Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Egitto: poco ambientalista ma molto femminista

Data di trasmissione

A Novembre in Egitto si svolgerà il Cop27 che porta Al Sisi a parlare di una svolta green in un paese che ha un fortissimo inquinamento atmosferico e discariche a cielo aperto. Questo mentre ci sono ancora in carcere 60mila tra prigioniere e prigionieri politici. Come Alaa ancora in sciopero della fame e come le compagne femministe che stanno pagando con processi e multe la loro solidarietà alle sopravvissute di molestie e stupri.

Ne parliamo con una compagna.

Assolta la giornalista Rasha. Iniziativa alle Cagne Sciolte

Data di trasmissione

In giornata si aspetta la sentenza del processo contro Rasha Azab. Presidio davanti al Tribunale a Il Cairo.

A Roma oggi, alle Cagne sciolte aperitivo solidale dalle 18.30 e aggiornamenti alle 20.

via Ostiense n. 137
 
Aggiornamento alle 12.44 dell'assoluzione di Rasha e del pagamento delle spese processuali da parte del regista accusato di violenze,

#Solidarietà_con_Rasha_Azab

Data di trasmissione
Durata 6m 13s

Campagna di solidarietà con Rasha Azab, accusata di insulto, calunnia e disturbo deliberato dopo che l’anno scorso, durante il Festival del cinema del Cairol (26 novembre - 5 dicembre 2021), sono uscite 7 testimonianze anonime sul blog “Daftar Hekayat” https://elmodawana.com/   contro il regista egiziano Islam Azzazi accusato di stupri e violenze sessuali.

C’è stata una forte campagna di solidarietà sui social network con le sopravvissute e la direzione del festival ha cancellato la conferenza stampa del suo film, ma Rasha è stata denunciata. Sabato 12 marzo ci sarà l'udienza dopo un primo rinvio.

Egitto: diffamazione alle compagne femministe

Data di trasmissione

L’anno scorso durante il Festival del cinema del Cairo che si è tenuto dal 26 novembre al 5 dicembre 2021, sono uscite 7 testimonianze anonime sul blog “Daftar Hekayat” https://elmodawana.com/  che da tempo si occupa di denunciare anonimamente stupratori e molestatori, contro il regista egiziano Islam Azzazi accusato di stupri e violenze sessuali. C’è stata una forte campagna di solidarietà sui social network con le sopravvissute e la direzione del festival ha cancellato la conferenza stampa del suo film. Azzazi ha sporto denuncia contro 6 persone solidali con le sopravvissute, ad oggi l’unica ad andare a processo il 26 febbraio prossimo sarà la compagna egiziana, scrittrice e giornalista Rasha Azab con l’accusa di diffamazione e calunnia. Dopo il processo de L'Aquila e quello a Torino, anche in Egitto la solidarietà femminista viene messa sotto processo. Nonostante diverse donne abbiano testimoniato contro il regista, la procura non ha investigato e non ha aperto nessuna indagine sulle testimonianze di stupri e violenze sessuali nei suoi confronti. Invece ad andare a processo sarà la compagna Rasha che ha osato portare solidarietà. E' evidente, cosi come accaduto in Italia che si vogliono zittire le voci delle donne che pubblicamente denunciano stupri e non aspettano che sia un Tribunale ad accertare le violenze. In Egitto, il caso n. 222 dell'anno 2022 è il primo processo in cui viene denunciata una persona solidale con le sopravvissute da casi di stupro e violenze, dopo la pubblicazione di diverse testimonianze agghiaccianti. Per portare solidarietà femminista usare l' #Solidarietà_con_Rasha_Azab

In Egitto condanne senza appello per Alaa Abdel Fattah, Mohamed el-Baqer e Mohamed “Oxygen”

Data di trasmissione

Alaa Abdel Fattah, attivista per i diritti umani e protagonista della rivoluzione del 2011, è stato condannato a cinque anni. Condannati anche il suo avvocato Mohamed el-Baqer e il blogger Mohamed Oxygen Ibrahim entrambi a quattro anni. I tre imputati erano accusati di “diffusione di notizie false”. Alaa Abdel Fattah e Mohamed el-Baqer sono accusati di aver criticato le autorità circa il trattamento dei detenuti e per alcuni decessi in custodia avvenuti in circostanze sospette; Mohamed Oxygen Ibrahim, invece, per aver denunciato sui social media il mancato rispetto dei diritti sociali ed economici da parte del governo.

