Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

CIE di Ponte Galeria - proteste e repressione

Data di trasmissione
Ascolta la testimonianza di un recluso, registrata alle 23,10 del 7.09.2014
 
Ieri pomeriggio, circa 40 solidali, hanno portato solidarietà ai ragazzi imprigionati nel CIE di Ponte Galeria. Arrivati  davanti alle mura del lager già si levavano alte le grida ed i rumori della battitura, davanti al cancello i celerini aspettavano schierati.
 
Poco dopo un gruppo di ragazzi è riuscito a salire sul tetto e ricambiare il saluto dei e delle soldali, sono usciti dal buio nel quale li vorrebbero nascondere.
 
Per tre lunghe ore hanno resistito sul tetto denunciando la loro condizione, intonando cori e canzoni e sbeffeggiando le guardie.
 
I poliziotti li hanno raggiunti minacciandoli con cani, idranti e lacrimogeni, ma nessuno è sceso. In tre hanno tentato la fuga approffittando della confusione ma sono stati purtroppo bloccati.
Uno di loro sembra sia ferito.
 
Appena il presidio si è sciolto e i partecipanti si sono allontanati è partita la rappresaglia: prima gli idranti, ai quali i ragazzi hanno risposto con un lancio di oggetti, poi  una carica.
 
Da quanto abbiamo saputo, inizialmente sono stati fermati quindici ragazzi tra quelli che erano sul tetto, poi lasciati tornare alle celle. Successivamente in dieci sono stati prelevati  e attualmente non si sa dove siano, a detta di alcuni reclusi potrebbero essere tradotti in carcere.

Aggiornamenti dal CIE di Ponte Galeria

Data di trasmissione

Corrispondenza con due ragazzi detenuti nel Cie di Ponte Galeria.
Con loro capiamo le ragioni degli scioperi della fame in corso e veniamo a sapere di un pestaggio ai danni di un ragazzo.
Il ragazzo dovrebbe essere trasferito oggi in ospedale ed è stato liberato dall'isolamento solo grazie alle proteste degli altri compagni di prigionia.
Nel CIE di Roma sono attualmente rinchiuse, tra continui ingressi e deportazioni, circa 120 persone: 90 uomini, 30 donne e tra loro una ragazzina di 14 anni.
 

Scuola di tutte/i e per tutti/e?

Data di trasmissione
Durata 52m 9s

Le iscrizioni on line precluse alle figlie ed ai figli di migranti senza permesso di soggiorno, il contributo sempre meno volontario richiesto dalle scuole, le ultime sul concorsino voluto da Profumo. Sabato 2 febbraio tutte/i in piazza! Ore 14 piazza dell’Esquilino

http://oradibuco.noblogs.org/

Civitavecchia: assemblea alle 17.00

Data di trasmissione

I compagni delle reti antirazziste lanciano l'invito all'assemblea pubblica che si terrà oggi alle 17.30 presso la Compagnia portuale di Civitavecchia, un primo momento di riflessione per coordinare le azioni da intraprendere, dopo il recente sbarco e la reclusione degli oltre 600 immigrati tunisini nella ex casema De Carolis.

 

Lampedusa: l'isola dell'accoglienza

Data di trasmissione
Durata 8m 49s

Si registrano nuovi sbarchi sulle coste di Lampedusa di cittadini del nord Africa. Nelle ultime 24 ore sono sbarcati circa un migliaio di tunisini e portati nel centro di Contrada Imbriacola. Nella giornata giungerà sull'isola il commissario straordinario, prefetto di Palermo, Giuseppe Caruso, per valutare la situazione. Le intenzioni del prefetto sono di potenziare i trasferimenti di chi sbarca lungo le coste dell'isola. Oltre al volo quotidiano già attivo, al vaglio c'è l'ipotesi di potenziare i trasporti via mare verso i porti di attracco siciliani. Intanto arrivano nuove direttive per la requisizione di spazi da impiegare per ospitare nuovi arrivi. Le regioni che prevedono questa operazione sono attualmente il Lazio, la Lombardia, la Puglia, la Calabria e la Campania. Il prossimo 11 marzo potrebbe rivelarsi come data decisiva per le sorti dei profughi, quando il consiglio dei capi di stato e di governo dell'Europa affronterà la questione. In questi giorni, il Ministro dell'interno Maroni insiste affinchè l'Europa sia pronta a ricevere parte degli arrivi.