Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Roma: il coordinamento dei consultori il 20 sotto la Regione

Data di trasmissione

A Roma nasce una nuova assemblea delle donne dentro il consultorio a Porta Furba a via del Lavii. Si va ad aggiungere alle altre tante assemblee di donne, da far nascere un vero e proprio coordinamento che il 20 maggio prossimo si è dato appuntamento sotto la Regione Lazio per protestare contro la regione per la mancanza si personale. 

Sentiamo le due corrispondenze. 

Le donne, i consultori e il Vaticano

Data di trasmissione
9 mesi 4 settimane ago

Riprendiamo un intervento della ginecologa e femminista Elisabetta Canitano a proposito dell'invadenza clericale nella sanità pubblica (laziale e nazionale).

La giunta Zingaretti (Regione Lazio) continua col collaborazionismo clericale. 

Durata 14m 7s

Roma e i consultori

Data di trasmissione

Tre corrispondenze sulla situazione dei consultori a Roma. La prima dall'assemblea del consultorio dell'ASL roma2 che ha vietato di riunirsi ad un'assemblea di donne.

La seconda dai castelli romani, dove la giunta Zingaretti inaugura un nuovo consultorio.

La terza con la ginecologa e femminista Elisabetta Canitano critica con la Regione che sta facendo di tutto per escludere le donne dai consultori e della politica che sta facendo a livello sanitario a favore del Vaticano.

A 40 anni dalla legge 194 sull'aborto

Data di trasmissione

Sono passati 40 anni da quel 22 maggio del 1978 quando una legge italiana sancì il diritto delle donne di praticare l'aborto. Dopo tutti questi anni tuttavia, pur essendo una buona legge, molte volte non si riesce ad applicare visto l'alto numero di obiettori negli ospedali.

Ne parliamo con Simona di Non una di meno e con Silvana Agatone, presidente della Laiga, libera associazione dei ginecologi per l'applicazione della 194.

Bologna: la Consultoria transfemminista queer prende spazio

Ieri, a Bologna, è stato occupato uno spazio a pochi passi della Cineteca; l’occupazione - Consultoria transfemminista queer -  vuole "risocializzare una proprietà pubblica vuota da anni", come di dice una occupante, in vista dello sciopero globale delle donne dell'8 marzo.