Inizia il processo per la lotta contro il CPR di Palazzo San Gervasio

Data di trasmissione
Durata 8m 6s

Inizia oggi il processo ai danni di compagne e compagni che si sono impegnati in questi anni a sostenere e a fare da megafono alle lotte delle persone recluse dentro al CPR di Palazzo San gervasio, in provincia di Potenza. Nella corrispondenza con una compagna di Campagne in Lotta, imputata nel processo, parliamo delle ragioni della lotta contro questo CPR, e di come le questura e la procura tentino di criminalizzare chi lotta contro queste strutture di detenzione.

Riportiamo il comunicato di alcunx imputatx:

Tribunale di Potenza - 14 febbraio 2023 - Sì, dei CPR vogliamo solo macerie Le violenze quotidiane all'interno del Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Palazzo San Gervasio (PZ) hanno raggiunto, ancora una volta, la cronaca nazionale. Il lager per migranti, già al centro di due inchieste che hanno portato anche all'arresto dell'ex sindaco di quel comune e al sequestro di numerose sostanze che venivano utilizzate per sedare in maniera coatta tutte le persone internate, è tornato sotto i riflettori per un servizio di “Striscia la notizia” che racconta abusi e violenze. Questo campo d'internamento ha una storia lunghissima ma, se si pensa solo agli ultimi anni, è stato inaugurato come CIE nel 2017, chiuso nel 2020 per "ristrutturazione" in seguito alle inchieste e riaperto nel 2021 con ulteriori fortificazioni volte ad impedire eventuali evasioni. Il CPR di Palazzo San Gervasio sembra essere uno strumento di tortura davvero importante per lo stato e quanto accaduto alla luce delle proteste della settimana scorsa nel centro di espulsione di Torino ne è una macabra dimostrazione. Infatti, stando ai racconti delle persone recluse nel CPR di Torino, il servizio della trasmissione televisiva “Striscia la notizia” andato in onda diviso in quattro parti il 20, il 21 gennaio e il 3 e 4 febbraio 2023, che raccontava le violenze e gli abusi avvenuti proprio nel CPR di Palazzo San Gervasio, ha fatto risuonare le condizioni di prigionia che riguardano tutte le persone recluse in attesa di espulsione nei lager italiani. Quelle immagini erano lo specchio di quanto accade ovunque, da Torino a Lampedusa, e per questo sono iniziati due giorni di proteste che hanno visto la distruzione di una grande porzione del CPR torinese. Per una volta, un programma televisivo becero e populista ha rispedito la violenza al mittente. Oltre alle espulsioni e agli arresti, con lo scopo di svuotare la struttura, lo stato ha pensato bene di procedere con trasferimenti punitivi, alcuni dei quali proprio in direzione del campo di tortura di Palazzo San Gervasio. Domani, 14 febbraio, al tribunale di Potenza si apre un processo contro 17 compagne/i che in passato hanno partecipato ad appuntamenti di lotta fuori dal CPR di Palazzo San Gervasio, così come hanno sostenuto le proteste delle persone immigrate nei centri di accoglienza di Potenza e provincia. L'accusa che ci rivolgono è di istigazione a disobbedire alle leggi dello stato, ovvero un insulto che ha radici nel razzismo di stato. Con il solo scopo di generare il deserto intorno alle mura del CPR e proseguire senza disturbo con le violenze, l'indagine che ci porta a processo racconta di noi imputatx come i responsabili delle proteste e dei tentativi di evasione da un campo di tortura, infantilizzando dunque le persone recluse che lotterebbero non per la propria vita ma a causa di una regia esterna. Un copione già visto sia per chi si è ribellato in passato nei centri di espulsione, nelle tendopoli e nei ghetti, da nord a sud, sia per le proteste di massa nelle carceri attraversate dalla pandemia nel 2020 dove sono avvenute stragi e torture di stato. Noi, dal canto nostro, siamo solo dispiaciutx di non aver continuato ad andare fuori dalle mura del CPR a portare vicinanza e solidarietà, di non aver lottato abbastanza al fianco delle persone immigrate contro un vero e proprio lager. Questo processo sarà un'occasione per parlare alla città di ciò che accade a pochissimi chilometri da Potenza. Con la speranza che sempre più persone scelgano da che parte stare. I CPR, come il regime di tortura del 41 BIS, sono le punte di diamante di un sistema di oppressione che cade a pioggia su tutta la società.  Con il pensiero a chi si ribella nei centri di espulsione e nelle galere. Con la massima solidarietà a chi non si dà pace e lotta contro la guerra che ogni giorno ci dichiarano dall'alto. Con il cuore accanto ad Alfredo, compagno anarchico che ha sempre lottato contro i CPR e che oggi è in sciopero della fame da quasi 4 mesi contro la tortura del 41 bis e dell'ergastolo.

Alcunx compas imputatx