Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Manda i tuoi materiali per la prossima scarceranda

Muore un ragazzo nel Cpr di Torino. Proteste dei detenuti

Nella notte del 7 luglio muore un ragazzo nel Cpr (Centro di permanenza e rimpatrio) di Torino. Le autorità a tal punto cercano di impedire contatti tra dentro il centro e fuori che ad oggi c'è confusione su chi sia la persona morta in un luogo dove nonostante il malessere e forse uno stupro subito si ha diritto a un litro d'acqua al giorno - calda - e dove si può morire in isolamento.

Da quando è stato ritrovato il cadavere sono partite le proteste degli altri detenuti che a tutt'oggi continuano con le battiture e delle e dei solidali fuori dal Centro.

Torino: aggiornamenti dal CPR di corso Brunelleschi

Data di trasmissione
1 anno 4 mesi ago

In collegamento telefonico con una compagna parliamo della situazione del CPR di corso Brunelleschi a Torino.

Di seguito uno scritto che riprendiamo da: https://www.autistici.org/macerie/

 

CANZONE DI MAGGIO

Corso Brunelleschi, arriva la primavera, se non fosse per le alte e verdeggianti fronde degli alberi che superano la cinta di mura, dentro alla prigione per senza documenti non se ne accorgerebbero.

Torino, cosa succede in città?

Cosa succede a Torino? Quartieri sotto assedio, grandi iniziative di riqualificazione urbana che spingono le fasce di popolazione più povera sempre più in periferia, richiesta ossessiva di più polizia e più repressione da parte di una sindaca in enorme difficoltà. Ma anche mobilitazioni, resistenze, nuove forme di socialità e organizzazione. Una discussione sul presente e il futuro dell'ex capitale dell'auto prendendo le mosse da una serie di assemblee che si sono tenute negli ultimi giorni.

Corteo Torino in risposta allo sgombero dell'Asilo Occupato

Data di trasmissione

Oggi a Torino si svolge un corteo in risposta allo sgombero dell'Asilo occupato e in solidarietà con le e gli arrestati.

Sono stati previsti cinque punti di pre-concentramento per recarsi a Porta Nuova e partecipare alla manifestazione. 

Questo l'appello del corteo:

Governanti e padroni tentano di soffocarci  attraverso una normalità fatta di guerre, militarizzazione delle città, condizioni di sfruttamento sempre più dure, caccia agli immigrati e odio fra poveri.