Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Manda i tuoi materiali per la prossima scarceranda

Cosa sono le RSA?

Data di trasmissione
Durata 1h 2m 4s
Durata 19m 44s

Tre settimane fa abbiamo ospitato da questi microfoni il giornalista Nicola Borzi uno dei primi che ha scritto, delle morti per Coronavirus nelle Residenze Sanitarie per Disabili in un articolo intitolato “Coronavirus, nel Bresciano la strage silenziosa delle disabili psichiche” sulla strage di 22 donne internate presso l’Istituto psichiatrico Bassano Cremonesini di Pontevico. Con Nicola Borzi abbiamo approfondito cosa fosse successo dentro l’istituto psichiatrico in che modo era stata affrontata l’emergenza covid, quali le responsabilità. Abbiamo evidenziato i limiti dell’attuale modello di gestione dei corpi che dovrebbe portare a mettere in discussione un intero sistema di strutture segreganti, umilianti della dignità personale, lontanissime da qualsiasi logica di inclusione. Strutture in cui vengono costrette centinaia di persone per abbattere i costi, attraverso metodi e pratiche messe in campo sostanzialmente per far smettere le persone di essere un “fastidio improduttivo”.
Torniamo da questi microfoni per continuare a dare spazio all’inchiesta di Nicola Borzi perché nel suo ultimo articolo “Disabili psichici e coronavirus, emergono altre morti taciute” emergono ulteriori decessi nelle strutture psichiatriche: si tratta di 17 persone sulle 325 internate nel Centro Sacro Cuore, una residenza sociosanitaria per disabili psichici a San Colombano al Lambro (Milano) di proprietà della Provincia lombardo-veneta dell’Ordine ospedaliero San Giovanni di Dio – Fatebenefratelli.