sessismo e l’omofobia che vengono perpetuati attraverso questo mezzo espressivo chiamato hip hop.
 
Un’altra contraddizione secondo me è rappresentata dalla commercializzazione e dalla mercificazione: un rapper può essere il portavoce della comunità, oppure può usare la musica solo per costruire una carriera individuale. Secondo te come possiamo fare a usare la musica come uno strumento per accrescere la consapevolezza e per contribuire a un progresso collettivo?
 
Prima di tutto possiamo cominciare creando i nostri artisti e la nostra cultura; poi possiamo cominciare a fare le nostre produzioni, i nostri programmi radiofonici; e infine possiamo cominciare a educare la gente a non sostenere le tendenze reazionarie di questa industria musicale. Questo è l’unico modo per rovesciare questo sistema: che la gente smetta di sostenerlo. La gente può scegliere: non deve sostenerlo. I ragazzini di 13-14 anni, che sono interessati solo alle cose materiali, guardano le immagini che mostrano macchine costose e belle ragazze, e si dimenticano che è solo un video, che non c’è nulla di reale: che i cantanti non possiedono davvero quelle macchine, che è solo uno spot pubblicitario fatto per vendere più dischi. Perciò dobbiamo educare i giovani a comprendere cosa è meglio per loro, perché ovviamente sono influenzati da tutto questo materialismo e non si interessano all’ideologia, ai contenuti. Perciò l’unico modo è sostenere gli artisti che sono dei compagni e che sono più consapevoli. Perché la maggioranza degli artisti ha un contratto con una casa discografica, il che significa che non sono liberi di fare quello che vogliono fare: devono fare quello che la casa discografica impone loro (e questo è un errore comune che la gente commette). Anche quando si chiamano Common o Erykah Badu, se lavorano per la Sony, che è una multinazionale, non sono liberi di fare quello che vogliono, almeno finché saranno sotto contratto con quell’etichetta. Perciò noi vogliamo qualcuno che sia indipendente, che sia libero di raccontarci storie che servano a stimolare la gente, a educarla, e non qualcuno che sia coinvolto in quella roba inutile e superficiale promossa dall’industria musicale. Perché l’industria musicale serve solo a perpetuare il capitalismo, non certo a promuovere il cambiamento sociale. Nell’hip hop ci sono diverse categorie: il pop, l’underground, il rhythm & blues; e questo vale anche per i conscious rappers, nei negozi di dischi c’è una categoria specifica anche per loro. Ma i soldi vanno sempre alla stessa casa discografica. Quindi sono tutti schiavi dei contratti discografici che hanno firmato, non sono davvero padroni di sé stessi, e su questo bisogna essere chiari. Perciò, se tu mi chiedi come possiamo usare questi artisti, ti risponderò che forse non dobbiamo usare gli artisti che sono di proprietà delle case discografiche, perché le case discografiche impongono loro quello che devono fare. Siamo noi che dobbiamo creare i nostri artisti e avere i nostri circuiti di distribuzione. Questo significherebbe essere davvero indipendenti. La Black Panther Party Records è davvero indipendente, non abbiamo mai avuto una casa discografica per distribuire i nostri cd, anche se ci ho provato, ma loro dicono che «no… questa roba della Black Panther Party Records non funziona». Intendono dire che noi non parleremo della lotta "del culo", ma della lotta di classe. Invece di dire "muovi il culo", noi diciamo alla gente di leggere, e di come lottare per ottenere il potere. Per questo non ci offriranno mai un contratto: perché non ci atteniamo alle loro regole, non rientriamo nella loro formula. Ascoltare la musica in America è molto interessante: una sola compagnia controlla 130 stazioni radiofoniche. Perciò, se ascolto la radio a New York, e poi vado in California, a cinque ore di volo, ascolterò la stessa musica che potevo ascoltare a New York, perché loro controllano quella che viene chiamata la rotazione musicale. È così che funziona in America: non c’è possibilità di scelta, ascolti sempre la stessa musica, indipendentemente da dove ti trovi. Perciò noi dobbiamo creare dei nuovi linguaggi musicali.
 
Insomma direi che la tua filosofia in questo senso coincide con quello che noi chiamiamo autoproduzione… So che tu usi la musica hip hop anche nei tuoi corsi universitari sulla storia delle Pantere Nere. Ma la cosa che mi ha colpito di più è che pur non essendoti mai laureato, tu insegni regolarmente nelle università degli Stati Uniti. Parlami di questa esperienza: in fondo sei sempre stato allo stesso tempo un attivista e un osservatore, perché insegni quello che hai imparato dalla tua esperienza personale.
 
Sì, io ho sempre agito in prima persona, perciò mi considero un esperto in quello che insegno. Non ho alcun titolo universitario, ma ho 40 anni di esperienza nella storia delle lotte in America, ed è questo quello che insegno. Perciò sono un esperto in questo. Quando mi invitano a sedere accanto a degli accademici, per parlare della storia delle Pantere Nere, io spiego alla gente che un accademico è solo un accademico, che non è un attivista, e che non ha una vera conoscenza di ciò di cui sta parlando: la verità è quella della gente che ha fatto la storia. Perciò io ho le basi, ho il ruolo e ho l’opportunità di diffondere la nostra storia nelle aule universitarie. E io credo che per me quello sia il luogo appropriato in cui stare, dopo questi quaranta anni. Raggiungere queste giovani menti e insegnare a questi giovani delle università la verità sull’America e la verità sul nostro movimento: non c’è posto migliore in cui stare. Perché mi trovo in un ambiente in cui ci sono delle giovani menti che vogliono imparare quello che è successo e che hanno delle nuove idee. Come Partito della Pantera Nera, noi abbiamo un nostro metodo di insegnamento: noi diciamo che insegniamo alla gente «come pensare», e non «cosa pensare». Perché la maggioranza degli studenti ragionano in maniera completamente meccanica: non conoscono la sfida, non sanno pensare in maniera dialettica. Perciò noi gli insegniamo come decostruire: come ascoltare e poi arrivare da soli alle conclusioni. Gli forniamo una struttura, un metodo e un’ideologia per realizzare il cambiamento. Per questo a volte io divento una minaccia per il sistema: quando si rendono conto di che cosa sto insegnando, ricominciano a chiedermi delle credenziali, e dicono che non ci sono più fondi per un altro anno di corso. Ma il motivo reale è che gli studenti cominciano a impegnarsi, sanno come organizzarsi, sono motivati, e questo è davvero pericoloso. Perché io continuo a usare oggi il metodo che il Partito della Pantera Nera usava per creare il suo movimento, e lo faccio in qualsiasi luogo mi trovi. Non ho mai abbandonato la nostra agenda e il nostro entusiasmo per la possibilità di realizzare il cambiamento sociale. Sono sempre stato coerente, tenace e perseverante, e non ho mai rinunciato. Ho cercato dei nuovi metodi per comunicare le mie conoscenze, ed è questo che ho fatto negli ultimi anni, andando nelle scuole e nelle università, pubblicando libri, costruendo relazioni con il movimento hip hop: ho creato la casa discografica, ho usato l’hip hop come mezzo espressivo. Cerco sempre nuove modalità per comunicare quello che ho imparato alle generazioni di oggi.
 
