Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Genova2001: Luca è rinchiuso di nuovo in carcere

Data di trasmissione

A 20 anni dal G8 di Genova, a 9 anni dalla sentenza di Cassazione Luca Finotti viene di nuovo rinchiuso in carcere. era in una comunità per scontare il residuo della pena che gli era stata comminata per i fatti di Genova2001 ora il magistrato ha revocato il permesso e è di nuovo in carcere. Genova non è finita: ancora tre compagni alla prese con le conseguenze della sentenza della Cassazione.

Per donazioni per sostenere Luca: https://www.supportolegale.org/donazioni/

Per contattarlo direttamente scrivete a: “Luca Finotti – Casa circondariale di Cremona – Via Palosca, 2, 26100 Cremona CR”

La scuola stanca

Data di trasmissione
Durata 1h 7m 37s

Si tenta un bilancio su un anno difficile, con la preoccupazione per un anno che verrà per il quale non è stato previsto nulla. Il risparmio infatti ha guidato e guiderà la mano del governo, dei governi. Con l'alibi della pandemia sono stati sperimentati precariato, flessibilità, scuola on demand...

Si conclude parlando della scuola nel carcere di Rebibbia, di cui si continuerà a discutere prossimamente.

Apologia di ribellione e oltraggio all’oppressore

Data di trasmissione
Durata 14m 29s

Esprimere solidarietà nei confronti dei detenuti e delle detenute in lotta? Dichiarare la propria vicinanza coi compagni inquisiti? Denunciare la gestione criminale della pandemia nelle carceri? Atti che si potrebbero dire minimali per ogni coscienza radicale, ma che per la Digos giustificano l’apertura di indagini per oltraggio e istigazione a delinquere. È quanto successo a più riprese ad alcuni compagni e compagne dell’Assemblea permanente contro il carcere e la repressione di Udine e Trieste ai quali gli inquirenti sembrano voler far pesare penalmente ogni parola “che, superando la sterile libertà di indignarsi, rivendichi la libertà di lottare”. Due compagne di Udine e Trieste ci raccontano di questa situazione e del contesto da cui nasce.

 

da: https://radiocane.info/apologia-oltraggio/

Presentazione di "Barre", di Francesco Kento Carlo.

Data di trasmissione

Presentazione di "Barre", di Francesco Kento Carlo.
Un libro e un mixtape che raccontano il lavoro solciale del cantante all'interno delle carceri minorili.
Ne parliamo con l'autore.


“Non è facile raccontarvi l’emozione di oggi. Perché questo è un lavoro a cui tengo in modo straordinario e perché sono stato a lungo incerto prima di decidermi a scriverlo. Potrebbe avere delle conseguenze su di me e sulla mia possibilità di continuare a lavorare in carcere, lo so bene. Ma certe verità vanno raccontate, costi quello che costi. 

"Dedicato a tutti i miei fratellini dietro le sbarre, con un ringraziamento a tutti quelli che ci hanno aiutato e ci aiuteranno a portare fuori la loro voce.”

Una campagna per la liberazione di Mumia Abu-Jamal

Data di trasmissione

Con Silvia Baraldini torniamo a parlare della liberazione di Mumia Abu-Jamal da 40 anni rinchiuso nelle carceri americane. Le sue ocndizioni di salute sono in peggioramento per questo andrebbe attivata una mobilitazione. Due gli appuntamenti il 24 aprile, il suo compleanno e il 9 dicembre per i 40 anni di carcerazione.

Un articolo di Laura Corradi

Un saluto da Mumia Abu Jamal

8M 2021: a un anno dalla strage di stato nelle carceri

Data di trasmissione

È passato un anno dalle rivolte scoppiate nelle carceri di questo paese, proteste collettive che si sono espanse a macchia d’olio in tutto il mondo. Quindici persone sono state uccise dallo Stato in Italia in quelle giornate, una tragedia che si è compiuta sotto gli occhi di tutti e nel più vile tra i silenzi col tentativo di archiviare velocemente quei fatti da parte delle istituzioni. Questa mattina si è tenuto un presidio di fronte al Ministero di Giustizia a Roma, ne parliamo con una compagna.

 

Un fumetto benefit per i e le detenute

Data di trasmissione

"Lontano dagli occhi, lontano dal cuore" è un fumetto uscito in questi giorni a cura di ZeroCalcare, con la collaborazione di alcune e alcuni solidali con la popolazione carceraria, un'autoproduzione benefit che troverete durante le iniziative contro il carcere e in solidarietà con chi si è ribellato nell'ultimo anno e in omaggio a chi perse la vita durante le rivolte dello scorso anno.

Durata 12' ca.

Un anno di rivolte e morti nelle carceri: che peso gli diamo?

Data di trasmissione

In questa puntata di Silenzio Assordante abbiamo ripercorso un anno (quasi) dall'inizio delle rivolte e le prime repressioni nelle carceri d'Italia. Partiamo con l'intervento di Lello, un compagno che ha ricostruito un quadro generale di quest'anno e delle condizioni delle persone in prigione. Abbiamo parlato poi con una parente che ci ha ricordato la solidarietà di chi da fuori ha sofferto e soffre per i propri cari e care reclusi/e. Poi abbiamo ascoltato una compagna di Torino e un compagno di Trieste che hanno raccontato le specificità delle lotte nelle carceri delle città, ricordando gli appuntamenti locali e generali.
In chiusura, sempre da Trieste, mettiamo al centro i limiti che quest'anno abbiamo riscontrato nel riuscire a far sentire il peso delle gravi violenze nelle galere e la repressione nei confronti di chi muove la solidarietà in frontiera.