Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Latina: appuntamento di lotta delle persone immigrate che lavorano in campagna

Data di trasmissione

Domani, sabato, alle 10 è previsto un appuntamento di lotta davanti la prefettura di Latina.
Le persone immigrate che lavorano in campagna proseguono determinate a lottare per i documenti.
Siamo prontx a sostenerle?
Ne parliamo con una compagna della rete Campagne in lotta

Milano - Il CPR: un posto da chiudere

Data di trasmissione

Con una compagna di "Punto di rottura" parliamo di un'iniziativa prevista domenica 24 ottobre a Milano.
L'interesse è rafforzare l'opposizione e la lotta contro il Centro di espulsione di via Corelli e raccontare come il sistema delle frontiere e degli eserciti sia al sevizio degli interessi economici e del colonialismo italiano.

Sul CPR di Torino in vista del corteo contro espulsioni, frontiere e sgomberi

Data di trasmissione

Con chi lotta contro i CPR a Torino raccontiamo la situazione e le novità che riguardano il centro di espulsione di Corso Brunelleschi.
Per aggiornarsi continuamente è possibile consultare il blog nocprtorino.noblogs.org.
Per sabato 6 novembre a Torino è previsto un corteo contro espulsioni, sgomberi e frontiere anche alla luce delle recenti mosse repressive avvenute in frontiera.

La morte di Omar e le lotte di chi lavora nelle campagne

Data di trasmissione

In corrispondenza con una compagna della Rete Campagne in Lotta raccontiamo il contesto di sfruttamento che riguarda i lavoratori di Campobello di Mazara.

Proprio lì un incendio ha distrutto il ghetto dell'Ex Calcestruzzi Selinunte e ha portato alla morte di Omar, una persona tra gli abitanti. Corteo, blocchi e proteste sono la risposta a questa ennesima morte che ha delle responsabilità precise nello stato e nei padroni.
Al centro le rivendicazioni di chi lavora nelle campagne e conosce sulla propria pelle la segregazione e lo sfruttamento.

Milano - Contro i Centri di espulsione

Data di trasmissione
Durata 20m 15s

Con una compagna di Milano ci aggiorniamo sulla situazione nel CPR di via Corelli, dove recentemente c'è stata una forte protesta delle persone recluse sedata dalle forze dell'ordine tra pestaggi e arresti.

Nel corso della corrispondenza presentiamo una recente pubblicazione di Punto di Rottura dal titolo "Di rivolte nei CAS, nei CPR, nelle carceri, per le strade… di repressione, vicinanza e solidarietà" nata con l'idea di tenere alta l'attenzione sulle persone arrestate per la protesta nell'ex Caserma Serena di Treviso.

Qui potete scaricare l'opuscolo per la stampa.

Buon ascolto

Coordinamento Regionale Sanità

Data di trasmissione

[0:00:00] Sommario

[0:01:17] Sigla

[0:04:19] Movimento per il Diritto dell’Abitare
Si minaccia lo sgombero dell’occupazione di Via Caravaggio mentre il tavolo di confronto per trovare soluzione alle 105 famiglie ospitate non offre soluzioni
Si preparano forti mobilitazioni
Venerdì 11 Giugno la città fa muro contro la minaccia di sgombero di via Caravaggio (dalle ore 5 colazione di lotta; tutto il giorno attività ricreative e assemblea; alle 18 riunione coordinamento regionale sanità; a seguire proiezione e cena sociale)

[0:27:07] Diritto Al Vaccino?
Gli immigrati (irregolari extracomunitari o fragili comunitari o studenti comunitari o regolari senza tessa sanitaria) avrebbero diritto a effettuare i vaccini
Ma la prenotazione non è ammessa senza tessera sanitaria
Risultato: non si possono vaccinare (a dispetto delle dichiarazioni sull’importanza dei vaccini)
Non è un problema loro, ma di tutti noi
Ora (dopo circa 2 anni) sembra che la Regione Lazio si stia organizzando
Comunque ogni regione si muove in modo diverso

[0:50:25] Assemblea 20 maggio Quadraro + Torpignattara Solidale
Iniziative di propaganda e dibattito sulla sanità
Aggiornamenti e risposte dal territorio

[1:11:02] Uniti per la Sanità Pubblica Velletri
Problemi sanità territorio in particolare sull’Ospedale di Velletri
Propaganda elettorale con promesse mai mantenute
SMEMORAX: Farmaco Senza Prescrizione Per Ricordare Tutte Le Bugie Elettorali dal 2006 a oggi (un opuscolo a cura del comitato)

[1:25:11] Riepilogo Appuntamenti
Giovedì 10 giugno ore 17:00 – Dibattito a 10 anni dai referendum su acqua e nucleare
Archivio dei Movimenti – Via Torpignattara 124
Venerdì 11 giugno – Muro Popolare all’Occupazione Caravaggio
dalle 5 per tutto i giorno, compresa riunione coordinamento regionale sanità ore 18
Sabato 12 giugno ore 15:30 – Manifestazione Acqua pubblica
Esquilino

[1:28:09] Enzo Del Re, un ricordo a 10 anni dalla morte
Un piccolo audio doc realizzato da raccolte sulla rete
Fonti: Funkhaus Europa / Intervista di Guido Chiesa

12 aprile giornata di lotta - Documenti per tuttx - Repressione per nessunx

Data di trasmissione

A più voci mettiamo al centro le lotte delle persone immigrate in questo paese. La prossima mobilitazione è prevista per il 12 aprile. A Roma l'appuntamento è a piazza San Silvestro alle ore 10.

Di seguito l'appello che convoca la giornata di lotta:

Documenti per tutt*, repressione per nessun*!
Il 12 aprile scendiamo in piazza a Roma e in altre città d'Italia in contemporanea, per dire basta al ricatto dei documenti, agli abusi delle questure e al razzismo che viviamo ogni giorno!
Dopo un anno di pandemia, una sanatoria fallita e promesse di regolarizzazione non mantenute, migliaia di lavoratori e lavoratrici immigrati continuano a vivere appesi ad un permesso di soggiorno sempre più difficile da ottenere e sempre più facile da perdere.
Le richieste che portiamo in strada alle istituzioni sono molto chiare, tra cui:

- permesso di soggiorno incondizionato per tutt* non legato al contratto di lavoro
- accesso alla residenza
- accesso alla cittadinanza
- abolizione di tutti i decreti sicurezza
- fine degli abusi e dei lunghi termini nelle questure,
- azzeramento dei costi dei permessi
- chiusura dei centri di detenzione (CPR) e stop ai rimpatri
- permesso di soggiorno europeo

Il ricatto del documento non influisce soltanto sullo status giuridico e sulla libertà di movimento delle persone: è anche un enorme ostacolo all'accesso al lavoro, alla residenza, alla sanità e ai servizi in generale. Per questo la lotta per i documenti riguarda tutti e tutte noi, immigrati e italiani. Se ci sono persone sfruttate e discriminate perché senza un documento, siamo tutti e tutte più sfruttabili!

Vogliamo documenti per tutti*, e repressione per nessun*!