Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !Ascolta lo Straming di ROR !Ascolta lo stream MP3

Roma: Non una di meno al San Camillo contro gli obiettori

Data di trasmissione

All'ospedale san Camillo di Roma iniziativa di Non una di meno per protestare contro la mancata trasparenza sul concorso per la nomina a direttore del reparto di ginecologia ed ostetricia.

La corrispondenza con una redattrice della radio.

OBIEZIONE RESPINTA
No Al Primario Confessionale Al San Camillo Di Roma. Fuori gli obiettori di
coscienza dagli ospedali pubblici

È stato bandito oggi un nuovo concorso per la nomina del primario di
ostetricia e ginecologia dell'ospedale San Camillo di Roma, centro di
riferimento regionale per l'accesso all'aborto.

Ma il concreto rischio che si sta profilando è che venga nominato un
primario confessionale, nonostante siano chiare ed evidenti le ostilità dei
ginecologi confessionali alla legge 194, all'autodeterminazione e alla
salute delle donne.

Nel Lazio sono già diretti da ginecologi confessionali, quindi obiettori di
coscienza, i reparti di ginecologia degli Ospedali di Frosinone (dove non
si effettuano IVG) e di Viterbo e, a Roma, del San Giovanni, del
Policlinico Universitario della Sapienza, del Policlinico Casilino. A
questi vanno aggiunti i reparti di maternità degli Ospedali cattolici
(Policlinico Gemelli, Villa San Pietro, Fatebenefratelli) e di quelli
convenzionati (Santa Famiglia, Città di Roma, Villa Pia) in cui non si
applica la Legge 194/78. Nel Lazio gli obiettori sono l'81% % del totale,
in Italia la media è del 70%.

Non una di Meno non ha intenzione di lasciare la libertà di scelta fuori
dalla sanità pubblica. Per questo oggi a Roma si è tenuto un partecipato
flash mob  alla direzione dell'ospedale San Camillo mentre sui social un
tweet storm ha inondato il web con gli hashtag #obiezionerespinta e
#LibereDi.

Quella di oggi è stata una prima tappa verso il 28 settembre - giornata
mondiale per l'aborto libero e l'autodeterminazione che vedrà iniziative e
azioni in tutta Italia. Costruiremo, insieme alle argentine e alle donne
che nel mondo si attiveranno, mobilitazioni sui temi della salute e della
libertà di scelta.

A Roma diamo appuntamento per mercoledì 28 giugno alle h 18 all'IFEST
(presso il Parco Ponte Nomentano) per un incontro su diritto alla salute e
libertà di scelta e per discutere di pratiche e campagne possibili verso il
28 settembre.

NUDM roma