Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Fascisti a Barcellona

Data di trasmissione

A Barcellona qualche giorno fa sono stati arrestati, nel corso di un'indagine su un traffico internazionale di sostanze stupefacenti, quattordici esponenti del gruppo ultras barcellonese dei Boixos nois, tutti appartenenti all'ambiente dell'estrema destra. Ci racconta quanto successo, e quanto peso abbia al momento la destra radicale in città, il nostro corrispondente da Barcellona.

Le lotte dei metalmeccanici in Andalusia

Data di trasmissione

A Cadice, in Andalusia, per giorni le piazze si sono gremite di decine di migliaia di persone scese in piazza per appoggiare le rivendicazioni di lavoratori e lavoratrici impiegati negli stabilimenti metalmeccanici piccoli e grandi della provincia: una mobilitazione  imponente, abbastanza inattesa, che ha costretto la confindustria a concedere la firma di un accordo che, per quanto al ribasso, viene incontro a diverse richieste dei lavoratori. Abbiamo chiesto a Nicola, nostro corrispondente dal Paese Basco, la genesi di queste mobilitazioni, l'atteggiamento delle forze politiche e sindacali e le lezioni che se ne possono trarre per il futuro.

Una giudice argentina processa la transizione spagnola

Data di trasmissione

“Crimini contro l’umanità. Una giudice argentina processa la transizione spagnola" è il titolo dell'articolo che Marco Santopadre ha dedicato alla vicenda di Maria Servini de Cubria, la giudice argentina che nel 2010 ha aperto un'inchiesta giudiziaria per crimini contro l'umanità nei confronti di alcuni alti responsabili del regime franchista spagnolo. Il 15 ottobre scorso la giudice ha incriminato l'ottantasettenne Martin Villa, potentissimo ex ministro franchista, gettando scompiglio nel mondo politico spagnolo.

Qui l'articolo completo.

Le scuse di Otegi

Data di trasmissione

Nel decimo anniversario dell'annuncio della fine delle attività da parte dell'organizzazione armata basca ETA - che si sarebbe poi ufficialmente sciolta sette anni più tardi, i leader della sinistra indipendentista basca Arnaldo Otegi e Arkaitz Rodriguez hanno manifestato solennemente il loro dolore per le sofferenze inflitte dall'organizzazione armata. Abbiamo chiesto cosa queste dichiarazioni possano significare, nello scenario politico basco e in quello spagnolo, a Marco Santopadre, che stamattina ha illustrato la vicenda con un articolo apparso sul quotidiano Il Manifesto.

Paura e delirio ad Alghero, the end.

Data di trasmissione

La corte d'appello di Sassari ha sospeso la richiesta di estradizione in Spagna dell'ex premier catalano Carles Puigdemont, rimandando tutta la questione a un futuro pronunciamento della corte di giustizia europea. Si chiude così la vicenda iniziata il 23 settembre con l'arresto ad Alghero di Puigdemont (che si trovava nella località sarda per una serie di incontri ufficiali) e il suo successivo rilascio avvenuto il giorno dopo.

Sulla genesi e le cause di questa situazione abbiamo intervistato il nostro corrispondente da Barcellona.

Paura e delirio ad Alghero

Data di trasmissione

Arrivato ad Alghero per partecipare a una serie di iniziative politiche e culturali l'ex presidente della Generalitat catalana Carles Puigdemont è stato prima arrestato all'aeroporto di Alghero (in un'operazione di cui ancora non è chiara la paternità), poi condotto al carcere di Sassari, quindi rilasciato su decisione della corte d'appello della stessa città senza alcun tipo di restrizione. Da lì ha fatto ritorno in Belgio, dove attualmente risiede: una piccola odissea durata circa 72 ore. Che cosa è successo la scorsa settimana prova a ricostruirlo un compagno sardo che ha partecipato alle mobilitazioni per richiedere la liberazione dell'ex presidente catalano

Le stagioni di Ada Colau

Data di trasmissione

Qualche giorno fa Ada Colau, sindaca di Barcellona dal 2015, ha partecipato a Roma ad una manifestazione elettorale di supporto al candidato del centrosinistra alle elezioni comunali. Con Victor, nostro corrispondente da Barcellona, cerchiamo di inquadrare l'evoluzione politica della Colau, dall'impegno nei movimenti di lotta per la casa fino alla coabitazione di fatto con i socialisti al comune della capitale catalana.

Privatizzare la democrazia

Data di trasmissione

In occasione dell'uscita dell'edizione italiana di "Privatizzare la democrazia", della filosofa femminista e marxista basca Jule Goikoetxea, riproponiamo l'intervista che facemmo a Jule due anni fa, in occasione della sua presenza a Roma alla vigilia della pubblicazione del testo in castigliano (l'originale, poi accresciuto e riveduto, è in lingua basca). Jule Goikoetxea ha di recente firmato un breve articolo di presentazione del libro per il blog Ethnos&Demos che potete trovare qui.

