Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

RadioAfrica: Algeria, Sudan, Mozambico

Data di trasmissione

Con Radio Africa affrontiamo alcuni nodi del continente africano, tra mobilitazioni di piazza accordi istituzionali e future elezioni Analizziamo in particolare la situazione in Algeria, Sudan, Mozambico, Guinea equatoriale,Uganda e Congo.

Tentativo di colpo di stato in Etiopia

Data di trasmissione

Con Radio Africa parliamo della situazione in Etiopia e del tentativo del colpo di stato, iniziato il 21 giugno in cui c'è stato un tentativo da parte di alcuni militari di impossessarsi di alcuni luoghi strategici, tentativo respinto ma sono stati uccisi il presidente della regione e il suo consigliere. Questo colpo di stato riguarda l'intero paese sintomo delle divisioni etniche e della rottura di certi equilibri.

Il paese ad oltre un anno dall’elezione di Abiy Ahmed, si trova di fronte ad una crisi politica profonda. Ahmed si era presentato come rinnovatore del paese, però di fatto comincia a perdere credibilità; anche se all'estero è molto seguito e considerato un giovane leader riformatore dell'Africa moderna. In realtà l'obiettivo era quello di normalizzare il paese per poi sfruttare le risorse materiali del sottosuolo dell'Etiopia quindi serviva la pace con l'Eritrea (il secondo patto di pace siglato a settembre 2018).

 

African Continental Free Trade Area Agreement: Grande area di libero scambio

Data di trasmissione

Con Radio Africa si analizza l’accordo AfCFTA, African Continental Free Trade Area Agreement. Un patto che impegna i Paesi firmatari a eliminare i dazi alle importazioni e le barriere tariffarie sul 90% delle merci negli scambi tra i paesi africani. Il restante 10% di dazi sui “prodotti sensibili” verrà eliminato in una fase successiva. L’intesa è stata firmata dai capi di stato e di governo di 44 Paesi, sui 55 che compongono il continente e fanno parte dell’Unione africana. Mancano all’appello - per ora - nazioni  importanti come Burundi, Uganda, Benin, Namibia, Eritrea, Sierra Leone e soprattutto Nigeria e Sudafrica.

Stragi, cambiamenti climatici e eventi meteorologici, rivolte jihādiste in Mali-Zimbabwe-Mozambico

Data di trasmissione

con Radio Africa parliamo di:

Mali: sabato 23/03 massacro in un villaggio di una zona centrale del paese, uccise dalle milizie Dogon e Bambara più di 160 persone del popolo Peul.Le milizie assunte in funzione anti-jihādista sono diventate bande incontrollate che compiono massacri della popolazione. Il governo ha ordinato lo scioglimento della milizia, in questa situazione si mescolano anche la mancanza delle risorse e la mancanza e la debolezza di un governo.

Zimbabwe e Mozambico: Catastrafo causata dal ciclone IDAI ha causato più di 300 morti e devastato paesi che hanno infrastrutture assolutamente deboli.

 

Radio Africa: su Algeria - Burkina Faso e Congo

Data di trasmissione

Con il compagno di radio Africa parliamo di:

Algeria: dopo le dichiarazioni del presidente sulla sua non candidatura le opposizioni al regime tornano in piazza il 15 marzo

Burkina Faso; inaugurata a Ouagadougou una statua a Thomas Sankara  ucciso il 15 ottobre 1987 genera delle perplessità

Congo: situazione del post-elezioni e accordi truffaldini imposizione di un regime politico funzionale a un modello di sfruttamento economico

 

 

Radio Africa: Senegal - Niger - Franco CFA

Data di trasmissione

Con il compagno di Radio Africa parliamo delle prossime elezioni del 24 Febbraio in Senegal, della situazione economica e di vita nel paese.

Si passa poi alle elezioni in Niger e soprattutto agli accordi del 26 settembre 2017 di cooperazione tra Italia e Niger in realtà la sostanza di questo accordo non era mai stata resa pubblica. Il parlamento Italiano ha votato un testo che non sapeva di cosa parlassero questi accordi bilaterali, il testo di accordo si conosce solo ora in seguito a un ricorso al TAR. E' un accordo che comporta una serie di attività militari che servono a sostenere l'esercito nigerino che dovrebbe essere addestrato dai militari italiani con la scusa di contenere i flussi migratori. In realtà questo accordo nasconde un progetto di corsa agli armamenti e ad armare l'esercito nigerino e consolidare la presenza italiana nel paese.

In conclusione affrontiamo la questione del franco CFA, che simboleggia la sovranità monetaria effettiva e parliamo delle varie voci nelle piazze e sui social che domandona a fine del franco CFA.

furore-ritmo-africa

Data di trasmissione
Durata 1h 58m 35s
furore-ritmo-africa

la musica - lo ripetiamo sovente - non conosce frontiere, confini, 'razza'. la si può piegare all'utilizzo per fini "strumentali", ma la sua natura intima resta di emulazione, contaminazione, plagio, almeno così ci piace pensare. nasce nella risonanza di nervi e muscoli al ritmo, all'andatura. si può tracciare un itineraio assonante, che attaversa ogni angolo remoto del pianeta, senza incorrere in ostacoli frapposti. è tempo che l'umanità intera possa seguire il percorso che desidera.
 

la playlist

1. sonic youth - disconnection notice
2. ali farka tourè + ry cooder - sega + amandrai
3. imarhan - imuhagh + tumast
4. dissidenten - morock'n roll
5. goat - ghoatchild
6. tinariwen - tahalamot
7. melè (leo alarcon & ife franklin) - ife afro (playroom boston afrodrumz mix)
8. mamoutou dembélé - taro maro
9. sumé - kalaaliuvunga (i am a greenlander)
10. black heat - wanaoh
11. lcd soundsistem - movement
12. la luz - floating feature + cicada
13. the limiñanas - trois bancs
14. melvins - flamboyant duck
15. giant sand - down on town (love non answer)
16. underworld & iggy pop - bells & circles
17.  a certain ratio - be what you wanna be
18. sleaford  mods - dreg
19. the international noise conspiracy - under a communist moon

Radio Africa: Congo,

Data di trasmissione

Con Radio Africa parliamo dei risultati delle elezioni in Congo e della vittoria di Félix Tshisekedi, della situazione in Zimbawbe a seguito dell'innalzamento del prezzo del carburante, inoltre un accenno agli investimenti delle banche, dello stato e aziende cinesi negli stati africani e gli assurdi accordi commerciali stipulati.

Radio Africa: Sudan rivolta del popolo sudanese - Congo un paese in attesa

Data di trasmissione

RadioAfrica racconta della rivolta del popolo sudanese contro il regime di Bashir, Manifestazioni che hanno avuto più di 800 arresti. Il regime è una eredità delle politiche coloniali inglesi che hanno sempre fomentato lo scontro tra il nord, musulmano e nordafricano e il sud, nero e animista.

Inoltre parliamo delle elezioni in Congo, ancora non si sa chi ha vinto. I movimenti giovanili hanno invitato il popolo congolese ha mantenere l'attenzione e scendere in piazza qualora l'attuale governo non pubblichi risultati veritieri e conformi all'affluenza alle urne. Il compagno ci parla anche della situazione economica e dello sfruttamento delle risorse minerarie nel paese