Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Stop al genocidio nel Tigray

Data di trasmissione

Manifestazione globale in contemporanea in diverse città europee per chiedere la fine del genocidio della popolazione del Tigray, lo stop alla repressione da parte del governo di Addis Abeba e l'interruzione del sostegno alla presidenza etiope.

La nostra corrispondenza con la manifestazione romana, che si svolge di fronte alla sede del ministero degli affari esteri.

In Etiopia la guerra continua.

Data di trasmissione

E' di ieri la notizia che un attacco compiuto da droni di fabbricazione turca dell'aviazione etiope su un campo profughi ha provocato oltre 50 vittime civili. Si tratta dell'ennesima strage di un conflitto che continua ad insanguinare il corno d'Africa, nonostante si sia verificato qualche timidissima apertura diplomatica da parte del governo centrale di Addis Abeba. Sulla guerra civile in corso abbiamo chiesto allo storico Matteo Dominioni di fare il punto della situazione.

365 giorni di genocidio in Tigray: 4 nov presidio della diaspora tigrina sotto la RAI

Data di trasmissione

In Tigray si sta consumando una catastrofe umanitaria che nessun vuole vedere. La diaspora tigrina organizza questo giovedì 4 novembre 2021 dalle ore 14 un presidio sotto la sede Rai di viale Mazzini per denunciare il silenzio complice del nostro paese e dei nostri media. Ne parliamo con un compagno della diaspora.

Tigray: a un anno dallo scoppio della guerra

Data di trasmissione

Il conflitto tra il governo del premier Abiy Ahmed, aiutato dall'esercito eritreo di Isaias Afwerki, e quello del Tigray, dura quasi da un anno: undici mesi di guerra che hanno innescato una catastrofe umanitaria con migliaia di morti, milioni di sfollati, stupri, torture e abusi usati come strumenti di guerra, 400mila persone a rischio carestia e aiuti internazionali bloccati. Il governo ha tagliato l'elettricità, le comunicazioni, l'accesso degli aiuti umanitari, nessun servizio bancario. Molte zone sono interdette ai media dunque non è facile conoscere neanche il numero delle persone uccise sotto i bombardamenti. Siamo andati a cercare dei dati sul sito dell’OCHA – Office for the Coordination of Humanitarian Affairs delle Nazioni Unite: i dettagli e i numeri in costante aumento parlano di una catastrofe umanitaria è palese, ma è bene ribadirlo perché il resto del mondo, compresa l’Italia, sembra non capire la portata di questa situazione

Ne parliamo con un compagno della diaspora del Tigray in Italia.

Il conflitto in Tigray e la catastrofe umanitaria

Data di trasmissione

Nella regione etiope del Tigray si sta consumando una catastrofe umanitaria. L'Eritrea ha inviato le proprie truppe in Tigray in supporto all'esercito di Addis Abeba in lotta contro il Fronte di liberazione popolare del Tigray (Tplf). Il conflitto ha provocato lo sfollamento interno di migliaia di persone e la fuga di oltre 63mila tigrini nelle regioni confinanti del Sudan orientale, mentre l’Onu ha confermato il blocco dell'accesso alle vie di comunicazione, da parte dei militari, ha impedito la distribuzione di cibo e aiuti nella regione dove ormai l’80% della popolazione rischia di morire di fame. Ne parliamo con un compagno della diaspora del Tigray.

Guerra del Tigray: le origini dell'attuale crisi

Data di trasmissione

Con Valentina Fusari, ricercatrice dell'Università di Pavia e docente di Popolazione, Sviluppo e Migrazioni, approfondiamo le origini dell'attuale guerra del Tigray: partendo dalla colonizzazione italiana e giungendo fino ai giorni nostri, si analizzano le ragioni e le ripercussioni dell’ultima crisi umanitaria. A seguire, voci e racconti di donne e uomini presenti in piazza domenica 14 febbraio alla manifestazione "Fermiamo la guerra nel Tigray" indetta dall'Associazione Donne del Tigray.

Fermiamo la guerra in Tigray! 14 febbraio manifestazione a Roma

Data di trasmissione
Durata 38m 15s

Domani, 14 febbraio, dalle 10 alle 13 manifestazione in piazza della Repubblica indetta dalla Associazione donne del Tigray. Nel comunicato leggiamo: "Da oltre due anni la Regione del Tigray è assediata dagli eserciti etiopi ed eritrei, che bloccano i viveri e rifornimenti alla popolazione tigrina. I bombardamenti sulla popolazione civile inerme, su aeroporti ed ospedali si susseguono ininterrottamente. Sono passati tre mesi da quando il Tigray è stato invaso. I militari commettono sempre più di frequente attacchi alle donne, stupri, violenze fisiche e psicologiche".

Parliamo della situazione del Tigray e in particolare della catastrofe umanitaria che prosegue nel silenzio dei media e della comunità internazionale con RadioAfrica e con una esponente della Associazione Donne del Tigray che invita tutte e tutti alla manifestazione di domani