So che stai lavorando per aprire una sede europea della Fondazione Huey P. Newton. Parlami di questo progetto.
 
Sono molto entusiasta di quello che sta succedendo durante questo viaggio in Italia, grazie a Pasquale e al centro sociale Zona Bandita di Venezia. È grazie a loro che sono qui, e spero che non sia solo per questi pochi giorni, perché stiamo tentando di costruire una collaborazione più duratura. Sto cercando, ancora una volta, di insegnare alla gente come lavorare per realizzare un cambiamento sociale. Ma per essere più efficaci, abbiamo bisogno di avere una presenza costante in Italia, che non si limiti alla settimana in cui io sono qui, ma che ci permetta di costruire delle connessioni con gli studenti e con i movimenti che lottano anche qui per realizzare un cambiamento sociale. Perciò sono molto entusiasta all’idea di avere un ramo della Fondazione nella comunità italiana. L’Italia sembra così lontana, ma in realtà oggi nel mondo siamo tutti interconnessi. Perciò è utile fondare una sede locale in Italia e in qualsiasi altra parte del mondo, per lavorare insieme sulla base di un’agenda comune E questo sarebbe un esempio meraviglioso di come i giovani in Europa cercano di lavorare insieme ai movimenti progressisti in America, non solo a livello teorico – magari leggendo i libri – ma con una presenza reale nelle comunità. Perché siamo tutti e tutte parte della stessa lotta. Perciò credo che questa sia un’ottima idea e tornerò ancora qui per condividere le nostre esperienze con i movimenti che lottano in Italia.

Intervista a David Hilliard (prima parte)

Intervista a David Hilliard (prima parte)

nella puntata di lunedì 14 aprile 2008:
 
Prima parte dell’intervista a David Hilliard*
membro fondatore ed ex-Capo di Stato Maggiore del Black Panther Party
Roma, 11 aprile 2008
 
Parlami di come è nato il Partito della Pantera Nera e di come è iniziato il tuo coinvolgimento personale.
 
Ero molto giovane quando sono entrato nel Partito della Pantera Nera. Ero appena ventenne nel 1966, quando il partito è stato fondato. Solo un anno prima, c’erano state numerose rivolte in America. La rivolta di Watts, del 1965, era la più nota tra quelle che avevano coinvolto la comunità nera: 47 persone erano state ammazzate e migliaia erano rimaste ferite per le strade di Watts. Nello stesso anno era stato assassinato Malcom X. Perciò c’era molta rabbia diffusa tra i giovani e nelle organizzazioni in America, quando cominciarono le rivolte, agli inizi degli anni sessanta. E nel 1966 fu fondato il Partito della Pantera Nera. Ma tra il 1966 e il 1968 c’erano state rivolte nelle città quasi ogni mese: effettivamente nel 1968 in America c’erano state 168 rivolte nel giro di sei mesi. E giustamente il 1968 è stato definito come l’anno della rivoluzione globale. Non solo in America, ma in tutto il mondo gli studenti si ribellavano: in Italia, nel Regno Unito, a Parigi, a Città del Messico, dove i giovani venivano uccisi dal regime fascista. Dunque il nostro partito nasceva in questi anni in cui il movimento per i diritti civili stava cominciando a esprimersi soprattutto attraverso la gioventù militante, piuttosto che attraverso la voce della gente che aveva marciato al fianco di Martin Luther King sostenendo la nonviolenza come mezzo per ottenere il cambiamento. C’era questo cambiamento in corso nel 1965: la gente affermava "Potere Nero" e reclamava la resistenza, piuttosto che le proteste sociali. E il nostro Partito della Pantera Nera nasceva proprio in seguito all’esperienza del movimento degli anni cinquanta e sessanta.
 
Lo slogan "All power to the people" sintetizza bene la capacità del partito di coinvolgere l’intera comunità, anche chi non era propriamente un militante o un attivista. Come riuscivate ad ottenere questo supporto da parte della gente comune?
 
Portavamo avanti dei programmi particolari, come quello delle colazioni gratuite per i bambini. I compagni si svegliavano tra le cinque e le sei del mattino per preparare il cibo e usavano gli spazi delle chiese per distribuirlo. All’inizio la gente della chiesa veniva lì solo per aprirci le porte. Ma poi, a un certo punto, anche loro cominciavano a partecipare attivamente e ci aiutavano a cucinare e a prenderci cura dei bambini (perché ovviamente era la cosa più giusta da fare per un cristiano). Insomma, noi davamo inizio al programma, ma poi la gestione del programma veniva affidata alla comunità. Noi cominciavamo un programma – come quello delle colazioni gratuite – ma poi i lavoratori della comunità venivano coinvolti personalmente nelle nostre attività. Perciò c’erano sempre i compagni delle pantere e i lavoratori della comunità, che lavoravano fianco a fianco nello stesso progetto. Col tempo il Partito della Pantera ha abbandonato il programma, e allora la comunità ne ha assunto il controllo. Bene, perché questo era esattamente quello che volevamo che accadesse. Perciò, ogni volta che intraprendevamo un programma – che fosse per l’assistenza sanitaria, per sfamare i bambini o per l’istruzione – noi davamo inizio al programma, ma poi lo lasciavamo nelle mani della comunità. Per questo la comunità era sempre coinvolta nel nostro lavoro.
 