 

Nazione, sovranità, territorio e democrazia locale

[Jule Goikoetxea]*

La dimensione nazionale non è costituita solamente da questioni identitarie come pretendono farci credere, essa è anche una capacità politica. Qualsiasi identità e lealtà politica abbisogna di risorse e di un grado di istituzionalizzazione e formalizzazione affinché detta identità possa sopravvivere nel tempo e nello spazio. La nazionalità o, per meglio dire, l’identità nazionale dotata di struttura statale è inoltre un’identità politica sovrana, ovvero una capacità politica che mantiene uniti lo Stato e il popolo per mezzo di diverse tecnologie del potere, autorità e territorialità.

L’omissione di questa idea fondamentale è la base del cosmopolitismo liberale. La ricerca proveniente dalle scienze politiche mostra, al contrario, che in assenza di uno spazio territoriale definito non c’è popolazione, se non c’è popolazione non c’è popolo e in assenza di questo non c’è sovranità popolare. Pertanto la sovranità popolare o l’autogoverno hanno bisogno del territorio perché non si possono dare queste capacità (individuali e collettive) per l’autogoverno (inteso come democrazia) prescindendo dall’esistenza di uno spazio definitivo politicamente. Ciononostante, questo spazio politico per essere funzionale ha bisogno di istituzioni competenti e vincolanti, e nessuna istituzione politica vincolante può funzionare in modo svincolato da una determinata territorialità. Ne consegue che tutto quanto è globale è per forza di cose anche locale. E per questo motivo la democrazia globale non può darsi senza democrazia locale, ovvero al di fuori della delimitazione territoriale della sovranità come sovranità popolare.

A mio parere è urgente ripensare i concetti di limes, frontiera e territorio, dato che si è soliti insistere sulla loro connotazione negativa, soprattutto da parte di coloro che ne hanno il controllo mediante un territorio, un limes e una frontiera attraverso un determinato Stato nazionale. Non vogliamo forse controllare chi entra nel nostro territorio? Forse qualcuno crede che sia possibile costruire una comunità senza territorializzare il potere né porre limiti? Ricordiamo che le leggi sono limiti, e lo sono anche il salario che percepiamo o il fatto di essere di colore o analfabeti. Forse non vogliamo controllare il nostro territorio affinché non vi entrino le multinazionali o per proibire l’ingresso alle mafie o al traffico di persone? La questione non è il concetto di limite o territorio bensì come costruiamo detto territorio in maniera tale da rendere possibile e garantire la presa di coscienza politica collettiva e la democratizzazione, ovvero il modo in cui costruiamo territori che favoriscano l’empowerment del popolo nel percorso verso l’autogoverno.

L’atto di governare, ancora una volta, ha bisogno di territorialità, di corpo territoriale, di benessere, di limes (ad esempio: “non si pagano tasse fino a un determinato salario”, “i redditi da capitale devono pagare una determinata cifra quando superano un certo limite”, ecc.). Senza benessere territorializzato e senza potere o forza politica istituzionalizzata non c’è democrazia possibile, né in Euskal Herria, né nei Paese Catalani, né per i differenti popoli d’Europa, si trovino essi in Francia, Italia o Germania. Per questo motivo, al momento di parlare di democrazia bisogna parlare della relazione che intercorre tra territorio locale, strutture pubbliche-comuni, capacità politica e welfare collettivo, per lo meno se intendiamo la democratizzazione come processo che ha come obiettivo la capacitazione politica del popolo per l’autogoverno.

La territorialità (e le diverse materialità che implica), mediante la relazione che si stabilisce tra lo spazio e la società, rende possibili non solo le identità collettive e politiche ma crea anche le condizioni per l’impegno, la mobilitazione di risorse, l’articolazione di azioni e, in definitiva, la costruzione della comunità politica. E la comunità politica non è un partito, non è una classe, non è una comitiva, non è una famiglia e nemmeno l’élite finanziaria. E non è un gruppo di individui uniti da uno stesso interesse come affermano i cosmopoliti; questa non è una comunità politica bensì una lobby. Per questo motivo ritengo che la democrazia sia un tipo concreto di organizzazione dello spazio politico e di conseguenza anche, tra le altre cose, un modello concreto di territorialità. In questa prospettiva il conflitto tra comunità basca o catalana e Stato spagnolo o il conflitto tra Scozia e Stato britannico, solo per porre gli esempi più conosciuti, non sono un conflitto tra identità nazionali nel senso dominante che si assegna all’elemento “nazionale” bensì un conflitto tra progetti democratici divergenti. Questo perché quando parliamo di identità nazionale entra in gioco la questione della capacità politica di autogoverno come parte irrinunciabile della sovranità popolare. Questo perché la democrazia costituzionale si sviluppa storicamente assieme al nazionalismo industriale come fenomeno anche operaio e non solamente borghese.

