Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Tigray

La diaspora del Tigray sul ruolo dell'ICHREE

Data di trasmissione
Durata 31m 1s

Abbiamo intervistato un rappresentante della diaspora del Tigray in merito al ruolo dell'ICHREE ( International Commission of Human Rights Experts on Ethiopia). Di seguito la lettera aperta inviata dalle associazioni tigrine in Italia.


"La giustizia ridotta, o ritardata, o compromessa è una giustizia negata"


1. Noi, membri della diaspora del Tigray in Italia insieme alla diaspora tigrina in Europa e in solidarietà
con le comunità globali della diaspora tigrina, stiamo scrivendo questa lettera per chiedere e sollecitare
i rappresentanti nazionali del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a estendere il mandato
della Commissione internazionale di esperti di diritti umani sull'Etiopia (ICHREE) sulle atrocità di
massa commesse e che continuano ad essere commesse nel Tigray. Ad oggi, ci sono prove credibili
da più fonti nazionali e internazionali che oltre un milione di tigrini sono morti, oltre 120.000 donne e
ragazze tigrine sottoposte a violenze sessuali e stupri, oltre 2 milioni di tigrini deliberatamente
sottoposti alla pulizia etnica e costretti a sfollati interni e sottoposti a fame e malattie. La guerra
d'assedio, la fame e la carestia sono state ampiamente e sistematicamente impiegate come strumento
politico e stratagemma bellico. I crimini di atrocità di massa commessi nel Tigray sono i peggiori
crimini di atrocità di massa a cui l'umanità abbia mai assistito nel 21 ° secolo e devono essere
investigati in modo completo e integrale affinché la giustizia prevalga. "Mai più" dovrebbe significare
Mai più, e il genocidio e le atrocità di massa non devono mai essere mascherati o negati.

"L'ultimo rapporto dell'ICHREE invia un chiaro avvertimento che questo non è il momento per le Nazioni Unite di
abbassare il livello di responsabilità sull'Etiopia. Le gravi e continue violazioni dei diritti umani e la crisi in corso
nella regione di Amhara dimostrano che l'Etiopia si trova in un pericoloso precipizio. Ridurre il controllo ora
incoraggerebbe ulteriormente l'impunità e abbandonerebbe le vittime di atroci violazioni e costituirebbe un cattivo
precedente per la capacità delle Nazioni Unite di esercitare un controllo significativo sulle crisi dei diritti umani in
altre parti del mondo".

(Tigere Chagutah, direttrice regionale di Amnesty International per l'Africa orientale e meridionale; 18
settembre 2023)


2. Sarebbe una parodia della giustizia e un tradimento di portata storica concludere indagini diffuse e
sistematiche sui crimini di atrocità di massa - genocidio, pulizia etnica, crimini contro l'umanità e
crimini di guerra - senza accesso illimitato al Tigray, senza un'indagine completa e integrale, senza
intervistare le vittime, senza esaminare le scene del crimine, senza identificare i colpevoli e senza
affrontare la responsabilità e la giustizia.

"Le speranze delle vittime non dovrebbero essere abbandonate lasciando che la situazione in Etiopia scompaia
dall'agenda del Consiglio. Il Consiglio dovrebbe sostenere la raccomandazione dell'ICHREE di "garantire un
controllo internazionale continuo e indagini sulle violazioni passate e in corso" rinnovando il mandato

 
 
 

dell'indagine. L'UE dovrebbe promuovere i diritti umani e la responsabilità in Etiopia impegnandosi a presentare
una risoluzione per continuare le indagini sulle violazioni, riferire sull'attuazione delle raccomandazioni
dell'ICHREE e chiedere al Consiglio dei diritti umani di riferire pubblicamente sulla situazione dell'Etiopia. Non
farlo significherebbe rinunciare ai propri impegni"

(Lucy McKernan, patrocinio delle Nazioni Unite, e Philippe Dan, patrocinio dell'UE; 28 settembre 2023)


