Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Quell* che non hanno il genere, ma hanno la classe del 29/04/2015 "Il calendario è bugiardo"

Data di trasmissione

Da “I Nomi delle Cose” del 29/03/2015

Quell* che non hanno il genere, ma hanno la classe,la rubrica di Denis ogni ultimo mercoledì del mese

http://coordinamenta.noblogs.org/post/2015/04/30/il-calendario-e-bugiardo/

“Il calendario è bugiardo”

Sveglia. In realtà no, non la sento mai. Allungo la mia mano destra verso il telefono, dove mi chiamano per tentare ancora di spillarmi soldi che non ho. Vado a passo spedito in cucina. Nel frigo c’è ancora un sacco di merda, che è quello che uno mangia per vivere, quando deve badare a spese. Apro le persiane, e quelle mi salutano con una brezza leggera e uno sguardo sul mondo. Da quando è arrivata la cementificazione il verde s’è fatto timido: una volta c’era un campetto in terra battuta che già a febbraio si ricopriva quasi interamente di margherite. Ora, senza rami, fuori da questa finestra un uccellino canta sopra un’antenna parabolica. Mi giro per andare a prendere un libro e una persona scende nervosamente le scale. Non ho bisogno di guardarla per saperlo, conosco bene il rumore degli scalini delle case popolari quando li calpesti in fretta. Respiro. Servirebbe una memoria storica per ricordarsi di cosa sia una memoria storica. Un numero imprecisato di esseri viventi muoiono per finire nel piatto o nello sfruttamento altrui. I bambini sono costretti a giocare in parchi giochi per paranoici, molto sicuri e molto noiosi. I poliziotti perlustrano, i giudici sentenziano, i giornalisti scrivono molte idiozie. Il calendario è bugiardo. Oggi non mi sento libero per niente.

Denis/Frantic

http://effettofarfalla.noblogs.org/2015/04/25/il-calendario-e-bugiardo/

A proposito di me

Immagine rimossa.

Sono uno che tra aranciata e coca cola sceglie il chinotto, tra uomini e donne cerca tutte le sfumature possibili, tra DC e Marvel ovviamente opta per la seconda e tra fascismo e stalinismo cambia domanda: potrei essere a occhio e croce il figlio illegittimo di un threesome fra Kropotkin, Mario Mieli e Angela Davis. Tra apollineo e dionisiaco propendo per sticazzi.

Mangio pane e diplomazia, il problema è che ho il metabolismo veloce. Sono sempre in ritardo. Cucino una merda. Ho la memoria fallace. Tra i miei più spiccati talenti si annoverano ansia, perfezionismo, manie ossessivo-compulsive, innate abilità di polemica e un’evidente inettitudine al vivere. Prendo tutto molto sul serio, spesso anche per il culo. Ma sotto uno strato di croccanti cereali, si nasconde un tenero iconoclasta col cazzo piccolo e il cuore grande.

Volevo essere un cyborg e madre natura mi ha accontentato secondo le sue possibilità, dandomi un approccio al mondo che ogni tanto porta gli altri a domandarsi se sono autistico. Altrove non s’è prodigata, ma ci sto arrivando io, rimediando con i dovuti upgrade. Ho una lib(r)ido vivace. Coltivo stranezze, agogno conoscenza; colleziono lipidi, disagi e inutili momenti di gloria. Capita talvolta che io riceva dei complimenti. Sono molto grato alle dolci parole che mi carezzano l’ego, ma nel grandioso disegno celeste non rappresento nient’altro che un primate mediocre in un universo eccitante, e per di più abito pure presso un indirizzo che per i corrieri non esiste.

La mia batteria viene ricaricata dai gatti, la solitudine, i succhi di frutta, la solidarietà degli oppressi, i miei hobby e le giornate soleggiate e ventose. Smantello l’esistente armato di penna, con tanto amore e altrettanto vetriolo; a mia discolpa posso dire che avevo poche alternative visto che non ho un sostanzioso conto in banca né la prestanza fisica per spaccare vetrine. Sono anni che quando dico la mia età non mi crede nessuno, ma solo finché non mi guarda in faccia: a quel punto di anni me ne danno anche meno.

Obiettivi esistenziali: diventare un fisico teorico e un autore pubblicato di poesia, narrativa e saggistica, in particolare divulgazione scientifica; tra le altre cose, vorrei essere un umano e un biscotto migliore. Un giorno sarò un adulto produttivo, affidabile e responsabile. Ehi, sto scherzando! Quella è roba da reazionari.

Sono parte del collettivo Intersezioni e  mi impegno in altri progetti che non riesco a seguire quanto vorrei.  Ogni ultimo mercoledì del mese curo la rubrica “Quell* che non hanno il genere, ma hanno la classe” su Radio Ondarossa, all’interno della trasmissione “I nomi delle cose” tenuta dalle compagne della Coordinamenta.

skype: implosionespontanea
jabber/email: frantic@hacari.org
GPG key-ID: 0xCFBB8507