Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Bologna: studentato Taksim sgomberato

Data di trasmissione

Nella corrispondenza parliamo con un compagno bolognese che ci racconta dello sgombero in corso e dei blocchi stradali eseguiti in risposta, bloccando il traffico nel centro del capoluogo emiliano.

 

La polizia ha più volte caricato il presidio di solidarietà venutosi a costituire.

 

Durante la corrispondenza partono delle violente cariche all'interno dello studentato, con cui gli occupanti vengono portati fuori dalla celere.

 

Durata: 3m05

Roma, oggi manifestazione solidali con i e le ribelli in Turchia

Data di trasmissione
Durata 13m 19s

La corrispondenza con un compagno ore 17:30 CORTEO DA PIAZZA DELLA REPUBBLICA FINO ALL'AMBASCIATA TURCA.

Sono giorni di rivolta in Turchia, un popolo schiacciato dalle politiche repressive di Erdogan di sta riprendendo le strade e le piazze, e sta resistendo alla brutalità poliziesca. Questa rivolta nasce dalla difesa di una Piazza e di alcuni alberi ma guarda più lontano, così come guardano lontano le primavere arabe e le rivolte che si stanno sviluppando nel mediterraneo, come nelle periferie svedesi o nelle metropoli brasiliane. Il 20 giugno vorremmo portare in piazza la nostra solidarietà e complicità alla rivolta turca, e costruire un ponte tra i rivoltosi di piazza Taksim e la nostra città. Non è' il tempo di chiudersi nelle proprie case e navigare su internet chiedendosi quando sara' il nostro momento. Globalizziamo la solidarietà oggi e costruiamo la nostra rivolta. Con i rivoltosi di Piazza Taksim, Con i rivoltosi di tutto il mondo. Comitato di sostegno Piazza Taksim. Appuntamento: 20 giugno 2013 ore 17:30 CORTEO DA PIAZZA DELLA REPUBBLICA FINO ALL'AMBASCIATA TURCA.

Istanbul: attacco all'università e alle case

Data di trasmissione
Durata 13m 55s

ore 23.36 Istanbul
http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=FeVM0BTsi-Q

 

Questo è cosa succedeva circa 3 ore fa a Besiktas.

Tornata da un'oretta e mezza. Vediamo a casa con amici, i video, i tweet e gli aggiornamenti dei giornali mainstream con aria mesta.Taksim piovosa ed elettrica. Ci avviciniamo alla discesa per Gumussuyu, c'è un manipolo di gente attorno a 2 ragazze che parlano agitate invitando tutti a non scendere. La polizia ha cominciato a "bombardare" gli studenti asserragliati nell'università di Bahcesehir. Come potete vedere nel video.


Qui altre foto della situazione.

 

L'altra notizia è che una barricata della polizia blocca il primo ponte sul Bosforo:

Questo dovrebbe impedire cordoni di solidarietà e passaggi vietati da una sponda all'altra.

La situazione sembra esplodere. La protesta è oramai allargata a macchia d'olio. Ad Ankara come Adana e Izmir. Poca differenza sia nell'intensità delle proteste che nella risposta repressiva delle forze dell'ordine.

Le ragazze che diffondono le notizie a Taksim sulla situazione di Besiktas sembrano in preda all'ansia e pregano gli astanti di non scendere, di non disperdersi, di mantenere la lucidità limitando l'uso di alcolici e non commettendo imprudenze. C'è bisogno di dottori e chiedono ai passanti se fra di loro c'è qualche dottore che possa andare giù. Ma che nessun altro vada.

Quando sei fuori e non hai la possibilità di controllare cosa succede altrove provi una sensazione di spaesamento e inadeguatezza. Ci sentiamo tristi e seriamente preoccupati. Non scherzano qui e la prima associazione mentale che viene a tutti noi (sono con 2 amici che ieri erano a Besiktas, mentre di nuovo la polizia attaccava, ma la folla rispondeva prendendo possesso di un mezzo cingolato!) è con Bolzaneto e la scuola Diaz. 

Ci starà prendendo la paranoia o è una normale reazione a giorni in cui la mente (e il corpo) è stata occupata solo da questi eventi? Anyway. L'unica cosa sensata è tornare a casa. Forse a Taksim succede qualcosa o forse no ma, stasera, la situazione sembra sfuggire al controllo.

Vi lascio con gli slogan più gridati in questi giorni:

Governo dimettiti!

Uniti contro il fascismo (spalla a spalla)

Media venduti

Alla festa nel parco la gente ha scritto sulla terra, usando mattonelle rotte: Taksim halkindir- Taksim è del popolo.

 

Buonanotte e sia la libertà al popolo.