3. L'UNHRC e la Commissione internazionale di esperti in materia di diritti umani sull'Etiopia
(ICHREE) devono rimanere fedeli al mandato dichiarato di:

a. Condurre un'indagine approfondita e imparziale sulle accuse e gli abusi delle violazioni del diritto
internazionale dei diritti umani e delle violazioni del diritto internazionale umanitario e del diritto
internazionale dei rifugiati in Etiopia commesse dal 3 novembre 2020 da tutte le parti in conflitto, comprese le
possibili dimensioni di genere di tali violazioni e abusi, basandosi sulla relazione dell'Ufficio dell'Alto
Commissario e della Commissione etiope per i diritti umani;

b. Stabilire i fatti e le circostanze che circondano le presunte violazioni e abusi, raccogliere e conservare le prove,
identificare i responsabili, ove possibile, e rendere tali informazioni accessibili e utilizzabili a sostegno degli
sforzi di responsabilità in corso e futuri ;

c. Fornire orientamenti sulla giustizia di transizione, compresa la responsabilità, la riconciliazione e la
guarigione, a seconda dei casi, e formulare raccomandazioni sull'assistenza tecnica al governo dell'Etiopia per
sostenere la responsabilità, la riconciliazione e la guarigione;

d. Integrare una prospettiva di genere e un approccio incentrato sui sopravvissuti in tutto il suo lavoro;
e. Impegnarsi con tutte le parti interessate, tra cui il governo dell'Etiopia, compresi i governi statali regionali, il
governo dell'Eritrea, l'Ufficio dell'Alto Commissario, la task force interministeriale, la Commissione etiope per
i diritti umani, l'Unione africana, la Commissione africana sui diritti umani e dei popoli, l'Autorità
intergovernativa per lo sviluppo e la società civile (enfasi nostra).


4. Sosteniamo il mandato e il lavoro della Commissione internazionale di esperti dei diritti umani
sull'Etiopia (ICHREE); e si oppone fermamente ai tentativi dei governi etiope ed eritreo di ostacolare
e terminare il suo mandato.


5. Inoltre, esortiamo l'UNHRC e il sistema delle Nazioni Unite in generale a garantire che l'ICHREE
abbia un accesso completo e privo di ostacoli nel Tigray in modo che intraprenda indagini libere,
indipendenti e complete.


6. Esortiamo l'UNHRC e l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani che la
Commissione etiope per i diritti umani (EHRC) non è indipendente ed è stata gravemente distorta
e compromessa, oltre ad essere a conoscenza la perpetrazione di crimini e atrocità di massa nel Tigray.
Inoltre, l'EHRC non ha alcuna autorità legale per indagare sui crimini di atrocità di massa commessi
nel Tigray dall'esercito eritreo. Inoltre, sarebbe una presa in giro della giustizia aspettarsi che il
governo etiope sia un credibile facilitatore delle indagini sui crimini di atrocità di massa nel Tigray o
in Etiopia in generale, dal momento che il governo stesso è il principale autore di tali crimini.
Esortiamo che la politica e il potere globale la politica e il calcolo non superino mai la ricerca della
verità e della giustizia. Crediamo fermamente che non ci possa essere una significativa giustizia di
transizione o riconciliazione senza prima stabilire la verità e identificare i colpevoli.

"Siamo scettici sul fatto che ci sarà un processo di responsabilità interna credibile in Etiopia mentre gli autori di
alcuni degli abusi più eclatanti rimangono in posizioni di potere. E' essenziale per i nostri interessi che l'Etiopia
recuperi la sua stabilità, ed è essenziale per i nostri valori che gli autori di gravi violazioni dei diritti umani siano
assicurati alla giustizia. ICHREE è un elemento critico di entrambi e come tale dovrebbe essere una priorità per gli
Stati Uniti. A tal fine, vi esortiamo a usare tutta la vostra influenza diplomatica per portare con sé i nostri alleati
europei e africani e garantire che il mandato dell'ICHREE sia rinnovato".

(Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti Brad Sherman, Sarah Jacobs, Ilhan Omar, Daniel T. Kildee, Lloyd
Doggett e James P. McGovern; 19 settembre 2023)


7. Sosteniamo l'accordo di pace di Pretoria del novembre 2022 tra il governo regionale tigrino e il
governo federale etiope. Inoltre, chiediamo la sua piena attuazione, compreso il ritiro delle forze

regionali eritree e amhara dal Tigray, il ritorno degli sfollati interni alle loro case e il flusso senza
restrizioni di assistenza umanitaria. Il Tigray è effettivamente sotto assedio e la fame e la fame vengono
ancora utilizzati come strumento di politica e guerra silenziosa per soggiogare i tigrini.


