Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Nizza 5 giugno: azione femminista contro le frontiere europee

Data di trasmissione

Dal 2015 la politica europea di chiusura delle frontiere è stata rinforzata e la migrazione è stata ulteriormente criminalizzata. L’area Schengen continua a rafforzare un arsenale repressivo contro le persone costrette all’esilio. La chiusura delle frontiere serve solo a sviluppare le economie mafiose in cui sono organizzate tutte le forme di violenza contro gli/le esiliat*. Queste politiche di criminalizzazione della mobilità hanno un impatto particolare sulle donne, che rappresentano il 54% de* migrant* in Europa, così come sulle lesbiche e sulle persone transgender. Durante il tragitto di migrazione, ogni persona che non si conforma all’ordine patriarcale è oggetto di violenza di genere. Per rompere con questa storia militarista e patriarcale, il 5 giugno 2021 è stata organizzata una grande azione femminista transnazionale a Nizza, città strategica per la gestione della frontiera tra Ventimiglia e Mentone. Ne parliamo con una compagna di NUDM Ponente Ligure.

 

Solidarietà con i migranti, a Nizza assolto Cédric Herrou

Data di trasmissione

Cedric Herrou, un contadino residente in una vallata al confine fra la Francia e l'Italia noto per le sue attività di supporto verso i migranti in viaggio lungo il confine, è stato assolto dall'accusa penale di aver dato soccorso a stranieri privi di documenti, il tribunale di Nizza lo ha condannato solo al pagamento di una multa da 3000 euro, che peraltro potrebbe anche essere annullata nel proseguio amministrativo del procedimento.

Una sentenza positiva che arriva, come ci racconta il nostro corrispondente da Nizza, dopo una lunga serie di mobilitazioni in supporto e in solidarietà con Cedric.