Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Confine alpino del Monginevro: la campagna in solidarietà con Eleonora, Theo e Bastien

Data di trasmissione
Durata 26m 26s

In corrispondenza con una compagna del rifugio autogestito "Chez Jesus" parliamo ancora della giornata del 22 aprile, della situazione in frontiera e della campagna "Defend solidarity - smash the borders" in solidarietà con la compagna e i compagni in carcere.
Al termine della manifestazione Eleonora, Theo e Bastien sono stati arrestati e portati nel carcere di Marsiglia con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in banda organizzata.

IL 22 APRILE SU QUEI SENTIERI C’ERAVAMO TUTTE E TUTTI!

CI ACCUSANO DI SOLIDARIETA’

SIAMO ORGOGLIOSAMENTE COLPEVOLI!

Indirizzi per scrivere ai detenuti:

Theo Buckmaster, n° d’ecrou 188398

Bastien Stauffer, n° d’ecrou 188399

Eleonora Laterza, n° d’ecrou 188381

Centre pénitentiaire de Marseille-Baumettes, 239 Chemin de Morgiou, 13009 Marseille.

12 dicembre iniziative contro le stragi in Libia

Data di trasmissione

Con una compagna in corrispondenza parliamo del percorso di lotta nato dall'assemblea in solidarietà ai processati per la manifestazione al Brennero.

Nell’anniversario della strage di piazza Fontana la volontà è di rompere il silenzio nelle varie città su respingimenti, campi di concentramento, torture e compravendita di schiavi in Libia, cioè sulla natura assassina della politica del governo italiano e sul ruolo dell’ENI.

Attraverso la corrispondenza si rilancia un appuntamento assembleare: alle ore 11,00 di domenica 17 dicembre, assemblea al Boccaccio di Monza per organizzare un’iniziativa a gennaio o febbraio contro l’ENI nella “sua” città: Milano.

Daspo urbano e repressione delle persone trans, eternormativià e violenza del decoro

Data di trasmissione

A partire dal caso dei daspo a Naoli contro donne trans e dell'omicidio di Vincenzo, attivista gay campano, una riflessione con una compagna di Napoli e Loredana Rossi dell'associazione trans Napoli su decoro, repressione, eteronormatività, famiglia e controllo.

Aggiornamenti da Ventimiglia: migranti e stato della repressione

Data di trasmissione

Nella città ligure, al confine con la Francia, resta ancora estremamente precaria la situazione di oltre 500 migranti, dislocati tra il campo governativo della CRI (Croce Rossa Italiana) e i locali di una parrocchia locale.

Ventimiglia è città militarizzata; un'infame ordinanza comunale vieta a chiunque di somministrare pasti ai migranti. Solo il campo della Croce Rossa, volutamente posto ai margini della cittadina, è autorizzato ad ospitare ragazze e ragazzi oltreché dar loro cibo.

I/le solidali di Progetto20k hanno deciso di sfidare e violare tale ordinanza praticando così una "solidarietà clandestina".

 

Ascolta gli aggiornamenti da Ventimiglia con una solidale di Progetto20k.

 

Nella seconda corrispondenza una compagna NoBorders 20miglia ci parla della scure repressiva che si è abbattuta sui solidali, già dall'anno scorso. Misure amministrative come fogli di via, denunce, cariche e intimidazioni sono le risposte dello Stato ai tentativi di solidarietà militante e attiva dei singoli con i migranti.

 

Migranti a Como: la situazione al confine italo-svizzero

Data di trasmissione

Cosa sta succedendo a Como, al confine italo-svizzero?

 

Almeno 500 migranti sono ammassati alla stazione FS di Como San Giovanni. Molti di loro cercano di varcare il confine ma la Svizzera ha chiuso la frontiera e dnque i migranti vengono respinti e per loro sono pronte nuove deportazioni (destinazione Taranto). Diversa la composizione etnica dei migranti: uomini, donne e minori da Nigeria, Senegal, Etiopia, Somalia, Ghana, addirittura un ragazzo palestinese.

 

 

 

Andrea Cegna, redattore di Radio Onda d'Urto e collaboratore de "il manifesto" (qui i suoi contributi sul tema), ci fa un quadro e una sintesi delle giornate precedenti nella città, tra tensioni con la polizia e il tentativo di mobilitazione dell'associazionismo locale comasco ed elvetico.

 

Nella seconda corrispondenza, un solidale di Como ci dà le sue impressioni, tra tentativi di autorganizzazione dei migranti (frenati però dalla diversa composizione dei richiedenti asilo) e mobilitazione dei solidali, in una situazione comunque estremamente fluida.

 

Per info e mettersi in contatto con i/le solidali scrivere a retesolidalecomo@gmail.com

 

Ventimiglia: sgomberato campo migranti e No Borders

Data di trasmissione

Aggiornamenti da Ventimiglia dove le forze dell'ordine hanno sgomberato il campo No Borders di Valle del Roja, dove erano accampati oltre 350 migranti provenienti dall'Africa centrale.

Durante l'operazione repressiva sono stati arrestati 4 solidali e un migrante: tuttora ignote le accuse della polizia nei loro confronti.

 

Ancora una volta si registra l'atteggiamento sbirresco di CRI (Croce Rossa Italiana) e la complicità della Caritas con le forze dell'ordine.

 

Intanto i/le solidali No Borders hanno organizzato un campeggio "senza frontiere"; qui puoi trovare ulteriori informazioni: campeggiosenzafrontiere.noblogs.org.

 

 

Dopo lo sgombero in Val Roya, le voci dei compagni reclusi nel CRA di Nizza

Data di trasmissione
Durata 19m 12s

Dalle voci di due compagni rinchiusi nel CRA (Centre de rétention administrative - CIE in Italia) di Nizza raccontiamo la giornata di lotta culminata con l'occupazione dell'ex dogana francese in Val Roya e la conseguente repressione.

I compagni ci raccontano il funzionamento del Centro di detenzione amministrativa, dove sono rinchiuse le persone in vista di un'espulsione dalla Francia, e il ruolo del CRA come strumento di oppressione.
Nel pomeriggio di venerdì, un presidio solidale ha rotto l'isolamento delle persone recluse.

30 giugno: dalla Puglia alla Calabria contro lo sfruttamento che uccide

Data di trasmissione

In vista della mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici delle campagne, prevista in contemporanea a Bari e nella Piana di Gioia Tauro per il 30 giugno, abbiamo contattato una compagna della Rete "Campagne in Lotta".

Attraverso la corrispondenza ripercorriamo la lotta dei lavoratori e delle lavoratrici, approfondendo sulle condizioni di vita e sfruttamento e sulle loro rivendicazioni.

Torino - Frontiere e dodici banditi

Data di trasmissione
Durata 19m 47s
Durata 16m 27s

Attraverso la prima corrispondenza facciamo un resoconto della 3 giorni di lotta contro le frontiere svoltasi a Torino.
Il secondo contributo riguarda l'ennesimo attacco repressivo in città, questa volta nei confronti di chi lotta contro i CIE: con 12 divieti di dimora lo Stato vorrebbe allontanare Silvia, Lorenzo, Giada, Daniele, Carla, Francesca, Antonio, Chiara, Silvietta, Nico, Natasha e Valeria dalle lotte e dai propri affetti in città.

Qui il comunicato "Puntare i piedi" dal sito "Macerie e storie di Torino"