Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Taranto, chiudere tutto adesso

Data di trasmissione

I fratelli Riva, che hanno gestito il polo siderurgico di Taranto fino a circa dieci anni fa, sono stati condannati in primo grado a venti e ventidue anni di carcere con accuse pesantissime, che vanno dall'associazione a delinquere all'avvelenamento di sostanze alimentari. Ma a Taranto si è continuato a morire di inquinamento anche negli ultimi dieci e l'unica soluzione per salvare la città è la chiusura e la bonifica di un sito che non ha solo avvelenato Taranto ma ha fatto sentire il suo influsso anche a decine di chilometri di distanza.

Salvatore, della confederazione COBAS tarantina, ci racconta l'andamento delle mobilitazioni in città e la necessità di una forte spinta dal basso per arrivare a fare chiudere gli impianti

Ex Ilva: soluzione lontana nonostante le dichiarazioni del governo

Data di trasmissione

Il governo rassicura sull'Ex Ilva: la soluzione è vicina. Il premier Conte e il ministro Patuanelli affermano di essere vicini ad una soluzione con Arcelor Mittal per garantire la produzione e la conversione green dell'azienda. La realtà è però ben lontana dalle dichiarazioni: oltre 1.500 lavoratori in cassa integrazione, un piano industriale lacrime e sangue, i livelli di inquinamento in città ancora ben sopra i livelli massimi.

Ne parliamo con Emiliano, membro del comitato di quartiere Città Vecchia di Taranto.

Taranto, nuvole nere all'orizzonte

Data di trasmissione

A Taranto la vertenza sull'ex ILVA prosegue e l'ArcelorMittal ormai ha fatto capire esplicitamente di voler abbandonare lo stabilimento. Difficile capire chi potrebbe accollarsi un impianto con poche prospettive e che perde due milioni di euro al giorno. Intanto in città si respira un clima pesante e l'unità, raggiunta faticosamente pochi anni fa, fra ragioni del lavoro e dell'ambiente è tutta da ricostruire adesso.

Taranto, l'ArcelorMittal si ritira?

Data di trasmissione

L'ArcelorMittal ha annunciato la rescissione dell'accordo per acquisire le acciaierie ex-ILVA di Taranto, le motivazioni sarebbero da rintracciare nello stop al cosiddetto scudo penale per gli ex manager e in alcuni provvedimenti del tribunale di Taranto.

In realtà, come ci spiega un compagno di Taranto, il colosso indiano non ha alcuna intenzione, per ora, di abbandonare Taranto e sta facendo pressioni per ottenere, esattamente come successo durante il precedente governo, il mantenimento dello scudo penale. In prospettiva, comunque, le aspettative non sono per nulla buone: si prospetta lo spettro di una contrapposizione tra operai e popolazione, come già avvenuto nel 2012, e di un abbandono delle acciaierie da parte della ArcelorMittal in tempi non eccessivamente lunghi.

Il consumo di suolo nel 2018 e le ipocrisie dei piani regolatori

Data di trasmissione

In questa trasmissione ci occupiamo di incendi di impianti di trattamento dei rifiuti; dello stralcio delle semplificazioni sulla reimmissione dei rifiuti nel mercato dal decreto semplificazioni  e del documento dell'ISPRA sul consumo di suolo.