Oggi dovrebbero liberare Sanaa Seif, sorella di Alaa dopo un anno e mezzo di prigione per aver denunciato i depistaggi sui detenuti morti di Covid. Ne parliamo con una compagna.

Egypt Defence Expo: alla fiera della morte partecipa anche l'Italia

Data di trasmissione

Di fronte alle alte cariche dell’esercito egiziano, ai ministri e ai generali stranieri, il presidente Abdel Fattah al Sisi ha inaugurato il 29 novembre la seconda edizione dell’Egypt Defence Expo (Edex), l'esposizione internazionale del settore della difesa. Sui banner pubblicitari della mostra organizzata da al Sisi è presente in bella vista il nome di un’azienda italiana partecipata dallo stato attraverso Cassa depositi e prestiti, “Fincantieri”. Una sponsorizzazione già annunciata nel 2020 prima che l’expo venisse rimandato causa Covid e che "si concretizza nella partecipazione e nel dare visibilità all’evento". Ma non è l’unica.
Al contempo, mentre l'Italia partecipa in bella mostra a questa fiera della morte, dopo tre anni viene approvata all'unanimità la relazione sull’inchiesta sull’uccisione di Giulio Regeni che afferma che "la responsabilità del sequestro, della tortura e dell'uccisione di Giulio Regeni grava direttamente sugli apparati di sicurezza della Repubblica araba d'Egitto, e in particolare su ufficiali della National Security Agency (NSA), come minuziosamente ricostruito dalle indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Roma".

 

Ne parliamo con Antonio Mazzeo.

 

Egitto: in italiano il libro di Alaa Abd-el Fattah

Data di trasmissione

E’ appena uscita nelle librerie la versione italiana degli scritti, composti in gran parte dal carcere, di Alaa Abd-el Fattah. I testi, tradotti dall’arabo con la sua nota e riconosciuta professionalità e passione civile dalla docente e arabista Monica Ruocco, condensano il pensiero di Alaa negli ultimi dieci anni, dalla fase epica della rivoluzione egiziana alla presidenza di Mohammed Morsi, alla controrivoluzione, alla presa del potere di Abdel Fattah al-Sisi. La massima parte di questi dieci lunghi anni Alaa l’ha trascorsa nel carcere di Tora al Cairo, da una cella all’altra, spesso in detenzione preventiva, spesso in condizioni ‘speciali’ di detenzione. Dall’isolamento alla massima sicurezza.

Questo libro necessario e prezioso si intitola “Non siete stati ancora sconfitti” (hopefulmonster editore, ottobre 2021) e lo presentiamo con una compagna egiziana

Egitto: Zaky e lƏ altrƏ

Data di trasmissione

Due corrispondenze sulla repressione in Egitto, la prima con una compagna di studi all'università di Bologna di Patrick Zaky il cui processo ieri è stata di nuovo rinviato, la seconda sulla situazione generale della repressione in Egitto ad opera del governo di Al Sisi

Egitto: liberate 6 attivisti e attiviste

Data di trasmissione

Tra le persone rilasciate oggi c'è anche la compagna avvocata Mahienour che abbracciamo con libertà. Sentiamo una compagna che ci fa una panoramica sulla situazione ancora terribile delle carceri egiziani. 

"Non ci piacciono le prigioni, ma non ne abbiamo paura". - Mahienour El Masry, avvocata per i diritti umani, arrestata davanti a un tribunale egiziano nel settembre 2019.