Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Libano: situazione nei campi profughi palestinesi

Data di trasmissione

Ma cosa è successo in Libano che si ripercuote come una mannaia sui palestinesi intrappolati lì, stranieri dal 1948,  e  sui  loro  discendenti? In  una  escalation  senza  sosta si  è  assistito  prima, nell’estate 2019, alle proteste dei palestinesi per la proposta  di legge  sul lavoro straniero la cui introduzione avrebbe  ancor più ristretto  le loro già  scarse  possibilità  di  lavoro.  A  questo  sono  seguite  le  forti proteste dell’intero popolo libanese esasperato dalla corruzione, dall’inflazione inarrestabile e da un sistema politico basato ancora sul confessionalismo. Piazze  presidiate  permanentemente, scontri con le forze dell’ordine, blocchi stradali hanno  paralizzato  le  attività  e reso  difficili gli  spostamenti  per mesi.  Mentre l’inflazione iniziava  una  corsa che  non  si  è  più  arrestata, i  lavoratori giornalieri,  in  maggior  parte  palestinesi,  vedevano  sfumare contemporaneamente sia l’esigua forma di reddito,sia il potere di acquisto divorato dall’inflazione. Il dollaro,  a  cui  era  ancorata  la  moneta  locale dal  1997,  nei primi mesi dell’anno è scomparso dalla circolazione, le banche erogano solo Lire Libanesi con un tetto ai prelevamenti e questo, per i palestinesi, di fatto significa non poter  nemmeno ritirare i soldi ricevuti dai parenti all’estero. A questo caos sono seguite le  dimissioni  del  governo insediatosi  durante  le  proteste  e,  il  7  marzo  2020,il  default del  Paese.   Poi è arrivato  il  COVID  19 e  con  esso  il  coprifuoco. Infine,  il  4  agosto, lo  scoppio  del  deposito  al  porto  di  Beirut con  il  suo  fardello  di  morti  e  feriti.

Ne parliamo con Olga dell'Associazione ULAIA

32° anniversario del massacro di Sabra e Shatila

Data di trasmissione

Tra il 16 e il 18 ottobre del 1982, si compiva uno dei più orrendi massacri della storia, nei campi profughi palestinesi del Libano, Sabra e Shatila, ad opera dei miliziani cristiani delle formazioni di ultradestra "le falangi" con la complicità delle truppe di occupazione israeliane e nel silenzio della comunità internazionale.

Durata: 1:31'