Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Colombia: L'Accordo di pace III

Data di trasmissione
Durata 49m 56s

Nell'ambito delle trasmissioni sulla Colombia che abbiamo iniziato prima dell'estate con il compagno Eder, vi riproponiamo la terza puntata sul tema dell'accordo di pace in Colombia . Vi ricordiamo che le puntate precedenti le potete trovare su questo sito facendo una semplice ricerca cn la  lentina sotto la trasmissione La Esquina del Soul. 

Il caso di Mattias Berrocal Terrones

Data di trasmissione

Il podcast della trasmissine dei giovedi 6 gennaio in cui abbiamo affrontato la situazione giudiziaria di Mattias Berrocal Terrones, conosciuto come Mattias Jordano, giovanissimo prigioniero della rivolta che rischia una condanna a 34 anni. Abbiamo ascoltato gli audio che ci ha mandato la sua avvocata, dove spiega la complessita della sua situazione processuale e la difficolta di una difesa di fronte a un procuratore che portera ben 60 poliziotti come testimoni delle accuse. 

Abbiamo poi chiamato Geraldine, voce ormai nota della Rete Internazonale in Difesa del Popolo Mapuche, che ci ha spiegato la proposta di legge di Indulto che molte famiglie dei Prgionieri chiedono e se effettivamente sarebbe risolutiva per gli oltre 800 prigionieri ancora in carcere. 

Con l'occasione di riproporvela vi comunichiamo anche che come rete facciamo partire una campagna di sottoscerzione per i prigionieri e le prigioniere che potrete trovare in modo piu specifico su www.mapucheit.wordpress.com o sulla nostra pagina Fb Red Internacional en Defensa del Pueblo Mapuche. 

 

 

Sulle elezioni presidenziali in Cile

Data di trasmissione
Durata 58m 44s

Si è conclusa la scorsa settimana con il ballottaggio la tornata di  elezioni presidenziali in Cile, con la vittoria del candidato della sinistra Gabriel Boric che ha ottenuto il 55,9% contro Josè Antonio Kast, candidato della vecchia destra fascista e ultracattolica, che ha ottenuto il 44,1% su un totale del 50,95% degli aventi diritto al voto.

Abbiamo commentato queste elezioni con Marcelo Garay, grande fotografo e reporter, che è stato la voce che più di tutte ci ha raccontato la rivolta esplosa il 18 ottobre e i momenti importanti di questi ultimi due anni e mezzo in Cile.  Grande è stato l'entusiasmo per un voto che ha sicuramente espresso il desiderio di dire definitivamente basta a quella destra che con la dittatura prima, e poi durate i tren'anni successivi, ha permeato le istituzioni e svenduto i paese e i diritti delle persone. Ora Boric dovra muoversi in un parlamento dove non ha la maggioranza, e guidare in un certo modo la costruzione di una nuova costituzione. In un paese che è stato il laboratorio del neoliberalismo e dove la casta ha ancora un peso molto grande.

 

 

Chi era Emilia Bauchis e l'accordo di pace in Colombia

Data di trasmissione
Durata 41m 9s
Durata 50m 51s

Nel primo podcast vi riproponiamo l'ascolto e la traduzione degli audio che ci hanno mandato la mamma Denise Obrecht e lu compagnu e amicu di Emilia Bauchis , raccontandoci chi fosse, quali erano le sue caratteristiche e passioni  e la grande sete di giustizia e rispetto verso le persone gli animali e la terra. 

Nel secondo  audio vi proponiamo il secondo appuntamento sul tema del trattato di pace con il nostro compagno Eder Obando, con il quale continueremo a parlarne dopo le feste.

 

Il femminicidio di Javiera Rojas

Data di trasmissione

Nel primo audio abbiamo parlato al telefono con Pancha, amica e compagna di Javiera Rojas, attivista in difesa del medio ambiente, protagonista delle lotte in difesa dell'acqua e del territorio nella zona di Calama, e ritrovata barbaramente uccisa il 28 novembre scorso in una casa abbandonata. 

Nel secondo audio vi riproponiamo il podcast dell'intera trasmissione, con l'intervento anche di Geraldine della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche sulle continui attacchi, in foma di denunce e vessazioni, a Facundo Joneas Huala, e alcune notizie su Felipe Santana prigioniero pilitico della rivolta detenuto a Puerto Mont.

Intervista all'avvocata Karina Riquelme e dai territori.

Data di trasmissione

Nel primo audio vi riproponiamo l'intervisa a Karina Riquelme, avvocata del Lonko Facundo Jones Hala e di Josè Tralcal, due prigionieri Mapuche la cui situazione giuridica è esemplare dell'accanimento e del razzismo giuiziario che si applica sui prigionieri mapuce. Negazione del diritto alle misure alternative al carcere, perizie mediche redatte da personale paramedico, vessazioni e accanimeto delle guarie carcerarie. 

Il secondo audio è invece la trasmissione completa dove, oltre all'intervista, abbiamo ascoltato l'udio che ci ha manato il Lonko Juan Pichùn sulla situazione di militarizzazione nelle zone in Arauco Malleco e Cautìn, ricordando il Weichafe Pablo Marchant, da poche settimane ucciso durante una azione della CAM.

Abbiamo poi ricordato che il 25 dicembe sono 4 anni dalla morte di Rafael Nahuel, e due anni che il giovanissimo prigioniero della rivolta Felipe Santana si trova prigioniero nel carcere di Alto Bonito.

La Patria grande II e dal Cile

Data di trasmissione

La seconda puntata sulla Patria Grande che con Eder abbiamo iniziato la settimana scorsa e poi l'audio della telefonata con Geraldine della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche con cui abbiamo parlato delle sanzioni che sono state date in carcere a Facundo Jones Huala e a Luis Tranamil per un diverbio con una guardia razzista che ha inventato una aggressione. Abbiamo concluso pralndo poi della situazione giudiziaria e umana di Mattìas Jordano, giovanissimo prigioniero della rivolta che come Rete abbiamo deciso di sostenere. 

La Patria Grade, Cile nuovo omicidio Mapuche

Data di trasmissione

Nel primo audio le consuete trasmissioni sulla Colombia con il nostro compagno Eder che questa puntata ci ha parlato del sogno della Patria Grande.

 

Il secondo audio la trasmissione sulla resistenza del popolo Mapuche dove abbiamo parlato al telefono con Diego di Radio Kurrvff che ci ha raccontato degli ultimi attacchi, nelle province di Arauco Malleco e Cautìn che si trovano militarizzati dallo stato di emergenza, e che hanno lasciato un giovane mapuche morto,  uno ferito in  modo gravissimo ed altri feriti tra cui una bambina di 9 anni.