Come è cambiato in questi anni lo spazio urbano delle metropoli statunitensi in cui realizzavate questi programmi sociali di autogestione? Quali sono le contraddizioni, le espressioni creative e le relazioni di potere che si producono nello spazio metropolitano? e quali sono le forme di controllo sociale e gli strumenti di resistenza oggi in atto?

Tante cose sono cambiate dall’epoca in cui era attivo il nostro movimento, negli anni sessanta. Allora lo spazio urbano era abitato da numerosi gruppi che si battevano per il cambiamento sociale, mentre adesso ci sono solo pochi gruppi. La maggioranza dei gruppi attivi oggi si batte per la questione dell’abitare e per il controllo del prezzo degli affitti, perché la gente non può permettersi di pagare l’affitto. Altri si occupano delle questioni ambientali, come il movimento dei verdi, ma non si concentrano solo sullo spazio urbano. E poi nel cuore della metropoli ci sono movimenti come Books not bars (libri e non sbarre), che lottano contro il carcere minorile, perché oggi ci sono tantissimi ragazzi tra i sedici e i diciassette anni rinchiusi nelle carceri minorili. Questi movimenti sostengono invece che sarebbe più utile cercare di istruire i giovani e di farli studiare, piuttosto che rinchiuderli in carcere, dove probabilmente diventeranno ancora più criminali. Ci sono poi organizzazioni che lottano contro quello che noi definiamo "il complesso industriale carcerario". In America ci sono più persone in prigione rispetto a qualsiasi altro paese al mondo. Il 13% della popolazione in America è costituita da afroamericani, ma siamo il 15% della popolazione carceraria. Tra i movimenti attivi nelle metropoli americane oggi, quello contro il sistema carcerario sta cominciando ad emergere come uno dei movimenti più importanti dai tempi in cui è nato il Partito delle Pantere Nere, negli anni sessanta.
 
In questi giorni, rispondendo alle domande dei giornalisti italiani sugli sviluppi del processo a Mumia Abu Jamal, hai ricordato che ci sono altri attivisti neri che sono in carcere da più tempo di lui.
 
Sì, queste persone sono state completamente dimenticate, pur essendo in prigione da così tanto tempo, proprio perché in America non c’è più un movimento attivo. Perciò c’è la necessità di rendere la gente consapevole della situazione di questi prigionieri, non solo in Italia. È necessario cominciare ad organizzare un movimento specifico in America, perché è solo coinvolgendo la gente che potremo riuscire a liberare non solo Mumia, ma tutte le persone che sono considerate dei prigionieri politici. È questo il punto: che ci sono molte altre persone in prigione oltre a Mumia. Mumia è solo una delle persone che sono in carcere come conseguenza del movimento degli anni sessanta, in particolare per aver partecipato al Partito della Pantera Nera. Ma ci sono molte altre persone che sono in prigione, o che ci sono state tanto quanto lui: persone che, come Mumia, sono state nel braccio della morte, e che poi hanno visto al loro sentenza commutata nell’ergastolo. Perciò noi dobbiamo lottare non solo per liberare Mumia dal carcere, ma per mettere fine alla carcerazione di tutti i prigionieri politici.
 
Ma tu credi che l’attenzione internazionale possa avere un peso su questa situazione? c’è qualcosa che possiamo fare anche dall’estero?
 
Io credo che, dovunque viviamo, siamo tutti e tutte coinvolte nella stessa lotta. Perciò sì, credo che dovremmo mantenere viva l’attenzione sulle persone che sono in carcere, specialmente i prigionieri politici, dovunque noi siamo. Sia in Italia che in tutte le altre comunità in Europa, dovremmo fare manifestazioni e campagne informative su come l’America ha rinchiuso in prigione questi giovani, soprattutto afroamericani o di origini ispaniche. E questo avviene perché c’è un monopolio, perché il complesso industriale carcerario genera un’economia: servono 35 mila dollari per mantenere un persona in carcere per un anno. E questi soldi potrebbero essere spesi meglio, ad esempio mandando queste persone a fare l’università in America, così potrebbero ottenere un’istruzione, e non rappresentare un problema per le comunità in cui vivono. Ma non avviene niente del genere, anzi, vengono spesi milioni di dollari per costruire altre carceri. Perciò penso che questo sia un problema che deve essere portato all’attenzione internazionale, per dimostrare quanto sia arcaico il modo in cui l’America tratta i propri cittadini, e quanto il sistema giudiziario sia un totale fallimento.
 
Parlami del ruolo delle donne nell’organizzazione interna del partito. Come venivano gestite le relazioni tra i generi?
 
