Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Caserta: 20 Maggio un migliaio di studenti in corteo contro la chiusura delle scuole

Data di trasmissione

Abbiamo contattato uno studente di Caserta in merito alle mobilitazioni delle scorse settimane di studenti, lavoratori, professori, cittadini.
Nelle scorse settimane la situazione nel casertano si è fatta drammatica e grave: 92 istituti superiori sono a rischio chiusura e il Buonarroti ha già abbandonato la propria sede storica la settimana scorsa. Le strutture sono inagibili e i fondi per la messa in sicurezza e per i servizi essenziali non ci sono.
Riportiamo il comunicato stampa degli Studenti in Rotta contro la Bancarotta.

Oggi, 20 maggio, circa 1000 studenti si sono mobilitati nuovamente a causa del dissesto finanziario della provincia, insieme a genitori, lavoratori, professori e cittadini.
Dopo mesi di lotta, abbiamo deciso di attivarci nuovamente per far fronte alla situazione di degrado in cui versano i nostri istituti e che è arrivata all'apice, diventando insostenibile, dopo la chiusura dell'istituto "M.Buonarroti" di Caserta.
Il corteo è partito alle 9.30 dalla stazione e dopo aver sfilato per le strade di Caserta siamo arrivati sotto la prefettura, dove una delegazione eterogenea è stata "accolta" dal prefetto.
La restante componente della manifestazione per lanciare un ulteriore messaggio, ha simbolicamente posizionato una pila di libri davanti la porta del palazzo, tappandosi la bocca con dello scotch per comunicare che chiudendo i nostri istituti, ci privano del nostro futuro, della possibilità di conoscere e quindi di manifestare la propria opinione.
Intanto, la delegazione ha portato in prefetto le rivendicazioni delle componenti: stanziamento fondi straordinari, oltre all'approvazione del decreto salva-province entro la fine del mese per provvedere alla manutenzione dei plessi scolastici.
Pertanto, siamo riusciti ad ottenere da questo incontro l'appoggio delle istituzione nel fare pressione per essere ricevuti dal ministro dell'istruzione e presentare un documento firmato da tutti gli studenti e le studentesse delle scuole superiori e da tutti i dirigenti scolastici, docenti, personale ATA e genitori, nel quale vengono esplicitati i nostri disagi e pertanto le nostre richieste.
Anche ciò che ci è dovuto, non lo diamo per scontato.