Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

I tecnoamici dell'estate

Data di trasmissione

Riprendiamo le dita nella presa, dandovi alcune delle notizie racimolate e accumulate durante l'estate. In particolare parliamo dei nostri migliori amici.

Apriamo parlando di Immuni, del suo utilizzo modesto e delle impressionanti skill comunicative che vengono spese su di essa.

Il secondo grande amico degli utenti di cui parliamo oggi è la Apple: Apple che implementa alcune delle funzionialità di tracciamento anti-Covid già integrate in iOS; che prova a dare all'utente la possibilità di non condividere le informazioni di tracciamento commerciale tra le varie app, ma si ritira immediatamente in nome della difesa delle piccole e medie imprese (la prima delle quali è Facebook); e che infine decide di non inserire nella nuova versione di Safari - il suo browser - 16 delle nuove pazze pazze WebAPI in quanto potrebbero essere utili per il fingerprinting degli utenti.

Continuiamo con Amazon che, in nome dell'uguaglianza, si conserva i dati non solo dei consumatori ma anche degli inserzionisti... non una grande sorpresa, se non fosse che di fronte al Congresso statunitense avevano spergiurato il contrario. E che nessuno dica che utilizzeranno i dati per fare concorrenza sleale!

Concludiamo con il solito misto di notiziole.

Statistiche e tracciamento ai tempi del coronavirus

Data di trasmissione
Partendo da una statistica presentata dalla regione Lombardia che tende a dimostrare l'ancora eccessiva mobilità della popolazione nonostante i decreti, facciamo quattro conti
per vedere quanto le conclusioni tratte siano veramente supportate dai dati statistici, e in generale quanta validità abbiano quei dati rispetto alla domanda posta. 
Il nostro risultato permette sostanzialmente di giungere alla conclusione opposta rispetto allo studio originale, facendo solo qualche assunto sulla sopravvivenza della popolazione.
 
Parliamo poi della diffusione del sistemi di sorveglianza e autosorveglianza, declinati come necessari nella lotta all'epidemia, sia in Italia sia in altri paesi, 
come Israele (che ha comunque una lunga tradizione in tema di sorveglianza della popolazione).
Questa diffusione è dovuta anche all'imitazione del modello "virtuoso" della corea del sud, che ha tracciato tutti i cittadini e reso pubblici i movimenti di quelli positivi per permettere al resto della cittadinanza di "difendersi". Un approccio non solo invadente della privacy, ma di cui non è chiara l'utilità.
 
In conclusione discutiamo brevemente altri due argomenti:
  • il "problema" della scarsità di tamponi analizzati in italia rispetto a quello che da più parti si considera il necessario (sempre chiamando in causa il "modello" corea del sud) e il contributo che il mondo scientifico potrebbe dare alla lotta contro l'epidemia.
  • come sopravvivere alla scarsità di banda in un mondo che ormai vede la rete come una delle poche forme di intrattenimento e lavoro ancora consentite? commentiamo la soluzione proposta dal sole24 ore e le promesse delle major dei video online di ridurre il consumo di banda. Recentemente avevamo dedicato un approfondimento all'insostenibilita' economica tecnica e ambientale di un sistema di intrattenimento e comunicazione basata sui video. Ascoltalo qui.

Fingerprint sussurrati per orecchie smart

Data di trasmissione

Terza puntata del ciclo sulla profilazione. Parliamo delle tecnologie utilizzate per riconoscere noi e i nostri dispositivi a prescindere da dove siamo, che app usiamo, ecc. Parliamo di browser fingerprint, ma anche di cross-device tracking, ovvero di come i nostri dispositivi ci riconoscono e si riconoscono tra loro grazie a degli inudibili messaggini audio chiamati audio beacon.

Testati anche tu su panopticlick per scoprire la tua unicità in rete.

In chiusura, consigli pratici e teorici per difendersi dall'istigazione all'acquisto.

Profilazione parte due

Data di trasmissione

Seconda puntata del ciclo sulla profilazione: ripartiamo dalla puntata precedente per parlare del tracciamento su Internet. In questa puntata ci soffermiamo sui meccanismi di funzionamento del tracking di terza parte, ovvero quello che viene fatto da entità molto grandi che ci tracciano sulla quasi totalità di siti che visitiamo. Come funziona il mercato dei tracker? chi paga chi? perché a volte sembra molto preciso e a volte molto meno?