Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

A che punto è l'import/export delle armi in Italia

Data di trasmissione

Con Giorgio Beretta della Rete italiana per il disarmo parliamo della relazione al parlamento sul commercio italiano di armi nel 2018. L'export è sceso ma non per interventi di carattere politico, quanto per le fisiologiche  fluttuazioni di mercato. Le mancate promesse dei 5 Stelle in tema di armamenti

11.000 omicidi: Il Messico insaguinato di Obrador

Data di trasmissione

Le compagne e i compagni del collettivo Nodo Solidale ci aggiornano e offrono un'analisi sulla situazione in Messico dopo i primi 4 mesi dalle elezioni di Manuel Lopez Obrador, del partito Morena parte dello schieramento della sinistra messicana,  che ha tradito ogni aspettativa di un Messico pacifico.

Roma: il coordinamento dei consultori il 20 sotto la Regione

Data di trasmissione

A Roma nasce una nuova assemblea delle donne dentro il consultorio a Porta Furba a via del Lavii. Si va ad aggiungere alle altre tante assemblee di donne, da far nascere un vero e proprio coordinamento che il 20 maggio prossimo si è dato appuntamento sotto la Regione Lazio per protestare contro la regione per la mancanza si personale. 

Sentiamo le due corrispondenze. 

Palestina: bombardamenti e il cosiddetto "nuovo accordo del secolo"

Data di trasmissione

Con una compagna parliamo della situazione palestinese, concentrandoci sui recenti bombardamenti. Negli ultimi attacchi ci sono stati centinaia di feriti e abitazioni e scuole distrutte e 27 morti. La tecnica adottata dal 2014 dello stato di Israele è quella di attacchi lampo distruttivi.

Sudafrica - Benin - Algeria

Data di trasmissione

Sudafrica: oggi voteranno 27 milioni di sudafricani, è la sesta elezione dalla fine dell'apartheid. Continua ad esserci un apartheid economica, basti pensare che la disoccupazione colpisce il 41% dei sudafricani neri e solo l'11% di sudafricani bianchi. Oltre ad esserci un grosso problema di accesso ai servizi primari, che sta generando un movimento sociale di protesta, continua ad esserci una forte corruzione. Già Zuma, il primo presidente Zulu eletto nel 2009 e allora leader del partito African National Congress, fu al centro di molti scandali.