Viviamo tutte e tutti in una società dominata dal maschile, una società patriarcale, sia in America che in Europa. Nelle nostre società gli uomini sono considerati superiori rispetto alle donne. E questo ovviamente si rispecchiava anche nel nostro movimento: la gente arrivava con questi atteggiamenti che permeano l’intera società, pensando di avere il diritto di controllare le donne, considerando le proprie compagne come una proprietà privata. Ma nel nostro movimento abbiamo sempre cercato di liberarci di questi atteggiamenti e di quest’idea che le donne fossero una proprietà. Nella nostra organizzazione le donne venivano considerate come uguali agli uomini, specialmente nel periodo in cui il Partito della Pantera Nera subiva la repressione delle forze dello stato. Perché le donne venivano picchiate, le donne venivano incarcerate, le donne portavano le pistole e svolgevano gli stessi ruoli che svolgevano gli uomini. Perciò non c’erano disuguaglianze tra donne e uomini, nemmeno quando la repressione divenne più dura. E anche successivamente, le questioni di genere diventavano un problema quando c’era gente che si univa al nostro movimento manifestando questi atteggiamenti e queste idee reazionarie. Perciò abbiamo sempre dovuto lottare per porre fine alla repressione e all’oppressione delle donne. La nostra organizzazione rappresentava un’esperienza innovativa in questo senso: le donne partecipavano alla leadership nel nostro movimento. E questo non era mai avvenuto in nessun altra organizzazione politica dell’epoca in America: né negli S.D.S. [Students for a Democratic Society] , né negli Weathermen , ma solo nel Partito delle Pantere Nere. Elaine Brown è stata alla guida del partito nel momento in cui si stava trasformando in un movimento globale, quando Huey Newton era in esilio. Prima di Elaine Brown c’era stata mia cognata che aveva fondato la prima sede del partito sulla east-coast, in Connecticut, ed era a capo di quella sede. Un’altra sorella chiamata Audrea Jones aveva fondato e diretto la sede di Boston, in Massachussets. Non c’era nessun altro movimento americano in cui le donne avessero raggiunto questi ruoli di comando. In pratica gli S.D.S. e tutti i cosiddetti movimenti progressisti dell’epoca venivano a incontrare il Partito delle Pantere Nere – perché noi tenevamo dei corsi di addestramento politico – e portavano questa questione al centro della discussione. Ci chiedevano come fare per raggiungere l’uguaglianza tra donne e uomini all’interno delle loro organizzazioni, perché noi eravamo più avanzati, e ci chiedevano consigli su come affrontare le questioni di genere, su come eliminare il sessismo dalle loro organizzazioni. Quindi noi rappresentavamo un modello, per gli altri movimenti, su come gestire i ruoli di genere all’interno di un collettivo rivoluzionario. In questo senso eravamo un’avanguardia.
 
In questi giorni di campagna elettorale, le primarie statunitensi destano grande interesse anche qui in Italia. In particolare, l’attenzione dei media si è concentrata sul significato simbolico del testa a testa tra Barack Obama e Hillary Clinton, perché è la prima volta che un afroamericano e una donna hanno la concreta possibilità di diventare presidente degli Stati Uniti. Ma essere neri o essere donna, secondo me, non è sufficiente. Quello che conta è come agisce, che cosa pensa politicamente quel soggetto, che sia un nero o una donna. Ad esempio, Condoleeza Rice è una donna ed è afroamericana, ma di certo il suo ruolo di potere non ha rappresentato un vantaggio per le donne o per gli afroamericani.
 
Hai perfettamente ragione. Ma la differenza tra Barack Obama – che io tendo a considerare come il migliore tra i due candidati – e Hillary Clinton, sta in ciò che Obama rappresenta. Non è solo l’esponente di una minoranza, come poteva essere anche Condoleeza Rice, che era stata designata da George Bush, un vero reazionario, e che ha messo in atto la sua stessa politica. Dobbiamo essere chiari a proposito di Condoleeza Rice: è una donna nera, ma ha messo in atto la politica del partito repubblicano e di George Bush. Quindi c’è una netta differenza con Barack Obama. Se Obama dovesse diventare presidente, avrebbe la sua linea politica per amministrare il paese. Non è il singolo individuo che può portare avanti il cambiamento progressista in cui noi speriamo, ma sono i milioni e milioni di nuove persone che sono coinvolte in questo processo elettorale. Ci sono persone che hanno votato per Barack Obama, che non avevano mai partecipato prima al processo elettorale, che non avevano fiducia nel processo elettorale, e che sono là perché ripongono una speranza in questo giovane uomo, che ha nuove idee, che si è sempre opposto alla guerra, che parla di come trattare con le lobbies, che parla di come usare i soldi non per costruire nuove carceri o per continuare la guerra, ma per costruire le infrastrutture nelle città. Perciò la speranza è che questi giovani tengano vivo il movimento, e che, se Obama sarà eletto, potranno fare pressioni sul governo, per far sì che il governo sia più responsabile nei confronti della gente. Perché è così che funziona la politica: il politico è in debito con l’elettorato che ha votato per mantenerlo al potere, e se all’elettorato non piace ciò che il politico sta facendo, allora gli elettori possono rimuoverlo dal suo seggio. Perciò tutte queste migliaia di persone che non sono mai state coinvolte prima nel processo elettorale, e che ora seguono Obama, speriamo che possano imporre un’agenda più progressista, per migliorare le condizioni di vita della gente in ogni parte del mondo: speriamo che ci sia una possibilità di discutere dei problemi dei giovani in Italia e in America, speriamo almeno che si crei la possibilità di una discussione, di cui possiamo beneficiare dovunque noi viviamo. Io credo che questa sia la reale possibilità che ci offre questo uomo nuovo, che porta nuove idee, e che è sostenuto da questo massiccio movimento, a cui dovrà rendere conto.
 
Continuo a nutrire qualche dubbio. Ad esempio, leggendo i programmi elettorali di Obama e Clinton (le loro posizioni sulla guerra, sull’assistenza sanitaria, l’istruzione, l’aborto…) io non vedo alcuna differenza, e tu?
 
Certo che c’è una differenza: Hillary Clinton rappresenta lo status quo, rappresenta il vecchio sistema che è sempre stato al potere, che è sempre stato un potere maschile, bianco e dominatore, tanto quanto quello di George Bush prima di lei: repubblicano, con la stessa rappresentazione storica, bianco, storicamente impegnato in un partito particolare, e con un certo tipo di idee. Obama invece è un uomo africano, suo padre è nato in Africa, sua madre è una donna bianca, e lui rappresenta le idee e le aspirazioni della gente che non ha mai avuto potere finora. Perciò, ci sono delle differenze in gioco tra lui e Clinton. E nonostante sia anche lui un membro del partito democratico, io spero che Obama possa cambiare anche le vecchie idee all’interno del partito democratico. Ma questo potrà avvenire solo grazie alle persone che votano per lui, che lo spingeranno a mantenere le promesse che ha fatto prima delle elezioni. In America le elezioni si svolgono ogni quattro anni, perciò io credo che se Obama non rispetterà le promesse fatte, le persone che gli hanno dato il potere glielo toglieranno. Sarà la cosa più giusta da fare, ma diamogli una possibilità, e stiamo a vedere che cosa succede. Non voglio dare troppa importanza a lui, quello che mi interessa sono quei milioni di persone che vogliono un cambiamento nel nostro paese: è questo che mi rende così entusiasta. Perché ho sempre sperato in un cambiamento progressista per l’America, non in un cambiamento contro-rivoluzionario o reazionario.
 
