Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Pisa

Manganellate sulla scuola

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione presentiamo la giornata di formazione docenti "Elsa Morante e le altre", organizzata all'interno di Feminism per lunedì 4 marzo, presso la Casa internazionale delle donne. E' possibile chiedere il giorno di permesso per formazione , l'ID del convegno sulla piattaforma Sofia è 91686, quello dell'edizione è 135737.

Ne parliamo con Elvira Federici della Società Italiana delle Letterate che organizza insieme a Leggendaria, Manifestolibri, Indici paritari, Archivia in collaborazione con Proteo Fare Sapere.

Passiamo poi a parlare delle manifestazioni del 23 febbraio nell'ambito dello sciopero generale per lo stop al genocidio a Gaza e della repressione, in particolare a Pisa dove sentiamo due insegnanti del Liceo Russoli e a Firenze dove sentiamo un'altra docente presente al corteo.

Infine un compagno presenta la manifestazione contro il dimensionamento scolastico che si terrà domani 28 febbraio dalle ore 16 sotto la Regione Lazio in piazza Oderigo da Pordenone

Campeggio "Fermare l'escalation": tre giorni di confronto contro la guerra

Data di trasmissione
Durata 15m 29s
Inizia oggi il Campeggio Fermare l'escalation! che durerà fino al 16 luglio all'interno della pineta di San Piero a Grado (Pisa), un luogo simbolo delle bellezza e della sinergia tra esseri viventi ma anche della militarizzazione che attanaglia quel territorio.
Tre giorni di dibattiti, iniziative, momenti di socialità e condivisione e di lotta, per continuare a immaginare insieme la costruzione di un processo di opposizione reale alla corsa alla guerra e al riarmo che stiamo vivendo e organizzare nuove forme di mobilitazione verso l’autunno.
Questi i tanti temi che attraverseranno il campeggio: cultura della guerra: scuola e formazione ● Devastazione ambientale e fossile ● Salute e sanità ● Disertare la guerra: sciopero, lavoro, blocco dell’invio di armi ● Disarmare la guerra: occupazione militare, hub di guerra, missioni all’estero e frontiere ● Economia di guerra: fondi e risorse del PNRR. Ne parliamo con una compagna del Movimento No Base nè a Coltano nè altrove.
 
Potete trovare info e aggiornamenti sul campeggio QUI
 

Nessuno mi può valutare

Data di trasmissione

Confronto in studio tra docenti vecchi e nuovi sulla questione della valutazione: dova va un sistema scolastico fondato su voti, "oggettività", "merito", prestazioni e test?

In conclusione corrispondenza con Antonio Mazzeo che deve affrontare un processo per diffamazione nei confronti di una dirigente scolastica in merito alla militarizzazione della scuola. Riflessione sull'invasione militare nella scuola italiana, ultimo caso il liceo targato Leonardo.

Pisa: le lotte per l'abitare si uniscono e vanno all'attacco!

Data di trasmissione

Insieme ad un compagno del comitato abitanti di Sant'Ermete a Pisa, parliamo della mobilitazione cittadina del 16 Dicembre "Assegnare le case vuote, fermare gli sfratti", che si è conclusa con un presidio che ha preso in custodia 3 palazzine di case abbandonate, iniziando un processo di autorecupero dal basso. Famiglie sotto sfratto che hanno da sole individuato i loro futuri possibili alloggi, e che invitano le istituzioni a smettere di lasciare case abbandonate.

Dal 2021 Pisa è stata eletta capitale degli sfratti, che in un solo anno sono cresciuti del 60%. Mentre l'emergenza abitativa cresce a dismisura. La mobilitazione ha come scopo anche di sospendere l'intervento della forza pubblica per gli sfratti fino a Febbraio 2023, richiesta già presentata al prefetto, approvata all'unanimità dal consiglio comunale, ma rimasta lettera morta.

Parliamo inoltre dell'unione che si è venuta a creare fra chi lotta nei quartieri di edilizia residenziale pubblica per la manutenzione e per la ristrutturazione degli alloggi erp, e chi lotta contro gli sfratti, e affronta la giungla del mercato degli affitti di edilizia privata.

Sant’Ermete (Pisa) – in presidio permanente dall’8 novembre

Data di trasmissione

Da 9 anni va avanti una lotta di inquilini e inquiline di Sant’Ermete, che si è scontrata con un progetto di riqualificazione progettato a ribasso e sulla pelle della cittadinanza. La novità di questa fase, che riguarda il carovita, l’aumento di prezzo di materie prime e l’aumento del costo di vita, si è manifestata a fine luglio, quando si è strappato un negoziato con tutti gli enti istituzionali al quale il comitato è arrivato preparato , con l’esposizione di n. 4 condizioni popolari:

1 la stipulazione di un protocollo di intesa tra famiglie e Comune;

2 il riconoscimento dell’esonero, in quanto le case da abbattere e ricostruire non sono mai state curate dagli enti gestori, questioni sollevate tramite lo sciopero dell’affitto portato avanti da decine di famiglie del quartiere;

3 assegnazione degli alloggi vuoti della parte non soggetta a demolizione

4 la realizzazione dei servizi, in quanto gli spazi comuni nei caseggiati nuovi non sono stati messi a disposizione degli abitanti ma sono stati assegnati a associazioni istituzionali per attività che non vengono neanche svolte.

Tutto ciò è stato ignorato con la solita strategia di prendere tempo, ma questa volta, sia per promesse tradite, sia per aggravarsi condizioni di vita, si è arrivati all’8novembre con la voglia di non volersi far prendere in giro. L‘8 novembre i comitati hanno preso parola al consiglio comunale ma, quando si è arrivati al voto delle mozioni, i consiglieri hanno abbandonato l’aula annullando la votazione. Da quel momento si è in presidio permanente puntando come priorità all’inizio dei lavori e all’occupazione degli alloggi vuoti con un progetto di autorecupero.

Domani sera alle 21.00 ci sarà un’assemblea pubblica per il diritto alla casa aperta a tutta la cittadinanza affinché lo stato di agitazione permanente si evolva.

 

Ne abbiamo parlato con Simone, un compagno del comitato inquilini e inquiline di Sant’Ermete.

Manifestazione nazionale a Coltano contro una nuova base militare

Data di trasmissione

Un compagno della redazione ci racconta come si svolge la manifestazione nazionale a Coltano, in provincia di Pisa, contro il progetto di costruire una nuova base militare e per affermare il rifiuto della guerra, delle spese militari, della militarizzazione dei territori.