Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

SI Cobas ancora in piazza a Roma

Data di trasmissione

Dopo aver strappato un incontro con il ministro del lavoro, in seguito all'occupazione della sede del Nazareno, lavoratrici e lavoratori della FedEx di Piacenza si sono diretti verso la sede del MISE, dove continua la mobilitazione. la nostra corrispondenza con uno dei lavoratori.

Scuola: divieti, censure, sanzioni

Data di trasmissione

La trasmissione ospita un rappresentante del sindacato SI COBAS con il quale si discute del diritto di sciopero e della revoca di quello dell'8 marzo per il settore scuola.

Parliamo quindi con un docente vicentino, esponente dell'associazione MaiMa, delle prese di posizione dell'assessora alla scuola della regione Veneto Donazzan sulle iniziative contro omo/bi/transfobia del Liceo Corazzini di Thiene.

Concludiamo dando voce agli/alle studenti del collettivo autorganizzato del Mamiani.

 

Italpizza: repressione antisindacale e maxiprocesso contro operai e operaie

Data di trasmissione

Con un compagno del SI Cobas Modena, colpito in maniera diretta dall'inchiesta, commentiamo la fine delle indagini della procura di Modena sugli scontri durante gli scioperi e i picchetti ad Italpizza dall'inverno del 2018 all'estate dello scorso anno. I 67 indagati si aggiungono alle centinaia di procedimenti giudiziari contro il Sindacato per altre vertenze, portando il numero degli operai a processo nella sola Modena a oltre 400.

La realtà viene ribaltata: i criminali non sono i padroni che rifiutano di applicare i contratti nazionali, che negano ogni diritto sindacale, che puniscono le operaie mandandole a spalare la neve sui tetti ghiacciati. Per la Procura i criminali sono le stesse operaie che reclamano i propri diritti.

Peroni, vincono i lavoratori

Data di trasmissione

Dopo 15 giorni di sciopero, nella tarda serata di ieri, è stato firmato l'accordo che salva tutti i posti di lavoro, tutti i lavoratori avranno la turnistica che coinvolgerà tutti i lavoratori e verrà riconosciuto integralmente il CCNL Logistica e Trasporto Merci.

Un compagno del SI Cobas ci illustra i contenuti dell'accordo, una vittoria per i lavoratori in sciopero da diverse settimane e un esempio per le vertenze future

Prosegue il presidio alla Peroni

Data di trasmissione

Continua, di fronte allo stabilimento Peroni di Roma, in via Birolli al collatino, il presidio permanente dei facchini che chiedono alla multinazionale proprietaria dello storico marchio il rispetto dei propri diritti e il miglioramento delle condizioni di lavoro. Sabato scorso un corteo in solidarietà con i lavoratori ha attraversato le strade del quartiere, altre iniziative sono in preparazione nei prossimi giorni.

Continua il presidio alla Peroni

Data di trasmissione

Continua la mobilitazione degli addetti alla logistica dello stabilimento della birra Peroni di via Birolli, nel quartiere collatino a Roma. Sabato 29 febbraio è indetta una manifestazione che partirà alle 13.30 da piazza De Cupis e terminerà di fronte allo stabilimento.

Dal piazzale di fronte all'impianto un compagno del SI Cobas ci aggiorna sullo stato della mobilitazione.

Negozi Zara, la lotta paga

Data di trasmissione

Si è conclusa con una vittoria la mobilitazione di lavoratori e lavoratrici del gruppo Zara, che sono riusciti a confermare i propri livelli salariali e l'applicazione del contratto nazionale rigettando l'offensiva della controparte. Un risultato ottenuto grazie a scioperi e manifestazioni che adesso si cerca di replicare anche nella vertenza che riguarda gli stabilimenti della birra Peroni.

Abbiamo raggiunto un sindacalista del SI Cobas proprio davanti lo stabilimento capitolino della Peroni, in via Birolli, per farci raccontare come sono andate le cose con il gruppo Zara e quali siano le prospettive per la vertenza alla Peroni

Ancora una dura repressione contro i lavoratori della logistica

Data di trasmissione

La Penny Market di Desenzano ha licenziato decine di lavoratori organizzati dal Si Cobas che si sono ribellati a turni massacranti e bassi salari. Ma non è bastato a fermare le lotte e a questo punto è intervenuta la Digos con i divieti di soggiorno a lavoratori e sindacalisti del Si Cobas.