(fine prima parte)

U Brown, Erba Pipa e Baracca a sostegno di ROR

U Brown, Erba Pipa e Baracca a sostegno di ROR

nella puntata di lunedì 10 marzo 2008:
 
Presentazione dell’iniziativa di sabato 15 marzo 2008 al centro sociale Auro e Marco, a sostegno di Radio Onda Rossa.
 
Selezioni musicali tutte dedicate al DJ style: dalle positive vibes di un veterano del reggae giamaicano come U Brown, all’inconfondibile stile afrocampano di ErbaPipa, passando per il raggamuffin in dialetto romanesco di Baracca Sound e Duppy Conquerors.

Io negra, ti parlo bianca & il candidato post-razziale?

Io negra, ti parlo bianca & il candidato post-razziale?

nella puntata di lunedì 25 febbraio 2008:
 
Presentazione dell’iniziativa di sabato 1° marzo 2008 al LOA Acrobax: inaugurazione della sala prove/registrazione Renoize, realizzata all’interno dell’ex cinodromo anche grazie alle sottoscrizioni delle dancehall contro il fascismo e del cd della Roma Reggae Coalition, la prima autoproduzione dell’etichetta Renoize. Ne parliamo con un compagno di Acrobax e dell’Associazione "I Sogni di Renato", che ci racconta al telefono il percorso per la realizzazione di questo progetto: uno dei sogni di Renato che diventa realtà.
 
Storie di ordinario razzismo: rassegna stampa su diversi episodi di razzismo che si sono verificati nel corso dell’ultima settimana in Italia e nel resto del mondo.
 
Sabato 23 e domenica 24 febbraio si è svolto a Roma FLAT (Femministe e Lesbiche Ai tavoli): tra i vari tavoli di discussione ce n’era anche uno su femminismo e razzismo… Il collettivo Clitoristrix di Bologna ha distribuito una poesia di Beulah Richardson intitolata Io negra, ti parlo bianca, che affronta il tema della relazione problematica tra donne nere e bianche, tra il black feminism e il femminismo bianco occidentale. Poeta, attrice e attivista afroamericana scomparsa nel 2000, Beulah Richardson ottenne una nomination all’Oscar come miglior attrice non protagonista nel 1967, per aver interpretato il ruolo della madre di Sidney Poitier nel film Indovina chi viene a cena.
 
Segnaliamo infine un commento di Alessandro Portelli sulla campagna presidenziale negli Stati Uniti: Barack Obama, candidato post-razziale? (Il Manifesto, 5 febbraio 2008).
 

Change Is Gonna Come? seconda parte

Change Is Gonna Come? seconda parte

nella puntata di lunedì 4 febbraio 2008:
 
Ancora sulle primarie negli U.S.A. Il giorno prima dell’attesissimo supermartedì, tutti gli aggiornamenti sul testa a testa tra Barack Obama e Hilary Clinton, col sottofondo musicale di una compilation che raccoglie le voci dell’America nera negli anni delle battaglie per i diritti civili:
 
Change Is Gonna Come. The Voice Of Black America 1963-1973 (Kent Records, UK, 2007)
 
1. A Change Is Gonna Come – OTIS REDDING
2. Only In America – THE DRIFTERS
3. Forty Acres And A Mule – OSCAR BROWN JR.
4. Blues For Mr Charlie Pt 2 – LOU GOSSETT, PAUL SINDAB, JOE LEE WILSON & LITTLE BUTTER
5. Stay With Your Own Kind – PATRICE HOLLOWAY
6. We’re A Winner – THE IMPRESSIONS
7. Have You Ever Seen The Blues – YAPHET KOTTO
8. When Will We Be Paid? – THE STAPLE SINGERS
9. I Don’t Want Nobody To Give Me Nothing (Open The Door I’ll Get It Myself) – JAMES BROWN
10. And Black Is Beautiful – NICKIE LEE
11. The Ghetto – HOMER BANKS
12. Message From A Black Man – THE SPINNERS
13. Oh Lord, Why Lord – PARLIAMENT
14. We Are Neighbours – THE CHI-LITES
15. Cryin’ In The Streets Pts 1 & 2 – GEORGE PERKINS AND THE SILVER STARS
16. The Prayer – RAY SCOTT
17. I Was Born Blue – SWAMP DOGG
18. Run Charlie Run – THE TEMPTATIONS
19. The Revolution Will Not Be Televised – GIL SCOTT-HERON
20. Free At Last – JACKIE DAY
21. To Be Young, Gifted And Black – NINA SIMONE
22. George Jackson – JP ROBINSON
23. Someday We’ll All Be Free – DONNY HATHAWAY

Change Is Gonna Come? un nero alla casa bianca

Change Is Gonna Come? un nero alla casa bianca

nella puntata di lunedì 28 gennaio 2008:
 
Difficile scegliere tra la vittoria di un nero e quella di una donna… Sono passate solo due settimane dal Martin Luther King Day, l’anniversario della nascita del leader afroamericano dei diritti civili, e Barack Obama trionfa nelle primarie in South Carolina. La sua schiacciante vittoria ha avuto il voto degli afroamericani e dei giovani come motori propulsivi, mentre Hillary Clinton non è riuscita a conquistare neanche la maggioranza del voto femminile. Tutti gli aggiornamenti sulle elezioni negli Stati Uniti, col sottofondo musicale di una compilation che raccoglie le voci dell’America nera negli anni delle battaglie per i diritti civili:
 
Change Is Gonna Come. The Voice Of Black America 1963-1973 (Kent Records, UK, 2007)
 
