Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

A Casalbruciato il volto consueto dei fascisti

Data di trasmissione

Al manipolo di fascisti che anche questo pomeriggio a Casalbruciato ha minacciato e insultato una famiglia di legittimi assegnatari di una casa popolare si è contrapposto un presidio antifascista e antirazzista, animato fra gli altri dai compagni e dalle compagne dei movimenti di lotta per la casa.

La testimonianza di uno dei manifestanti.

Da Torrenova a Casalbruciato, teatri diversi ma stessi burattini

Data di trasmissione

Un approfondimento redazionale su quanto avvenuto a Torrenova lo scorso sabato e a Casalbruciato in queste ore. La destra istituzionale utilizza Casa pound e altri gruppuscoli di estrema destra per minacciare donne e bambini, legittimi assegnatari di case popolari. Pochi fascisti, sempre gli stessi, tentano di farsi passare come residenti di territori sempre diversi, mentre consiglieri comunali e regionali della destra li spalleggiano e forniscono dati utili alle loro gazzarre.

Nel pomeriggio, a Casalbruciato, a Casa pound e fratelli d'Italia si è contrapposto un presidio indetto da Asia USB e altre sigle cui hanno preso parte diverse realtà antifasciste e antirazziste.

Sui fatti di Torre Maura

Data di trasmissione
Durata 29m 51s

Su tutti i media questa mattina la sollevazione di un centinaio scarso di persone ieri a Torre Maura, davanti a una struttura in via Codirossoni dove erano state trasferite 70 persone rom provenienti dal centro di accoglienza di via Toraldo a Torre Angela, a circa tre chilometri. A soffiare sul fuoco in strada camerati di Casapound. Nella notte Raggi cambia idea i dichiara che le persone che erano appena state trasferite in 7 giorni saranno sballottate altrove.

Dopo la lettura dei giornali ne parliamo con un compagno che ha telefonato e una redattrice.

Cosa si agita nell'estrema destra?

Data di trasmissione
Durata 30m 1s

Da Chemnitz all'Ungheria, cosa si agita all'estrema destra.

Dal vertice Orban/Salvini al pogrom della scorsa settimana nella cittadina sassone, l'estrema destra tra similitudini e differenze.

Ne parliamo con Guido Caldiron, giornalista che studia da molti anni le nuove (e vecchie) destre, nonché collaboratore de il manifesto.

Presidio antifascista e antirazzista a Rocca di Papa

Data di trasmissione
Durata 5m 21s

In collegamento con un compagno da Rocca di Papa, dove si è tenuto oggi (ma anche ieri) un presidio antifascista e antirazzista. A Rocca di Papa, comune fuori Roma nella zona dei Castelli Romani, sono stati accolti i migranti della nave Diciotti.

I fascisti, assenti dal territorio, sono arrivati (da Roma e dal Litorale romano) scortati dalle forze dell'ordine.

Roma: raid nazifascista a Centocelle-Cinecittà

Data di trasmissione

Raid nazifascista nella notte tra sabato e domenica a Roma, zona Centocelle/Cinecittà: svastiche, celtiche e scritte fasciste di Forza Nuova e Lotta Studentesca (braccio giovanile di FN). Colpite le sedi di Potere al Popolo, CSOA Corto circuito, CSOA Spartaco e Partito Democratico, dove sono state lanciate le bombolette spray. Un gruppo di Giovani Democratici ha denunciato: "Noi barricati in sede per ore". 

Ci racconta gli eventi un compagno della BAM - Biblioteca Abusiva Metropolitana.

Nella foto: una delle tante scritte vergate dai fascisti del terzo millennio.

Questo il comunicato diffuso dalla Biblioteca Abusiva Metropolitana:

Comunicato:
L'ondata neofascista salviniana a 5stelle si fa sentire sempre di più...
Ieri, intorno a mezzanotte tea il 30 giugno e il primo luglio, un gruppo di fascisti arriva a bordo a due macchine e si ferma di fronte alla nostra biblioteca BAM a via di castani a centocelle, scendono urlando viva il duce cpn le braccia tese facendo il saluto romano. La biblioteca era chiusa e nella parte abitativa dell'occupazione non c'erano i compagni attivisti ma solo famiglie e bambini, spaventati, spengono le luci e cercano di capire che succede, sono delle famiglie straniere semplici non abituate a situazioni del genere.
I camerati cominciano sempre uralndo a prendere a calci e pugni le serrande della biblioteca mentre un altro minaccia un compagno nostro che abita lì insultando "scendi giù bastardo" detta accompagnata e ripetuta svariate volte...
Il tutto è durato quasi 40 minuti, infine si sono allontanati minacciando di tornare e dare fuoco alla biblioteca.

Questi atti vigliacchi non ci fanno paura ma ci fanno riflettere su come sta cambiando seriamente l'area che tira oramai ansando da peggio in peggio. 
È grave che questi topi aggirano intorno ai nosti spazi indisturbati. 
Occhi sempre aperti
Sempre antifascisti, combatteremo la paura, distruggeremo il fascismo!

Festa per Ciro Principessa, decima edizione

Data di trasmissione

Giunta alla decima edizione, presentiamo la festa per Ciro Principessa organizzato dal Comitato Certosa:

10° FESTA PER CIRO PRINCIPESSA
Largo dei Savorgnan, nello storico quartiere di Villa Certosa,
diventa Piazza Ciro Principessa
Per ricordare il nostro amico e compagno Ciro Principessa
ucciso trent’anni fa per mano fascista

Per un giorno lo storico quartiere di Villa Certosa chiude le strade al traffico e le apre a concerti, dibattiti, spettacoli, laboratori, cibo buono e tanta partecipazione...

QUI IL PROGRAMMA

Francia: rilasciati 3 compagni fermati al confine italo-francese ma altri 3 restano in carcere

Data di trasmissione

Giornata di solidarietà, lotta antifascista e antirazzista domenica 22 aprile al confine italo-francese in alta Val Susa. Il corteo, partito dalla vicina Claviere, ultimo comune in territorio italiano, ha raggiunto il Monginevro. La marcia era stata organizzata per protesta contro la presenza dei militanti di estrema destra del movimento ‘Generation Identitaire’ a Nevache, vicino al Colle della Scala. Dopo aver superato il cordone di gendarmi francesi a Monginevro, i manifestanti, ai quali si sono aggiunti alcuni migranti, hanno proseguito fino a Briancon. 

Sei compagni fermati: tre compagni italiani sono stati rilasciati, mentre proprio oggi sono stati convalidati l'arresto per Theo e Bastien nel carcere di Gap e Eleonora è stata invece trasferita al carcere di Marsiglia. L'accusa è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in banda organizzata.

Con noi al telefono due compagni, di cui uno (seconda corrispondenza) arrestato nella giornata di domenica.