Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Barcellona, arrestati nove esponenti dei CDR

Nella giornata di ieri l'Audiencia Nacional di Madrid ha ordinato l'arresto di nove attivisti dei CDR (Comitati per la Difesa della Repubblica) catalani.
Gli arrestati - tutti appartenenti alla sinistra indipendentista - sono accusati di reati pesantissimi: ribellione, sedizione, terrorismo e detenzione di esplosivi. Secondo l'accusa gli arrestati sarebbero stati pronti a scatenare un'ondata di attentati nei prossimi giorni per rispondere alla sentenza di condanna dei leader indipendentisti accusati di aver organizzato il referendum illegale per l'indipendenza del 2017.

Diada 2011

Come ogni anno, lo scorso 11 settembre Barcellona è scesa in piazza per la Diada, la festa nazionale che ricorda la caduta della capitale catalana nelle mani dei Borbone l'11 settembre del 1714. Oltre 700.000 persone sono scese in piazza, con una cospicua presenza della sinistra indipendentista, per continuare a chiedere la liberazione delle e dei prigionieri politici e degli esiliati e per il riconoscimento del diritto all'autodeterminazione.

Barcellona, l’imam dei jihadisti era sul libro paga dei servizi

A un mese dal secondo anniversario dell'attentato delle Ramblas, che provocò 16 morti e 131 feriti, arrivano le clamorose rivelazioni del quotidiano on line publico.es su Abdelbaki Es Satty, l’uomo che saltò in aria il giorno prima dell’attacco alle Ramblas. I Mossos, la polizia autonoma catalana, non trovarono nulla su di lui perché il Cni, i servizi segreti spagnoli, aveva cancellato tutti i suoi precedenti e il giorno dopo la morte lo fece sparire dagli archivi. Ne parliamo con il giornalista Marco Santopadre

Barcellona: sciopero generale per i prigionieri politici

Con un compagno catalano commentiamo lo sciopero generale e la grande manifestazione di oggi a Barcellona per chiedere libertà per i prigionieri politici, arrestati con l'accusa di ribellione in seguito alla dichiarazione di indipendenza.

Barcellona, un anno dal referendum del primo di ottobre

A un anno dal referendum sull'indipendenza del primo di ottobre del 2017, Barcellona è tornata in piazza.

Sabato 29 settembre si sono registrati scontri fra manifestanti indipendentisti, che cercavano di contestare una manifestazione di estrema destra, e forze della polizia autonoma, mentre lunedì primo di ottobre, a un anno esatto dal referendum, sono stati organizzati cortei e blocchi stradali in tutta la città.

Barcellona in piazza a sostegno dei CDR

Dopo una settimana segnata dagli attacchi di magistratura e forze di polizia nei confronti dei CDR, i Comitati di Difesa della Repubblica, domenica scorsa centinaia di persone sono scese in piazza a Barcellona per mostrare il proprio sostegno a questi organismi autogestiti che rappresentano la base dei movimenti sociali e repubblicani della Catalogna

#8marzo Barcellona: huelga general delle donne in Spagna

Corrispondenza con una compagna da Barcellona dove questa mattina sono state bloccate tutte le vie più importanti della città, in tutti i quartieri e oggi concentramento in plaza de Catalunya da cui partirà un immenso corteo. Molto alta l'adesione delle donne allo sciopero

Barcellona: arriva il re, partono i repubblicani

La visita del re Felipe VI nella capitale catalana è stata salutata da proteste, manifestazioni, scioperi e dimostrazioni e dal consueto, pesante corollario repressivo operato dalle forze di polizia e dalla magistratura.

Nel frattempo Ana Gabriel, dirigente della CUP, espatria in Svizzera per non essere sottoposta all'ennesimo arresto per ragioni politiche in Catalogna mentre un famoso rappr maiorchino, Valtonyc, viene condannato a tre anni e mezzo di prigione per reati di opinione.

Il punto della situazione con il nostro corrispondente Victor, de La Directa.

Aggiornamenti dalla Catalogna

In Catalogna continua la partita a scacchi tra Generalitat e Governo centrale, mentre il capo della polizia locale viene convocato dall'Audiencia Nacional (la corte di giustizia erede del vecchio tribunale dell'ordine pubblico franchista) e non è ancora chiaro se il Parlamento catalano, il prossimo lunedì, potrà aprire o meno.