1. A Change Is Gonna Come – OTIS REDDING
2. Only In America – THE DRIFTERS
3. Forty Acres And A Mule – OSCAR BROWN JR.
4. Blues For Mr Charlie Pt 2 – LOU GOSSETT, PAUL SINDAB, JOE LEE WILSON & LITTLE BUTTER
5. Stay With Your Own Kind – PATRICE HOLLOWAY
6. We’re A Winner – THE IMPRESSIONS
7. Have You Ever Seen The Blues – YAPHET KOTTO
8. When Will We Be Paid? – THE STAPLE SINGERS
9. I Don’t Want Nobody To Give Me Nothing (Open The Door I’ll Get It Myself) – JAMES BROWN
10. And Black Is Beautiful – NICKIE LEE
11. The Ghetto – HOMER BANKS
12. Message From A Black Man – THE SPINNERS
13. Oh Lord, Why Lord – PARLIAMENT
14. We Are Neighbours – THE CHI-LITES
15. Cryin’ In The Streets Pts 1 & 2 – GEORGE PERKINS AND THE SILVER STARS
16. The Prayer – RAY SCOTT
17. I Was Born Blue – SWAMP DOGG
18. Run Charlie Run – THE TEMPTATIONS
19. The Revolution Will Not Be Televised – GIL SCOTT-HERON
20. Free At Last – JACKIE DAY
21. To Be Young, Gifted And Black – NINA SIMONE
22. George Jackson – JP ROBINSON
23. Someday We’ll All Be Free – DONNY HATHAWAY
 

Razzismo, sessismo e violenza sessuale

Razzismo, sessismo e violenza sessuale

i temi della puntata di lunedì 5 novembre 2007:
 
Per lo scopritore della struttura del Dna, lo scienziato e premio Nobel James Watson, i neri africani sono meno intelligenti dei bianchi occidentali. Ma Watson non è nuovo a simili controversie: nel 1997 affermò che una donna avrebbe dovuto avere il diritto di abortire se dalle analisi fosse emersa l’omosessualità del suo bambino. Come se le scelte sessuali potessero essere ricondotte ad una caratteristica genetica… fonte
 
La stessa tesi biologista è alla base della campagna contro l’omofobia della Regione Toscana, che ha suscitato le proteste di Azione Gay e Lesbica. Questa campagna riduce infatti l’omosessualità a una componente biologica, cancellando l’autodeterminazione delle soggettività lesbiche e gay. http://www.azionegayelesbica.it/
 
"Se volete fare i giustizieri, non in nome delle donne", afferma Angela Azzaro su Liberazione. Veltroni, Prodi, Napolitano, Amato, con la scusa che l’uomo che ha seviziato Giovanna Reggiani è romeno, se la son presa con un intero popolo e con tutti i migranti, hanno trasformato la parte del pacchetto sicurezza che riguarda le espulsioni in un decreto legge da approvare subito, hanno invocato leggi speciali come se fossimo in guerra. Hanno, cioè, usato il corpo di quella donna, di tutte le donne, per affermare il loro potere. Un potere maschile e xenofobo. Ma il 90 % delle violenze sulle donne avviene in famiglia. Allora, Veltroni e Prodi, perché non espellete i maschi italiani??? fonte
 
Le donne di tutta Italia, i Centri antiviolenza e l’associazionismo femminista scenderanno in piazza sabato 24 novembre a Roma per condannare la violenza maschile contro le donne e per affermare, come protagoniste, la libertà di decidere delle loro vite nel pubblico e nel privato. http://www.controviolenzadonne.org/
 

Intervista a Tanya Stephens

Intervista a Tanya Stephens

 
nella puntata di lunedì 5 marzo 2007:
 
Intervista a Tanya Stephens
Venezia, 17 febbraio 2007
 
Parlaci del tuo nuovo album: Rebelution (VP 2006). Mi piace molto il testo del brano Do you still care, anche perché è la prima volta che un’artista giamaicana parla così esplicitamente dell’omofobia, paragonandola ad ogni altra forma di razzismo… Puoi spiegare al pubblico italiano perché hai scritto questa canzone?
 
«Sentivo il bisogno di scrivere una canzone sull’argomento, perché sono giamaicana, e… sfortunatamente, qualunque artista giamaicano si ritrova cucito addosso lo stigma che è stato creato dagli artisti giamaicani stessi. E visto che questi artisti, per affermare se stessi, finiscono per creare un’immagine negativa di ognuno di noi, ho sentito il bisogno di spiegare che loro non rappresentano tutta la Giamaica. Non sono d’accordo con nessun punto di vista che possa essere in qualche modo offensivo o dispregiativo nei confronti di qualsiasi gruppo di persone, e non ho bisogno di avere qualcosa in comune con un singolo gruppo, per poter imparare a rispettare coloro che ne fanno parte e tutte le loro differenze. Questo è il principio in base al quale io vivo la mia vita e suggerisco ad ognuna/o di vivere la propria. Perciò dovevo scrivere questa canzone, anche perché fa parte della mia vita e del mio lavoro: quello che dico fa parte del mio impegno per cambiare il sistema in cui viviamo. Ed è un lavoro duro quello di mostrare la strada con le nostre parole, ma ci sono tante cose che possiamo cambiare. Ci vogliono troppe energie per far cambiare a qualcuna/o le proprie scelte personali [le preferenze sessuali], ed è solo una perdita di tempo. Sono altre le cose per cui vale la pena di lottare, e io dovevo raccontare questa cosa, perché avevo davvero qualcosa da dire».
 
Che tipo di reazione ha avuto il pubblico quando hai cantato questa canzone in Giamaica?
 
«Ho avuto sempre reazioni positive. Ad un certo punto mi sembrava davvero di aver colpito i cuori della gente. Perché la verità è che nel mondo la gente si è fatta davvero un’idea sbagliata della Giamaica, che è terrificante: pensano che la Giamaica sia un paese omofobo, pensano che in Giamaica la gente sia tutta violenta e aggressiva, senza nessuna ragione, ma non è così. Sì, è vero, c’è la criminalità in Giamaica, ma c’è ovunque nel mondo. Sì, c’è la violenza in Giamaica, ma questo non vuol dire che non ci sia niente di positivo. Il popolo giamaicano è composto da gente di tutti i tipi: c’è una comunità gay molto numerosa, c’è gente di ogni razza, di ogni cultura, di ogni nazione, di ogni religione o credenza. Ci sono così tante persone diverse che vivono in Giamaica, e che vivono in pace, e la criminalità è relativamente poca. Io vivo in campagna e non ho mai assistito ad un crimine. So che esiste, e sento il dovere di essere consapevole di tutto ciò che mi succede intorno, perché parlandone posso cercare di essere d’aiuto, ma non ho mai assistito a un crimine e non sono mai stata vittima di un crimine. Io sento di dover parlare di quello che succede in Giamaica, ma Tanya Stephens non rappresenta tutti i giamaicani, così come quei ragazzi [i cantanti omofobi] non rappresentano tutti noi. La comunità gay è molto numerosa in Giamaica. Molti dei miei amici sono gay, ma io non me ne faccio un problema: non mi ero nemmeno accorta che lo fossero, fino a che la questione non è esplosa sui media. Non scelgo i miei amici in base alle loro preferenze sessuali – è casuale e non mi riguarda – e non considero le scelte sessuali come una questione di cui discutere: perché ci sono molte cose più importanti per cui lottare. Ma lasciami dire una cosa: la Giamaica non è come la rappresentano».
 
