Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Settimana tematica sul neocolonialismo in Africa al BAM

Data di trasmissione

Abbiamo contattato una promotrice della settimana tematica di iniziative che si terrà al BAM, Via dei Castani 42, sul Neocolonialismo in Africa. Riportiamo qui il testo pubblicato e il programma completo:

NEOCOLONIALISMO IN AFRICA.
Forme di sfruttamento e complicità tra occidente e governi locali.


«Le masse popolari in Europa non sono contro le masse popolari in Africa. Ma quelli che vogliono sfruttare l’Africa sono gli stessi che sfruttano l’Europa. Abbiamo un nemico comune».
Thomas Sankara, primo presidente del Burkina Faso, durante la riunione dell’OUA (Organizzazione per l’unità africana), Addis Abeba, 29 luglio 1987.

Recentemente la Fondazione Lelio e Lisli Basso (Centro internazionale di documentazione e ricerca, formazione e promozione culturale sulla società contemporanea) ha donato circa un migliaio di volumi alla Biblioteca Abusiva Metropolitana (BAM) su tematiche che riguardano il continente africano. Sono saggi e opere in lingua italiana e straniera di grande valore culturale.
Con l'occasione di presentare questa nuova sezione allestita nella biblioteca autogestita di Centocelle, abbiamo pensato di riprendere alcune riflessioni e proporre un'iniziativa che metta in luce la situazione di neocolonialismo che ancora lega le cosiddette potenze occidentali ai paesi africani.

Il colonialismo non è affatto finito, è solo in una nuova fase.
La conquista dell'indipendenza territoriale non ha portato automaticamente all'indipendenza economica e governativa: dietro nomi come “sostegno”, “collaborazione”, “sviluppo”, emergono nuove forme di controllo e detenzione del potere, che schiacciano le popolazioni, privandole della propria autodeterminazione e della possibilità di un reale e autonomo sviluppo. Spogliate delle proprie risorse, costrette in regimi neo-coloniali di sopraffazione politico-economica, le persone sono costrette a spostarsi, finendo spesso a vivere - male - proprio nei paesi che ne hanno provocato la migrazione. Qui la loro presenza è spesso accompagnata, nel discorso pubblico, dalla frase “a casa loro”: “Rimandiamoli a casa loro, che ritornino a casa loro, aiutiamoli a casa loro”.

Ma quello che succede “a casa loro” non ci viene raccontato.
Si parla generalmente di guerre, violenza e povertà: ma non delle cause, di quello che - e di chi - c'è dietro a queste situazioni. Il discorso mediatico e politico di massa nasconde il furto di risorse e lo sfruttamento del territorio portato avanti da aziende occidentali e multinazionali, gli accordi bilaterali che i governi europei stringono con le dittature africane, il commercio di armi che finisce per insanguinare i paesi africani, il debito che l'Europa incredibilmente continua a pretendere di riscattare: un silenzio che, in una parola, non ci parla del regime neocolonialista che ancora grava sugli africani, con il protagonismo dei paesi occidentali e la responsabilità di gran parte dei governatori africani.

Un silenzio che proveremo a spezzare con questa iniziativa, sperando di costruire insieme la conoscenza necessaria a unire le forze e lottare insieme.

Prestissimo il programma completo dell'iniziativa:

INAUGURAZIONE SABATO 13 MAGGIO, dalle ore 16.30
- dibattito "Neocolonialismo in Africa. Fomre di sfruttamento e complicità tra occidente e governi locali" diretta su Radio Onda Rossa, PUNTATA SPECIALE DI RADIO AFRICA!
- cena africana
- musica ed esposizioni fotografiche

DOMENICA 14 MAGGIO, dalle 17.30
- Proiezione docufilm "Le cauchemar de Darwin" di H.Sauper (2005) dibattito
- aperi-cena africana
- musica ed esposizioni fotografiche

MERCOLEDì 17 MAGGIO, dalle ore 19
- cinebam tematico, proiezione "Concerning Violence" di Göran Hugo Olsson (2014)
- apericena
- musica ed esposizioni fotografiche
DOMENICA 21 MAGGIO, dalle ore 12
- Pranzo a sostegno delle lotte della logistica
- Proiezione documentario "We come as friends" di H. Sauper (2014)) dibattito
- musica dal vivo ed esposizioni fotografiche