Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

ponte galeria

Presidio contro il CPR di Ponte Galeria

Data di trasmissione

Corrispondenza telefonica per parlare del presidio contro il CPR di Ponte Galeria, tenuto la domenica 16 giugno e organizzato dall'Assemblea Solidarietà e Lotta , per denunciare le condizione di detenzione e la violazione ai diritti umani che soffrono le persone detenute in queste luoghi che rappresentano il razzismo istituzionalizzato.

CPR: welcome to Italy

Data di trasmissione

Con la giornalista Chiara Proietti parliamo dell'inchiesta da lei realizzata e mandata in onda a LA7 sui CPR. In particolare la nostra attenzione è su Ponte Galeria dove sono rinchiuse, da troppo tempo, tre donne, in stato totalmente confusionale e senza nessuna interazione con l'esterno. 

Questo perché spesso a loro insaputa alle persone recluse nei CPR somministrano psicofarmaci deleteri per la psico e l'assuefazione. 

A seguire anche una telefonata di una compagna.

Brennero 2016 - Ponte Galeria 2024: una lotta alle frontiere che non finirà con carcere e tribunali

Data di trasmissione
Durata 54m 59s

Martedì 5 marzo si esprimerà la Cassazione per il processo sulla manifestazione al Brennero del 2016. Più di 130 anni di carcere con cui lo Stato vuole mettere a tacere lo slancio di solidarietà non sono solo un peso  per coloro che potrebbero vedere le loro condanne confermate il marzo prossimo.
In questo spazio redazionale proviamo a ripercorrere il significato di quella giornata di lotta, il significato che aveva al tempo e il significato che ha nel presente. Una giornata che poneva al centro questioni come l'internazionalismo, la solidarietà, la lotta alle frontiere interne (come i Cpr) e quelle ai confini.
Oggi tali questioni sono ancora meno ignorabili, si ripresentano con molta più violenza, in Palestina come nei cpr.

Proviamo a ripercorrere il significato a partire da una corrispondenza che era stata fatta dai microfoni di ondarossa il 16 maggio 2016. Al seguito ci raggiunge telefonicamente un compagno dal trentino, che ci aiuta a ragionare sull'attualità della lotta alle frontiere. Infine un altro compagno ci racconta quanto accaduto ieri fuori al Cpr di Ponte Galeria e una compagna legge un contributo sulla giornata del 7 maggio. 

Voci dal presidio al CPR di Ponte Galeria del 15 ottobre

Data di trasmissione

Domenica 15 ottobre compagne e compagni solidali con i migranti reclusi all'interno del CPR di Ponte Galeria hanno dato vita ad un presidio di fronte alle mura del centro di detenzione, che ha portato voci, musica e fuochi ai reclusi e alle recluse.

Dal comunicato di indizione del presidio:

In 25 anni le mura di Ponte Galeria hanno incontrato le resistenze e le ribellioni di centinaia di persone migranti.

L'ultima protesta di cui sappiamo qualcosa è avvenuta il 25 settembre scorso a causa delle condizioni di detenzione e del divieto di comunicazione con l'esterno tramite telefono, le notizie parlano di danneggiamenti alla sezione maschile e diversi feriti.

Corrispondenza dalla Tunisia sulla situazione nel centro di espulsione a Ponte Galeria

Data di trasmissione
Durata 40m 33s

Continuano le deportazioni dall'Italia e le proteste nel CPR di Ponte Galeria dove il 31 dicembre, dopo un tentativo di fuga un grosso contingente di Forze dell’Ordine è entrato nell’area maschile utilizzando gas lacrimogeni. In seguito i reclusi sono stati costretti a dormire fuori al gelo in gravissime condizioni.

Corrispondenza telefonica con una persona che è stata reclusa nel CPR di Ponte Galeria e da poco deportata in Tunisia. Partendo dalla sua esperienza, dal viaggio verso l'Italia alla quarantena e alla reclusione, parliamo della situazione nel CPR di Ponte Galeria e di come stanno funzionando le deportazioni, con uno sguardo sulla situazione economica e politica in Tunisia.

Buon Ascolto!

Sulla situazione dei CPR: una testimonianza diretta

Data di trasmissione
Durata 38m 31s

La situazione all'interno dei CPR in tutta Italia continua ad essere insostenibile. Numerose le rivolte e le proteste. In studio ne parliamo con una persona che ha avuto la sfortuna di avere esperienza diretta di questi lager di stato.