Sì, ma qui in Italia, noi che amiamo la musica reggae abbiamo un problema…
La nostra realtà è molto diversa da quella giamaicana: noi ad esempio, abbiamo un sound system autocostruito, che è nato proprio per dare voce a chi in questa società è stata/o sempre ridotta/o al silenzio. E abbiamo scelto il reggae proprio per la sua carica rivoluzionaria e per il suo messaggio politico. Perciò per noi c’è una profonda contraddizione, nel vedere che questa musica viene usata per diffondere messaggi di odio e di discriminazione verso qualsiasi forma di diversità…

 
«Io ho lo stesso problema che avete voi. Davvero. Quando ho cominciato ad appassionarmi alla musica, ero un’adolescente. Ho lasciato le scuole dopo le superiori, e la musica era il mio modo di ribellarmi. La mia famiglia mi diceva: vai all’università, trovati un lavoro fisso, vivi una vita normale… Ma io non sono mai stata “normale”. E il reggae era il modo più semplice per ribellarmi contro tutto questo e per dire: io sono qualcosa di diverso da come mi volete voi, vi chiedo solo di lasciarmi essere me stessa. Ed è così che ho cominciato a fare musica: andavo in giro con gli amici, stavamo all’angolo della strada a fumare erba… Ma con questo non voglio suggerire che questa fosse la cosa giusta da fare: dico solo che questo era il mio modo di ribellarmi alle loro imposizioni. Stavo solo cercando un modo per esprimere quello che sono, e l’ho trovato nel microfono. Certo all’inizio c’era anche una certa superficialità nel mio approccio con la musica, mentre adesso che sono cresciuta vedo meglio il lato più vero del reggae. Perciò è triste, ed è molto doloroso per me, sentire persone di altri paesi, che non conoscono la vera storia del reggae, che non conoscono tutti gli artisti che lavorano nell’industria del reggae, eppure ci descrivono come qualcosa di orribile. È triste, perché c’è tanta gente meravigliosa nell’industria del reggae, e invece c’è solo un gruppo molto piccolo, che ha creato quest’immagine [quello degli artisti omofobi]. Perciò provo la stessa delusione che provate voi. Quando vado da qualche parte e mi tocca difendere il reggae, per me è davvero doloroso, perché so che il reggae non si può ridurre all’immagine creata dagli artisti omofobici. Il reggae non è questo: è qualcosa che unisce la gente, è – come hai detto tu – un mezzo per dare voce a coloro che non hanno mai avuto voce. È il modo più facile per esprimersi. È uno dei pochi generi musicali rimasti al mondo che è ancora capace di parlare per coloro che soffrono. Perciò è un ottimo strumento da utilizzare, e il fatto che venga corrotto in questo modo è triste per tutte/i, inclusa me stessa».
 
A che età hai cominciato a cantare?
 
«Intorno ai sedici… diciassette anni. Ero molto giovane».
 
E come hai cominciato? è diventata subito una vera “professione”, oppure cantavi in chiesa o a scuola?
 
«Nooooo… [ridendo] lasciatemelo dire… io rispetto tutte/i ma non sono religiosa. Io andavo alla dancehall, quella era la mia chiesa!
All’inizio era puro divertimento. E quello è il periodo della mia carriera musicale che amo di più: quando andavo alla dancehall, prendevo il microfono per cantare, e non sapevo nemmeno come avrei fatto per tornare a casa.
Ma era così avventuroso, sai. Era davvero puro. E non ero toccata dal business e da cose del genere, che corrompono la musica e limitano la creatività. Era così… un hobby… solo per divertirmi».
 
Con quale sound system hai cominciato a suonare?
 
«Questa è una domanda difficile, perché la maggior parte dei sound system su cui ho cantato agli inizi sono sconosciuti, sono piccoli sound locali, della regione in cui sono nata, S. Mary. Dovunque sentivo che c’era un sound system che suonava, io andavo là e prendevo in mano il microfono. Ma ad un certo punto sono arrivati i sound system più grandi, a chiedermi di suonare con loro, come Kilimajaro. Suonavo con tutti i sound che erano popolari tra la fine degli anni ottanta e gli inizi degli anni novanta. Dovunque sapevo che c’era una discoteca all’angolo della strada, o un sound system che suonava, io prendevo l’autobus e andavo a sentirlo. E se sentivo una buona vibrazione, andavo là e gli chiedevo: hey, posso prendere il microfono? E così ho incontrato un sacco di gente».
 
E con quale sound system preferisci suonare? qual è il tuo preferito?
 
«Questa è una domanda difficile… In realtà non ho un sound system preferito, ma sono molto amica di Kilimanjaro: è davvero una bella persona e ho sempre fatto delle belle chiacchierate con lui, fin da quando ero un’adolescente, e ci parlo bene ancora oggi. Lui è davvero una persona intelligente: è una delle poche persone nella scena della dancehall che sono dotate di buon senso! Perciò con lui è facile fare una conversazione di un certo livello. È una persona vera, per questo mi piace parlare con lui. Perciò forse ho sbagliato a dire che Kilimanjaro è il mio sound preferito: è che mi piace come persona. Ma ascolto tutti i sound system, Exodus, Stone Love, tutti i sound. Certo, non voglio di mancare di rispetto a nessun sound, ma se mi chiedi con quale ho il feeling migliore, di sicuro è Kilimanjaro».
 
C’è un artista con il/la quale ti piacerebbe cantare insieme?
 