8. Tuttavia, il Tigray occidentale, nord-orientale, centro-settentrionale e meridionale sono ancora
occupati e atrocità di massa vengono commesse contro i tigrini dagli eserciti eritrei e regionali di
Amhara. La fornitura di servizi di base ed essenziali nel Tigray è intermittente e viene utilizzata come
arma politica dal governo etiope per soggiogare i tigrini. Chiediamo all'UNHRC di sollecitare e
chiedere che questi fermino e di fare pressione sul governo etiope per consentire un accesso umanitario
senza restrizioni al Tigray.


9. Il gruppo parlamentare interpartitico del Regno Unito sul diritto internazionale, la giustizia e la
responsabilità ha pubblicato un rapporto, prodotto dall'Istituto per i diritti umani dell'International Bar
Association, nell'ambito dell'inchiesta sul Tigray, un'inchiesta sulla situazione nel Tigray dal
novembre 2020. L'inchiesta, presieduta dal deputato Brendan O'Hara e sostenuta dalla baronessa
Kennedy KC e da Lord Alton di Liverpool, ha ricevuto una quantità senza precedenti di dati, tra cui
testimonianze di vittime e testimoni del Tigray. L'inchiesta sul Tigray ha rilevato che i tigrini hanno
sono stati sottoposti a orribili atrocità durante la guerra nella regione tra novembre 2020 e novembre
2022. Molte di queste atrocità continuano ancora oggi. Tra le osservazioni ricevute dall'Inchiesta, le
uccisioni di massa, la violenza sessuale e la fame sono stati i crimini più comunemente identificati. Le
atrocità non hanno ricevuto sufficiente attenzione internazionale, nonostante la guerra sia stata una
delle più mortali degli ultimi anni e le atrocità soddisfino la definizione legale di crimini internazionali.

10. Secondo l'inchiesta del Tigray, nonostante il cessate il fuoco del novembre 2022, la situazione delle
comunità è ancora disastrosa. Il cessate il fuoco potrebbe aver fermato le armi, ma continuano a essere
commesse atrocità, tra cui stupri e violenze sessuali. Le comunità continuano ad affrontare una crisi
umanitaria che ancora oggi miete vittime. La distruzione causata dalla guerra significa che le comunità
continueranno a sentire gli effetti della guerra per mesi e anni a venire. Commentando l'inchiesta sul
Tigray, il deputato Brendan O'Hara ha dichiarato: "Le prove ricevute dall'inchiesta sul Tigray hanno
inviato un messaggio forte che le atrocità non sono finite. Dobbiamo agire ora, agire per fermare
ulteriori atrocità, ma anche per garantire che le atrocità del passato siano trattate dai tribunali
competenti". Lord Alton di Liverpool ha aggiunto: "Poiché la 54a sessione del Consiglio dei Diritti
Umani si concluderà presto, gli Stati hanno una settimana per garantire che una risoluzione che
rinnovi il mandato della Commissione Internazionale di Esperti sull'Etiopia sia rinnovata e quindi
possa continuare il suo importante monitoraggio, raccolta e conservazione delle prove e analisi
della situazione. È molto chiaro che il governo dell'Etiopia non è attrezzato per farlo".La baronessa
Helena Kennedy KC ha sottolineato l'importanza della giustizia e della responsabilità per affrontare la
situazione in Etiopia: "La giustizia e la responsabilità per la guerra del Tigray sono cruciali per le
vittime e i sopravvissuti alle atrocità. Ma non finisce qui. Affrontare le atrocità del passato significa
anche affrontare un fattore di rischio delle atrocità future, poiché l'impunità genera sempre
ulteriori crimini. Garantire giustizia e responsabilità per il Tigray e l'intera Etiopia richiede
l'assistenza della comunità internazionale".