 

ROMA – SOLIDARIETÀ AI RIVOLTOSI – 28 settembre presidio sotto le mura di Ponte Galeria

I Centri di Permananenza per il Rimpatrio sono l’ultima catena del sistema di gestione dell’immigrazione, quell’anello che imprigiona le persone migranti in attesa del rimpatrio o dell’esito della domanda d’asilo. Sono luoghi di detenzione sparsi sul territorio italiano il cui numero, secondo i governi che si susseguono al potere, dovrebbe aumentare fino ad un CPR per regione italiana. Lo scopo sarebbe quello di rimpatriare le/i migranti clandestin* nei loro paesi d’origine, ma questo avviene in percentuali piuttosto basse per la mancanza di accordi bilaterali con le nazioni di destinazione e la difficoltà di identificazione della loro reale provenienza. Scopo principale del CPR rimane quindi quello di minaccia per le/i migranti senza regolare permesso di soggiorno, che possono essere sfruttatx nelle campagne, nelle fabbriche e nella logistica con la paura – se non rispettano gli estenuanti turni e la misera paga di lavoro – di vedersi rinchiusi nel CPR per un periodo che si è esteso fino a 180 giorni.
Questo è lo scopo che le politiche di immigrazione dello Stato intendono ottenere, gestire e selezionare solo i lavoratori e le lavoratrici più ricattabili per mantenere a zero il costo del lavoro e, di fatto, reintrodurre la schiavitù nel mercato economico. La lotta sovranista per il controllo delle frontiere nasconde l’intenzione di selezionare la mano d’opera gestendo le frontiere, del mare a sud o di terra a nord, aprendole o chiudendole in base alle esigenze di mercato.

L’estate è sempre un momento caldo di rabbia e resistenze. Le condizioni di vita all’interno dei centri sono sempre più dure così come la repressione di ogni forma di resistenza e organizzazione; nonostante ciò sono quotidiane le lotte delle persone rinchiuse. Tentativi e successi di fughe hanno costellato gli ultimi mesi, da Tenerife a Torino, da Plaisir a Roma, dove la riapertura della sezione maschile nel mese di giugno è stata inaugurata da una rivolta e dall’evasione di dodici persone. E ancora ieri 20 settembre gli uomini reclusi a Ponte Galeria hanno dato vita a una rivolta per protestare contro il rimpatrio di alcuni prigionieri; sono stati bruciati materassi e le fiamme hanno coinvolto 4 delle 6 aree in cui è suddiviso il lager. Alcune zone sono state probabilmente rese inagibili tanto da costringere chi gestisce il centro di detenzione a trasferire una decina di persone all’interno della sezione femminile del CPR. E’ emersa subito forte e determinata la richiesta da parte dei rivoltosi di diffondere il più possibile quanto stava accadendo tra le mura del lager: all’interno dei CPR i contatti con l’esterno vengono sistematicamente ostacolati e, da quando è stato vietato l’utilizzo dei telefoni cellulari, far sapere a chi è fuori cosa avviene tra le sbarre di questa prigione per persone senza documenti è diventato ancora più difficile.

Crediamo che tutto questo sia funzionale a rimarcare l’isolamento delle persone recluse, a zittire le loro voci e a spezzare i legami di solidarietà tra chi è dentro e chi è fuori.

Crediamo anche che proprio per questo sia necessario continuare a sostenere chi resiste ogni giorno e si ribella contro le disperate condizioni di vita di questi lager, cercando di spezzare l’indifferenza e il silenzio che lo Stato vorrebbe calare su queste prigioni, comunicando con chi è reclus* e facendo uscire la voce di chi ha il coraggio di raccontare cosa succede nei CPR. Voci che raccontano i soprusi e le sopraffazioni agite dalle forze dell’ordine e da operatori e operatrici, soprattutto se ci si oppone all’assurda quotidianità di quel luogo di cui la maggior parte delle persone non conosce l’esistenza, ma anche le più disparate forme di rivolta e resistenza.

In un momento in cui lo Stato, complice delle morti in mare, delle torture in Libia e responsabile della detenzione ed espulsione di migliaia di persone, reprime ogni forma di opposizione e solidarietà, non smettiamo di lottare contro questo sistema e continuiamo a tornare sotto quelle odiate mura.

SOLIDARIETA’ A TUTT* RIVOLTOS*
SOLIDARIETA’ ALLE PERSONE COLPITE DALLA REPRESSIONE DELLO STATO

CONTRO TUTTE LE GABBIE

SABATO 28 SETTEMBRE
ORE 16
FERMATA FIERA DI ROMA

NEMICHE E NEMICI DELLE FRONTIERE

Riapre il CPR maschile di Ponte Galeria: appuntamento per il 28 luglio

Data di trasmissione
Durata 16m 52s

La sezione maschile del CPR di ponte galeria era stata distrutta da una rivolta nel 2015. Ora ha riaperto, con  un apparato repressivo ulteriormente rafforzato: muri di cinta più alti, maggiori restrizioni nella vita sociale dentro al centro, divieto di telefoni cellulari.

Questo non ha fermato le lotte: una rivolta ha permesso a 13 persone di evadere.

Per sostenere le persone in lotta nei CPR, l'appuntamento è domenica 28 luglio alle 18.30 alla fermata fiera di roma del treno roma-fiumicino.