Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Manda i tuoi materiali per la prossima scarceranda

Roma: se canti certe frasi ti incriminano, ma intanto il "crocifisso" arriva in cassazione

Il Gip del tribunale di Roma dovrà decidere sull'incriminazione e rinvio a giudizio per istigazione a delinquere perpetuata da alcuni manifestanti che cantavano durante una manifestazione per il diritto alla casa nel 2018.

Intanto la causa del docente che durante la sua lezione toglieva il crocefisso dal muro ( e poi ce lo rimetteva alla fine) è arrivata in cassazione dopo 12 anni. Data la rilevanza costituzionale del tema, la causa sarà discussa a sezioni riunite.

Ne parliamo con l'avvocato Simonetta Crisci

Some prefer cake, festival di cinema lesbico

Presentiamo con una compagna di Comunicattive e Associazione Luki Massa il festival di cinema lesbico, Some prefer cake, edizione 2020 completamente on line, nella seconda corrispondenza parliamo con Monica Pietrangeli, che il 25 settembre alle re 18, nell'ambito del festival presenterà il libro “Ho camminato nel mondo con l’anima aperta” di Nella Nobili (Solferino, 2018), in collaborazione con associazione Orlando e Libreria delle donne di Bologna.

Puglia: si apre la stagione dei processi per il TAP

Il prossimo 25 settembre inizia il processo a 92 attivisti e attiviste No Tap, mentre a Novembre ci sarà la prima udienza del processo alla società costruttrice del gasdotto per una serie di reati amministrativi accumulati negli ultimi anni.

Ne parliamo con un compagno del Comitato No Tap

Notav: 2 anni di condanna per Dana

In seguito alla caduta di Luca dal traliccio di fu una iniziativa al casello autostradale di Bardonecchia. Nessuno doveva pagare l'autostrada. In seguito per quell'iniziativa ci sono state delle denunce e a 8 anni di distanza si concretizza così un altro pezzo di criminalizzazione del movimento. Dana in particolare secondo i giudici, che così si sono espressi, dovrà scontare 2 anni di carcere. Sono state rifiutate tutte le misure alternative proposte dalla difesa.

Presentazione del pamphlet "Il nostro mondo comune"

Edito nel 1983 da Felina, prima casa editrice lesbica italiana, Il nostro mondo comune è il pamphlet scritto a più mani da un gruppo di lesbiche del CLI (Collegamento Lesbiche Italiane) in risposta alla cancellazione del lesbismo all’interno del documento Più donne che uomini a cura del Gruppo N. 4 della Libreria delle donne di Milano.