Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Brexit?

Il processo della Brexit sembra essersi trasformato in un infinito giorno della marmotta che ricomincia sempre uguale ogni volta che sorge il sole. Continua la situazione di stallo e sembrano profilarsi all'orizzonte nuove elezioni, ne parliamo con il nostro corrispondente Leonardo Clausi

Selling England by the pounds

Settimana complicata nel Regno Unito, le elezioni amministrative parziali hanno visto il tonfo dei conservatori e il calo del partito laburista, a vantaggio dei liberaldemocratici e dei verdi, due forze politiche esplicitamente contrarie alla Brexit. Anche in Irlanda del nord trionfano le forze anti-Brexit, sia nel campo che repubblicano che in quello unionista. A Glasgow decine di migliaia di persone hanno sfilato per l'indipendenza e si prepara un referendum per rendere la Scozia indipendente dal Regno Unito, qualora la Brexit dovesse avere corso, da tenersi nel 2021.

Brexit, Londra in piazza per il remain

Centinaia di migliaia in piazza, alcuni dicono un milione, a Londra per chiedere un secondo referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Nel frattempo continua lo psicodramma collettivo sulla Brexit, la prossima deadline è fissata per il 12 aprile.

Ne parliamo con Leonardo Clausi, corrispondente da Londra per Il Manifesto e autore di d

Brexit today

Con Leonardo Clausi, corrispondente da Londra del Manifesto, facciamo il punto della situazione sulla Brexit: non sembra trovare soluzione il caos che avvolge la situazione politica britannica mentre dalla città di Swindon arriva la notizia che la Honda, timorosa per le conseguenze della Brexit, ha annunciato la chiusura del locale stabilimento automobilistico, con la conseguente cancellazione di migliaia di posti di lavoro

Brexit, ancora due mesi

Mancano esattamente due mesi alla scadenza ufficiale dei negoziati sulla Brexit tra governo britannico e Unione Europea, la situazione continua però ad essere caotica oltremanica e rimangono aperte, in teoria, ancora tutte le opzioni, dall'hard Brexit alla possibilità di un nuovo referendu,. Sullo sfondo, la situazione tesissima in Irlanda del nord, dove dieci giorni fa la new IRA ha fatto esplodere un'autobomba di fronte ad un tribunale di Derry.

Ne parliamo con Paolo Perri, ricercatore presso l'Università della Calabria

Brexit, la premier May schiacciata tra il parlamento britannico e la commissione europea

Data di trasmissione

Sono giorni di accelerazioni sulla Brexit per la premier britannica Theresa May. Da una parte le tensioni interne alla maggioranza parlamentare indicano la possibilità che il trattato venga bocciato. Dall'altra continuano anche le discussioni e le trattative con L'Ue. Abbiamo contattato un nostro redattore che si trova nel Regno Unito per fare un quadro della situazione.

Brexit: attualità e prospettive dell'uscita della Gb dall'Unione Europea

Data di trasmissione

Approfondimento sulla Brexit, nei giorni caldi della trattativa tra il governo britannico e l'Unione Europea.

Con un compagno che si trova a Londra parliamo della percezione delle vicende nell'opinione pubblica e sui media britannici.

Con Marco Passarella, ricercatore di Economia all'Università di Leeds, parliamo degli aspetti più strettamente economici legati alle varie prospettive della Brexit

 

Irlanda del nord, elezioni storiche?

Nelle elezioni anticipate per il rinnovo del parlamento nordirlandese, tenutesi la scorsa settimana, lo Sinn Feinn, storica formazione repubblica, ha sfiorato un risultato clamoroso, mancando per soli mille voti l'obbiettivo di risultare la forza politica più votata dell'Irlanda del nord, risultato mai raggiunto in precedenza.