Il processo di privatizzazione della democrazia imposto dal capitalismo globale instaura, da una parte, nuovi territori creati sulla base del commercio e la finanza globali (TTIP, CETA) attraverso l’Unione Europea e rafforza l’esecutivo spagnolo per mezzo della riorganizzazione del potere giudiziario, dall’altra neutralizza altri territori (dai municipi alle nazioni senza Stato) attraverso la riorganizzazione del potere politico, per ricentralizzare, privatizzare e concentrare in poche mani il territorio, soprattutto se quest’ultimo produce una resistenza organizzata contro tali processi. Quindi si tratta di un processo di denazionalizzazione che implica una destituzione della democrazia. Infatti oggetto della privatizzazione è appunto la capacità politica di una comunità per governarsi come ritiene più conveniente, dirigendo verso il beneficio privato tutti i meccanismi, le risorse e le istituzioni democratiche. Senza sovranità popolare non c’è democrazia. E non c’è sovranità popolare senza popolo né popolo senza territorio dotato di strutture pubbliche comuni. In sintesi, senza autogoverno collettivo non c’è democrazia.

La democrazia, così come l’uguaglianza politica e sociale, ha bisogno di capacità pubbliche disciplinari e biopolitiche, come l’educazione o la sanità; e a seconda di come si utilizzino e si dirigano possono opprimere ma anche apportare empowerment. La sinistra europea ha l’abitudine di dimenticare che la democratizzazione ha bisogno di capacità collettive istituzionalizzate e territorializzate; Google non galleggia nel cosmo né tantomeno lo fa il capitale che accumula, e la ricchezza che concentra è tanto territoriale quanto lo sono le strade o le case. Forse la questione principale dovrebbe consistere nel chiedersi che tipo di territorialità crea lo spazio virtuale oppure come questo usa a suo beneficio quelle esistenti. La nazionalità dotata di una struttura statale è un’identità politica sovrana ciononostante il femminismo ha fatto notare come qualsiasi identità politica sovrana sia una questione di capacità politica, e che questa è effettiva solo se è materiale e territoriale, che il nostro territorio è il nostro corpo e che il nostro corpo è il nostro territorio, e che il welfare è dotato di corporeità e territorialità.

Tenendo conto del fatto che l’85% delle europee e degli europei ha come fonte principale della propria identità la nazionalità (che sovente è preso come sinonimo di popolo o comunità politica) il cosmopolitismo autoproclamato non-nazionalista ci dovrebbe spiegare come intende costruire una democrazia globale senza disfare gli Stati nazionali spagnolo, francese, italiano o tedesco e senza costruire percorsi di democrazia locale, o come pensa di costruire oggi la democrazia locale prescindendo dalle identità politiche nazionali o comunitarie, ovvero senza sovranità popolare territorializzata.

*Jule Goikoetxea ha pubblicato di recente in italiano “Privatizzare la democrazia”, per Red Star Press: https://www.redstarpress.it/jule-goikoetxea-mentxaka/

Catalogna, è vera distensione?

Data di trasmissione

Il premier spagnolo Sanchez ha comunicato due settimane fa di voler concedere l'indulto ai leader catalani agli arresti per il referendum indipendentista del 2017. Cosa c'è dietro questa mossa? Un'apertura di credito nel tentativo di stemperare la tensione ancora in atto in Catalogna o il tentativo di sotterrare le richieste che arrivano da Barcellona. Con Victor, nostro corrispondente dalla Catalogna, proviamoa fare il punto della situazione.

Joseph Almudéver, l’ultimo volontario

Data di trasmissione

Ci ha lasciato Joseph Almudèver, l'ultimo combattente ancora in vita delle brigate internazionali, le formazioni in cui confluirono antifasciste e antifascisti di tutto il mondo per lottare contro Francisco Franco nella Spagna del 1936. Lo ricorda insieme a noi Pasquale D'Aiello, che insieme a Mauro Manna ha firmato il documentario "I primi saranno gli ultimi", una raccolta di videointerviste ad alcuni combattenti della guerra civile spagnola.

Qui l'articolo che Pasquale ha scritto sul Manifesto per ricordare la figura di Joseph.

Qui il sito ufficiale del film.

Qui la puntata di radio euskadi dedicata al film.