Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

La rivolta unionista in Irlanda del Nord

Data di trasmissione

Le immagini delle violenze in Irlanda del nord della scorsa settimana hanno fatto il giro del mondo, del resto erano anni che non si registravano scontri così aspri e così simbolicamente significativi come quelli che hanno avuto luogo in tante città dell'Ulster. I protagonisti sono stati principalmente membri giovani e giovanissimi della comunità protestante, più o meno coinvolti all'interno delle varie organizzazioni paramilitari, arrabbiati per essere stati scaricati dall'attuale leadership britannica, depressi per la perdita di gran parte dei privilegi dei loro genitori e terrorizzati dall'idea di un'Irlanda riunificata, una prospettiva resa più vicina, paradossalmente, da quella Brexit che gli unionisti nordirlandesi hanno calorosamente sostenuto.

Abbiamo intervistato su questi temi Paolo Perri, dell'università della Calabria, che ha firmato un interessante articolo per il blog Ethnos & Demos che potete trovare qui.

Non dago Mikel?

Data di trasmissione

E' uscito lo scorso febbraio, dopo essere stato presentato al festival del cinema di Donosti, Non dago Mikel?, un documentario firmato da Miguel Ángel Llamas e Amaia Merino sul sequestro e l'uccisione di Mikel Zabalza, un autista di autobus di Donosti sequestrato, torturato e ucciso dalla Guardia civil in quanto sospettato di essere membro della formazione armata basca ETA. Il suo corpo fu fatto poi ritrovare, ammanettati e senza vita, lungo il fiume Bidasoa. Nessuno ha pagato per la sua morte, la versione ufficiale è che sia morto annegato mentre stava cercando di scappare.

Abbiamo intervistato Marco Santopadre, che ha scritto per il manifesto questo articolo.

Europarlamento, via l'immunità per Puigdemont e i ministri catalani

Data di trasmissione

La scorsa settimana l'Europarlamento ha revocato, con un voto a maggioranza, l'immunità parlamentare per l’ex-presidente della Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont, e i suoi ex-ministri Antoni Comín e Clara Ponsatí, che non godono più dell’immunità parlamentare.

La richiesta di revocare l’immunità per i tre indipendentisti catalani in auto-esilio dal 2017 è arrivata dalla commissione giuridica del Parlamento UE lo scorso 24 febbraio. Nel rapporto preparato dal conservatore bulgaro Angel Dzhambazki (ECR) – approvato dalla commissione con 15 voti a favore, 8 contrari e 2 astensioni – si raccomandava al Parlamento di escludere la protezione dell’immunità parlamentare per gli eventi dell’indipendenza catalana del 2017, due anni prima dell’elezione dei tre politici catalani come membri del Parlamento UE.

Con Adriano Cirulli, docente presso l'università di Udine, abbiamo provato a capire quali scenari possono aprirsi adesso, sia sul versante catalano sia rispetto alle prospettive future dell'Unione Europea.

In Ulster la rabbia degli unionisti

Data di trasmissione

Con il giornalista e scrittore Riccardo Michelucci analizziamo la situazione politica in Irlanda del nord, dove le conseguenze della Brexit e l'avvicinarsi del censimento generale (che potrebbe sancire la prevalenza numerica della popolazione repubblicana su quella unionista) stanno provocando molto nervosismo tra le fila degli unionisti.

Al termine dell'intervista, Riccardo ci parla del bel libro di Patrick Radden Keefe, "Non dire niente. Un caso di omicidio e tradimento nell'Irlanda del Nord", recentemente uscito per i tipi di Mondadori

Patria, peggio il libro o la serie?

Data di trasmissione

Dopo il libro e il fumetto, la serie tv. Di Patria, sponsorizzatissimo romanzo dello scrittore basco Fernando Aramburu, che ha rappresentato il tentativo di riscrivere la storia recente del Paese Basco in termini rigidamente manichei (indipendentisti cattivi vs "democratici" buoni), è uscita nello Stato spagnolo la riduzione televisiva per HBO. Alti gli investimenti, conosciute le firme (Aitor Gabilongo, che cura la serie, è uno sceneggiatore notissimo in Spagna), identiche le finalità propagandistiche. Ne abbiamo parlato con Chiara Boffelli, promotrice cinematografica e attenta conoscitrice della realtà cinematografica iberica.

Che succede nel Paese Basco? Note sulla finanziaria e non solo.

Data di trasmissione

Il mese scorso il governo spagnolo capitanato da Pedro Sanchez, che capeggia una coalizione di centrosinistra fra socialisti e Podemos, ha ottenuto sulla legge finanziaria il voto favorevole dei deputati di EH Bildu, la coalizione della sinistra indipendentista basca erede dell'antica Herri Batasuna. E' la prima volta, nella storia dello Stato spagnolo, che questo accade e in molti, dalle nostre parti, hanno voluto leggere questo voto favorevole come una sorta di scambio per ottenere una modifica della politica carceraria spagnola nei confronti delle oltre 200 persone che rimangono in galera per reati politici legati al conflitto fra Paese Basco e Stato spagnolo.

In realtà, come ci spiega il nostro interlocutore, un militante di EH Bildu e di Sortu, il principale partito politico della sinistra indipendentista basca, non esiste alcun tipo di accordo con il governo per ottenere miglioramenti della situazione delle prigioniere e dei prigionieri politici. Il voto favorevole sulla finanziaria (cui si è arrivati dopo un elaborato processo di condivisione con la propria militanza) viene spiegato con la necessità di impedire qualsiasi spazio di agibilità alle destre più o meno neofranchiste, senza che questo mitighi in nessun modo l'impegno nei movimenti sociali, in particolare per quanto riguarda le attività di solidarietà con detenute e detenuti

Il rapper Pablo Hasel in galera

Data di trasmissione

Il rapper catalano Pablo Hasel è stato condannato a nove mesi di carcere per i suoi brani contro la monarchia spagnola, un suo collega maiorchino, Valtonyc, protagonista di una vicenda simile, si trova esiliato a Bruxelles con una condanna a tre anni e mezzo di carcere che lo attende in caso di ritorno in patria.

Abbiamo parlato di queste vicende con Marco Santopadre, che oggi ha firmato questo articolo sul manifesto.

A different border, l'Irlanda dopo la Brexit

Data di trasmissione

Il confine fra Irlanda del nord e repubblica d'Irlanda, dopo la brexit, non è stato ripristinato, come era stato paventato da molti. Gli accordi di pace di Stormont sono stati salvaguardati e il pericolo di un ritorno della guerra civile nelle sei contee pare dunque scongiurato, ad essere messa a repentaglio però sembra essere l'unita statuale del Regno Unito, dal momento che si è resa necessaria la costituzione di una vera e propria barriera doganale fra l'Irlanda del nord e la rimanente parte del territorio britannico. A Gibilterra, territorio britannico nella penisola iberica, si è attuata un'operazione simile. Quanto si è avvicinata la possibilità di una riunificazione dei territori irlandesi sotto l'egida di Dublino? E quanto è a rischio la stessa esistenza di uno Stato britannico in considerazione delle sempre più forti spinte indipendentiste che agitano la Scozia?

Ne abbiamo parlato con Paolo Perri, dell'università della Calabria