Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Aggiornamenti dal presidio di Firenze per la strage di Viareggio

Data di trasmissione
Durata 9m 1s

Collegamento con Riccardo Antonini dal presidio di Firenze (di fronte al Palazzo di Giustizia, via A. Guidoni 61, ingresso Peretola)

 

Di seguito si riporta il testo del volantino diffuso durante il presidio di lunedì 13 ottobre 2014.

 

Contro sentenze al servizio dei padroni e dei manager di Stato,

Per la sicurezza ed il diritto di espressione

 

Il 4 giugno 2013 il giudice del lavoro del Tribunale di Lucca, sig. Luigi Nannipieri, aveva confermato il licenziamento di Riccardo Antonini. Una sentenza schierata apertamente dalla parte sbagliata: quella dell’imputato/rinviato a giudizio, cav. Moretti, il quale anziché garantire la sicurezza di cui c’è estremo bisogno in ferrovia, ha continuato a ripetere che in ferrovia “non esiste un problema sicurezza”. Nei suoi 8 anni di Ad delle ferrovie, sui binari hanno perso la vita oltre 50 lavoratori: 1 Vittima ogni due mesi!

Una sentenza complice con chi sacrifica la vita sull’altare del profitto e che, oggettivamente, istiga a penalizzare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Oltre al fatto gravissimo che costringe lavoratori e delegati Rls a non denunciare la mancanza di sicurezza e di salute per non subire intimidazioni, minacce, ricatti, licenziamenti(!).

 

Il 17 luglio 2014 la sentenza-vergogna viene confermata dal collegio della Corte di Appello di Firenze, sezione Lavoro, giudice/presidente, sig. Giovanni Bronzini, con i giudici/consiglieri sigg. Gaetano Schiavone e Simonetta Liscio. Come il cav. Moretti che non fa licenziare ma licenzia (anche di questo si è vantato), Bronzini tiene per sé gelosamente l’impugnazione presentata da Riccardo, avocandola a sé, in qualità di presidente del Tribunale. In mano ad altri potrebbe essere giudicata diversamente. Meglio non rischiare: superiori … e Moretti potrebbero risentirsi. Così se la tiene stretta stretta e con Ordinanza la respinge applicando l’art. 348 bis c.p.c.: “l’impugnazione è dichiarata inammissibile dal giudice competente quando non ha una ragionevole probabilità di essere accolta”. Un’ordinanza di 2 paginette scarne di falsificazione della realtà.

Rivendichiamo il diritto/dovere a denunciare questa sentenza di “classe”. A chi dice ormai la vergogna si è consumata, rispondiamo con la mobilitazione per svelare la natura di una magistratura genuflessa al potere e per evitare altre sentenze-vergogna.