Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Richiesta sorveglianza speciale per 5 compagni andati in Siria

La procura di Torino il 3 Gennaio ha consegnato a 5 compagni torinesi che sono stati negli ultimi 2 anni in Siria a sostenere a vario titolo la rivoluzione confederale la pericolosità sociale e la richiesta di sorveglianza speciale, una misura che limita fortemente le libertà di chi la subisce. Inoltre la richiesta sarebbe giustificata soltanto dalla presunta pericolosità che l'esperienza in guerra di questi compagni gli avrebbe dato per la loro conoscenza dell'utilizzo delle armi, ma non si basa su nessun fatto specifico.

8 Dicembre non solo No TAV

Data di trasmissione
1 mese ago

Orfani di una voce ci facciamo un'ampia carrellata delle iniziative tenute in tutt'Italia Sabato 8 Dicembre scorso, di cui ovviamente la più grande è stata quella No TAV di Torino. Ospitiamo inizialmente una corrispondenza da Firenze riguardo ai progetti di inceneritore e aeroporto a nord della città. Passiamo poi a parlare di Terni e dei suoi due inceneritori. Dedichiamo una parentesi ovviamente alla grande manifestazione di Torino.

L'8 Dicembre NO TAV

Data di trasmissione

Insieme ad una compagna del movimento NO TAV ragioniamo della grande mobilitazione di Sabato scorso, 8 Dicembre. Una piazza complessa, numerosa, che è confluita in una piazza Castello stracolma con un comizio finale. abbiamo parlato del ruolo degli media nella campagna Si Tav, delle dichiarazioni di Salvini di ieri sul Tav, e delle prospettive per i prossimi mesi del movimento.

NoTav in presidio sotto il comune di Torino

Alle 14.30 si terrà la discussione riguardante il progetto Tav Torino-Lione all'interno della giunta comunale di Torino. Il 5 stelle locale ha messo all'ordine del giorno alcune prese di posizione forti contro la realizzazione dell'opera, e il movimento ha deciso di scendere in presidio data l'attenzione di PD torinese e imprenditori interessati all'opera che vorrebbero manifestare in difesa del TAV. Abbiamo sentito una compagna del movimento NO TAV per lanciare il presidio.

Resistere alla gentrificazione: Marsiglia, Torino, Roma

Data di trasmissione

Nel redazionale di questa mattina abbiamo approfondito il tema della gentrificazione dei quartieri:

-Abbiamo raccontato della resistenza in difesa de La Plaine, quartiere popolare nel centro di Marsiglia, la cui piazza principale in questi giorni sta subendo un tentativo violento di ristrutturazione con l'abbattimento di alberi per renderla uno spazio di attrazione turistico

-A Torino la campagna 'Local Workerz F&B' ha organizzato un picchetto nel quartiere della movida, Vanchiglia, di fronte ad un locale che deve 4000€ ad un suo ex dipendente

Ultima puntata della stagione, monnezza, incendi, iniziative estive

Data di trasmissione
6 mesi ago

Apriamo la trasmissione con un riepilogo degli incendi degli impianti di rifiuti di quest'estate, molto frequenti in questa stagione da qualche anno a questa parte. Passiamo ad una rassegna delle lotte più importanti di quest'anno e ospitiamo una corrispondenza dai Castelli Romani per discutere della situazione ambientale nella Provincia di Roma e del discamping che si terrà al Km 24,600 della via Ardeatina questo fine settimana.

Durata 1h 0m

Antifascismo, Torino: Niccolò ancora in carcere. La mamma inaugura sciopero della fame

Concorso morale. Una storia antifascista: è la campagna lanciata da Askatasuna (Torino) con la pubblicazione sui social di un video che ricostruisce la vicenda di Nicolò, giovane compagno torinese che si trova in carcere ormai da 3 mesi per aver partecipato ad una manifestazione antifascista contro Casapound del 22 febbraio scorso nel capoluogo piemontese.

Durata 22m 58s

Torino: oggi udienza per il compagno fermato al corteo antifa

Si terrà oggi l'udienza di convalida dell'arresto per un compagno che è stato fermato durante la carica della polizia che cercava di fermare gli antifascisti che hanno disturbato Sabato a Vallette-Lucento la mobilitazione dei fascisti in ricordo delle foibe. In questo week end importante per l'antifascismo, dopo i fatti di Macerata, è stato chiaro in tutte le città l'atteggiamento di polizia e istituzioni nel difendere la libertà di manifestare per fascisti e razzisti.