Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Crisi delle democrazie. Intervista a Donatella Della Porta (Parte1)

Data di trasmissione

La crisi delle democrazie occidentali dopo il tracollo economico ha portato alla nascita di diversi movimenti in Europa e non solo. Alcune caratteristiche come il rifiuto della delega, l'orizzontalità e nuovi meccanismi di partecipaizone sono comuni alle differenti esperienze. Alcuni di queste sono caratterizzate da una rottura istituzionale radicale mentre altri rimettono in discussione le democrazie esistenti con l'obiettivo di riformarle.

 

In questa prima intervista abbiamo chiesto alla sociologa Donatella Della Porta di farci un quadro della situazione europea e di delinearci le caratteristiche principali delle trasformazioni in atto; lunedì prossimo continueremo ad approfondire l'argomento e a discutere ancora di democrazia rappresentativa, corpi intermedi e movimenti sociali. 

Afriche in movimento 9 luglio

Data di trasmissione
Durata 42m 15s

pre.cjk { font-family: "DejaVu Sans",monospace; }p { margin-bottom: 0.21cm; } Egitto. Il "Venerdì della Determinazione", resistenze dal basso al processo controrivoluzionario in corso. Dopo le forti repressioni subite dai manifestanti il 28 e 29 giugno scorso ad opera delle forze di polizia, le mobilitazioni non si fermano e tentano di scuotere dal basso il processo controrivoluzionario. Da Midan Tahrir, epicentro mediatico della rivolta, un documento programmatico ci rivela da una parte come la piazza abbia preso con determinazione la via della contrattazione diretta con chi gestisce il potere, attraverso anche forti critiche alle politiche economiche attivate nel dopo-Mubarak. L'analisi attenta di come si è arrivati a questo documento congiunto ci permette allo stesso tempo di meglio comprendere le tensioni interne al fronte dell'opposizione, eterogeneo per composizione e progettualità politica. Intanto la Fratellanza musulmana, raggiunto lo storico traguardo del riconoscimento politico, sembra avviata ad un processo di frammentazione, dovuto all'incapacità politica della dirigenza di rapportarsi con l'ala più giovane e "movimentista".