Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Il presente precario: di riders, lavorat* dello spettacolo e smart working

Data di trasmissione

La precarietà è la condizione contemporanea del lavoro e della vita. Ha cominciato a esserlo a partire dalla metà degli anni '90, si è consolidata negli anni 2000, con la crisi è divenuta condizione generalizzata. In tal senso la pandemia ha solo svelato (e fatto precipitare) le condizioni materiali di vita di milioni di persone. Ci sono almeno quattro elementi comuni che, all'interno dell'attuale frammentazione, uniscono figure lavorative - anche a suon di retorica ritenute "essenziali" -  così diverse tra loro come i riders e i lavoratori e lavoratrici dello spettacolo: assenza di diritti, salari bassi o da fame, mancato accesso al welfare, bassi livelli di sindacalizzazione e di organizzazione collettiva sui luoghi di lavoro (in cui a volte più forte è la logica di fedeltà al padrone, all'azienda, più che la solidarietà e reciprocità dal basso). Inoltre i contratti di settore applicati, richiamano a un principio di autonomia nello svolgimento delle prestazioni che è nella maggior parte dei casi pura utopia perchè la libertà del rider o del lavorat* dello spettacolo di scegliere se e quando lavorare, su cui si fonda la natura autonoma della prestazione, non è reale ma solo apparente e fittizia appunto. Di questo e altro parliamo con l'avvocato del lavoro Alessandro Brunetti delle CLAP - Camere del Lavoro Autonomo e Precario. 

Lo spettacolo in piazza

Data di trasmissione

Insieme a tante altre categorie oggi sono scesi in piazza a Roma anche lavoratori e lavoratrici dello spettacolo. Per loro oggi manifestazione a piazza barberini, in previsione dell'iniziativa di domani che si terrà invece di fronte al teatro argentina.

Presidio dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo davanti al Ministero dei beni e delle attività culturali

Data di trasmissione

Continua la mobilitazione dei lavoratori dello spettacolo che la scorsa settimana hanno occupato il cinema Metropolitan e che scelgono la giornata dello sciopero generale, per scendere in presidio davanti al Ministero dei beni e delle attività culturali.  Durante la corrispondenza, una delegazione è stata ricevuta; restiamo in attesa di informazioni.

 

Durata: 6'04''