Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Corrispondenza dalla Tunisia sulla situazione nel centro di espulsione a Ponte Galeria

Data di trasmissione
Durata 40m 33s

Continuano le deportazioni dall'Italia e le proteste nel CPR di Ponte Galeria dove il 31 dicembre, dopo un tentativo di fuga un grosso contingente di Forze dell’Ordine è entrato nell’area maschile utilizzando gas lacrimogeni. In seguito i reclusi sono stati costretti a dormire fuori al gelo in gravissime condizioni.

Corrispondenza telefonica con una persona che è stata reclusa nel CPR di Ponte Galeria e da poco deportata in Tunisia. Partendo dalla sua esperienza, dal viaggio verso l'Italia alla quarantena e alla reclusione, parliamo della situazione nel CPR di Ponte Galeria e di come stanno funzionando le deportazioni, con uno sguardo sulla situazione economica e politica in Tunisia.

Buon Ascolto!

Aggioramenti dal CPR di Torino

Data di trasmissione

In collegamento telefonico con una compagna, proviamo a raccontare la situazione all'interno del CPR torinese di Corso Brunelleschi. Le deportazioni continuano a pieno ritmo, soprattutto verso la Tunisia, paese con il quale l'Italia ha stretto ormai da tempo accordi bilaterali per incentivare i rimpatri forzati. Nel frattempo, le condizioni di reclusione nel centro restano disastrose, come riportato dagli stessi prigionieri. Chiudiamo, infine, con le prospettive di lotta e solidarietà.

La storia di un compagno ora rinchiuso nel CPR di Ponte Galeria

Data di trasmissione

Due corrispondenze sulla vicenda di un compagno attualmente rinchiuso nel CPR di Ponte Galeria. Sulla vendetta dello stato contro chi non vuole abbassare la testa, le espulsioni e la situazione nel CPR di Ponte Galeria.

Buon Ascolto!

Da che parte stare: contro i lager di Stato

Data di trasmissione
Durata 27m 43s

La storia dei Centri di reclusione per immigrati (prima Cpt, poi Cie, ora Cpr) è una storia segnata da una conflittualità permanente di cui si sono fatti carico in prima persona i reclusi e che, di rivolta in rivolta, era giunta alcuni anni fa a compromettere seriamente la macchina della “detenzione amministrativa” e delle espulsioni. Negli ultimi mesi, mentre si procede al riallestimento di nuovi o rinnovati lager (“uno per ogni regione”, secondo i progetti che la Lega ha ereditato dal Pd), si sono verificate diverse esplosioni di rabbia in quei luoghi infami. Alcuni spunti di riflessione a partire da una chiacchierata con alcuni compagni e compagne di Torino.