11. Infine, ringraziamo i rappresentanti nazionali dell'UNHRC e confidiamo che assolverai la tua
responsabilità storica senza riguardo alla geopolitica, all'allineamento regionale e dei blocchi, o ai
calcoli del potere globale. Continueremo a lottare affinché i crimini di atrocità di massa siano
debitamente e pienamente indagati e che sia fatta giustizia e si veda che è fatta nel rispetto del popolo
del Tigray, e che gli autori delle atrocità di massa siano costretti ad affrontare la giustizia. La nostra
lotta e ricerca di tutta la verità e la giustizia continuano.
Grazie.
Con tutto il rispetto,


Forum Mekete Italy
Associazione Culturale e Promozione Sociale Della Comunità Tigray in Italia
Associazione Culturale e Promozione Sociale Della Comunità Tigray in Bari

Associazione Comunità Del Tigray Bologna Emilia-Romagna ODV
Associazione Promozione Sociale Tegaru Nord Italia
Associazione Comunità Tigray in Toscana (A.C.T.T)
Associazione Donne Del Tigray di Roma (APS)
Associazione di Volontariato Per Lo Sviluppo Del Tigrai (ODV) in Parma
Associazione Per Lo Sviluppo del Tigrai (A.S.T.)
Tigrayan Scholars in Italy (TSI)

 
 

7 giugno: manifestazione globale della diaspora Tigrina

Data di trasmissione
Durata 34m 8s

Con un compagno della diaspora tigrina parliamo della manifestazione globale prevista per oggi dalle ore 14 a Roma in via di Valle delle Camenie per l'attuazione immediata degli accordi firmati a Pretoria e Nairobi, per il ritiro di tutte lel forze armate amhara ed eritree dal territorio del Tigray, per la rapida ripresa degli aiuti umanitari.

Tigray: fine del conflitto dopo gli accordi?

Data di trasmissione
Durata 12m 4s

Un compagno della diaspora tigrina ci aggiorna sull'attuale situazione in Tigray a pochi mesi dall’accordo dello scorso novembre che ha messo fine a un conflitto che ha interessato non solo il Tigray, ma anche le vicine regioni Amhara e Afar, e che ha causato oltre 600.000 morti e milioni di sfollati e rifugiati. Il Tplf e il governo di Addis Abeba hanno concordato di affidare la guida della regione a un’amministrazione ad interim fino allo svolgimento delle elezioni.

La situazione in Tigray dopo 4 mesi di tregua

Data di trasmissione
Durata 20m 27s

Con un compagno della diaspora tigrina torniamo a parlare della situazione in Tigray dopo la firma dell' accordo di cessazione ostilità firmato 2 novembre 2022 a Pretoria tra il governo federale etiope e i rappresentanti del Tigray, i membri del partito del TPLF – Tigray People’s Liberation Front. Un punto fondamentale era l’accesso immediato e incondizionato al supporto umanitario per milioni di persone sfollate dalla guerra ma le consegne di materiale alimentare e igienico sanitario sappiamo essere considerevolmente rallentate.

Tigray, è vera pace?

Data di trasmissione
Durata 24m 3s

Nel Tigray, la regione dell'Etiopia al confine con l'Eritrea martoriata da una guerra che ha fatto registrare centinaia di migliaia di vittime, sembra essere tornata una parvenza di pace in seguito alla tregua indetta diverse settimane fa. La situazione sul campo però continua ad essere piuttosto instabile, mentre altri focolai di tensione si accendono in diverse altre parti dello Stato etiope.

Con un compagno della diaspora tigrina cerchiamo di delineare la situazione attuale.

Radio Africa: Burkina Faso Tigray Elisabetta II

Data di trasmissione
Durata 41m 26s

Oggi parliamo del nuovo golpe militare nel Burkina Faso, dove a soli otto mesi dal colpo di stato di gennaio, il tenente-colonnello Damiba è stato destituito da un altro militare: Ibrahim Traoré; della grave situazione in Tigray dove l’Eritrea ha bombardato ospedali e campi profughi e del rapporto della corona inglese con I paesi africani.

Stop al genocidio nel Tigray

Data di trasmissione
Durata 11m 4s

Manifestazione globale in contemporanea in diverse città europee per chiedere la fine del genocidio della popolazione del Tigray, lo stop alla repressione da parte del governo di Addis Abeba e l'interruzione del sostegno alla presidenza etiope.

La nostra corrispondenza con la manifestazione romana, che si svolge di fronte alla sede del ministero degli affari esteri.