«No, non c’è nessun cantante in particolare con cui mi piacerebbe collaborare. Il mio approccio con gli artisti con cui collaboro è basato sul messaggio che vogliamo esprimere: devo trovare qualcuna/o che la pensi come me su un determinato argomento, piuttosto che cercare un grosso nome da mettere sul disco per promuoverlo, ma poi magari viene fuori qualcosa di falso… Preferisco cercare qualcuna/o con cui ho qualcosa in comune, e che può migliorare la canzone, piuttosto che cercare una celebrità per vendere meglio il disco. Non sono proprio quel tipo di artista…»
 
C’è un’altra canzone molto interessante nel nuovo disco, Warn dem, in cui denunci la fame e la violenza che affliggono la società giamaicana, assieme all’incapacità dei politici, che pensano solo ad intraprendere nuove guerre, mentre tu affermi invece la necessità di disarmare i giovani offrendo loro delle opportunità…
 
«Warn dem fondamentalmente è l’espressione di un altro dei principi filosofici in base ai quale io vivo, e cioè che noi tutt@ contribuiamo a costruire l’ambiente sociale in cui viviamo. Ognuna/o di noi contribuisce, anche se non fa nulla, perché se tu fai qualcosa puoi contribuire a fermare qualcos’altro che sta succedendo. Ognuna/o di noi contribuisce in qualche modo. E io volevo solo dire esplicitamente a tutte/i: facciamo qualcosa insieme, vi avverto, perché anche se voi non volete affrontare il problema, comunque il problema coinvolgerà anche voi. Se c’è un problema, non è mai colpa di una singola persona, tutt@ siamo responsabili, me compresa. Io vivo lì, perciò devo contribuire a risolvere i problemi, come ogni altra singola persona. Perciò dico solo: dai, cerchiamo di affrontare insieme i problemi».
 
Ma allora qual è, secondo te, la soluzione ai problemi della Giamaica?
 
«Non c’è mai una sola soluzione per così tanti problemi. Ma io credo che il primo problema da affrontare sia l’analfabetismo, che è una piaga nel nostro paese. Io credo che se noi cominciassimo dall’istruzione dei nostri bambini, risolveremmo già un problema annoso. Poi è chiaro che dovremmo fare un piano a lungo termine, perché non ci sono soluzioni immediate per i problemi che ci affliggono. Nell’ambito educativo, dovremmo cominciare dai più giovani. Nell’ambito sociale, dovremo cominciare ad insegnare alla gente ad accettare e a rispettare le altre persone e il loro spazio. E dovremmo cominciare ad insegnare l’armonia e l’amore… Negli anni settanta era una cosa grande, con gli hippy che parlavano di pace e amore, ma ora sembra che sia tutto finito, superato, mentre invece dovremmo tornare a insegnare semplicemente alla gente ad amarsi e a rispettarsi l’un l’altra/o. Perché se ami una persona non le fai del male, e rispetti il suo spazio. È una cosa molto semplice, ma funzionerà. E io sento che dovremmo cominciare dai giovani, perché gli adulti… sono cause perse! Non si può fare niente con loro. Ma se cominciamo dai bambini, dalle scuole, dai genitori, insegnando loro dei nuovi modi… abbiamo solo bisogno di cambiare la nostra cultura: la cultura è lo stile di vita della gente, non è qualcosa di fissato una volta per tutte, ma è il modo in cui vivi. Perciò, in qualsiasi modo vivi, quella è la tua cultura, non c’è bisogno che rimanga per sempre la stessa cultura della tua bisnonna. Anche perché lei viveva in un’altra epoca, quindi tu non devi fare le stesse cose. Perciò abbiamo bisogno di cambiare tutte quelle cose che non funzionano, senza problemi. Io stessa mi sono re-inventata diverse volte, e non ho rimpianti per questo. Amo quello che ho fatto quando ero un’adolescente, ma so di non esserlo più: adesso ho 33 anni, e so di non poter vivere più in quel modo, devo trovare una nuova me stessa da adulta… E io credo che con la società dobbiamo comportarci allo stesso modo, se vogliamo risolvere i nostri problemi».

Attica Blues: proposta di trasmissione

Attica Blues: proposta di trasmissione

 
Il 13 settembre 1971, nel carcere di Attica (stato di New York, U.S.A.), quarantatrè persone vennero trucidate e ottantotto ferite gravemente dai reparti speciali della polizia e dalla guardia nazionale americana. Le vittime erano trentatrè detenuti in rivolta e dieci guardie prese in ostaggio.
 
La protesta era iniziata quattro giorni prima come reazione alle condizioni disumane del carcere, dove l'85% dei prigionieri erano afroamericani e ispanici.
 
Nonostante le promesse di venire incontro alle richieste dei detenuti, il governatore dello stato, Nelson Rockfeller, la mattina del 13 settembre ordinò l’attacco: due elicotteri si alzarono in volo e cosparsero di gas lacrimogeno, mace e pepper tutta la zona, mentre i militari aprivano il fuoco con le armi pesanti, 4000 proiettili in 6 minuti per una carneficina che non deve essere dimenticata.
 
L’incubo di Attica continuò anche dopo: le centinaia di detenuti che avevano preso parte alla rivolta vennero torturati sistematicamente per mesi.
 
Da questo episodio, l’ispirazione per una trasmissione che sia musicalmente “black” e militante (jazz, hip hop, reggae, jungle, r’n’b, soul, funk…), con delle incursioni vocali, come poesie, frammenti di racconti e notizie sugli argomenti che questo episodio appunto ci ispira: dentro c’è il razzismo, la repressione, il carcere, l’impero e molto altro.
 
Attica Blues è il nome che abbiamo pensato per questo spazio. Dopo la strage infatti, molti musicisti militanti, sopratutto nel jazz, scrissero canzoni per non dimenticare. Tra queste c'è Attica Blues di Archie Shepp: la sigla della trasmissione.
 

Top Radio Onda Rossa - ondarossa AT ondrossa.info tel. 06491750 - C.C.P. 61804001
Cooperativa Laboratorio 2001, Via dei Volsci 56 00185, Roma - P.I 02150561005
Powered by Drupal