Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

La Sapienza: Studenti contro i distruttori dell'università

Data di trasmissione

Corrispondenza realizzata nel pomeriggio, nell'ambito de L'ora di buco, con una compagna di Sapienza Clandestina che riepiloga la mattinata di lotta all'università.

Segue il comunicato di studenti e studentesse:

 

 

Oggi 14 marzo l'università degli studenti ha detto no all'università dei ministri e delle loro scorte armate. Infatti questa mattina nell'università de la Sapienza si è svolta l'ennesima sfilata di personaggi come l'attuale ministra dell'istruzione Fedeli, Confindustria e i presidenti di Anvur e Crui, che hanno determinato dalle riforme del 2008 a oggi, la distruzione dell'università pubblica. Era attesa anche l'ex ministra dell'istruzione Gelmini, che però si è tirata indietro di fronte alle pressioni del corpo vivo dell'Ateneo che con coraggio ha espresso la sua idea di università libera contro la loro università delle macerie. Agli studenti è stato impedito di prendere parola dalla celere che è stata fatta entrare ancora una volta dal Rettore alla Sapienza a difendere gli interessi dei ministri e a prendere a calci e pugni chi l'università la vive. Ci sembra importante sottolineare come oggi venga lasciato spazio politico e di espressione a personaggi come Salvini, mentre la voce di un'intera generazione di studenti, lavoratori precari, giovani viene avvertita con paura. Ma i loro tentativi di soffocarci ancora una volta alla Sapienza, come a Napoli e a Bologna, sono stati vani. Domani quindi saremo ancora una volta al Pratone della città universitaria alle 12 a chiedere una presa di parola pubblica al Rettore Gaudio e a rilanciare verso la costruzione dell'università e del futuro che vogliamo.

 Studenti e studentesse della Sapienza

50 anni fa: in ricordo di Paolo Rossi, ucciso dai fascisti

Data di trasmissione
Durata 2m 39s

Paolo Rossi, giovane studente socialista e antifascista, vene ucciso dai neofascisti nella Facoltà di Lettere e Filosofia de La Sapienza il 27 aprile 1966.

Lo ricordiamo dai nostri microfoni, mentre oggi - nel suo 50° anniversario dalla morte - gli antifascisti lo hanno omaggiato con dei fiori sotto la sua lapide commemorativa nella Città Universitaria.

Maker Faire... per chi?

Data di trasmissione

Nel più grande ateneo romano sta per partire la Maker Faire 2015 (16-17-18 ottobre), una vetrina di calibro internazionale per il capitalismo digitale-tecnologico. Sponsorizzata da aziende private e grandi multinazionali, è stata organizzata senza coinvolgimento alcuno della comunità universitaria.

All'interno dell'ateneo, tra gli stand, ci sarà anche quello di ItaliaLavoro, che patrocina e diffonde il progetto Garanzia Giovani della Regione Lazio, che altro non è che una sponsorizzazione della precarità nel mondo del lavoro.

 

Ne parliamo con una studentessa de "La Sapienza".

 

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti sulle prossime iniziative, seguite la pagina Facebook: https://www.facebook.com/Maker-Faire-Per-chi-1506859936292762

 

Durata: 10 minuti.

Riprendiamoci l'Aula Studio Mohammed Bannour (Scienze Politiche - Sapienza)

Data di trasmissione

Oggi, lunedì 30 marzo, ci sarà un'assemblea pubblica - ore 13 - nel cortile della facoltà di Scienze Politiche de "La Sapienza" (p.zza Aldo Moro, 5) per - come si legge nel comunicato di lancio dell'assemblea - "condividere esperienze e pratiche di autorganizzazione cominciando a immaginare un'università diversa e conflittuale, lontana il più possibile da pratiche e logiche di potere che non le dovrebbero appartenere".

 

Nella corrispondenza con un compagno del Collettivo Autorganizzato di Scienze Politiche si ripercorre la storia dell'auletta autogestita, colpita più volte dalla mano repressiva del Rettore e delle forze dell'ordine, come già successo - l'estate scorsa - per il Lucernario Occupato e er l'Aula Portico di Sociologia.

Nella discussione si parla altresì delle problematiche del più grande ateneo romano.