Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Manda i tuoi materiali per la prossima scarceranda

Messico, la situazione a Oaxaca e Chiapas

La nostra voce dal Messico di racconta cosa sta accandendo dopo l'attacco e il massacro di Nochixtlan. Il governo ha effettivamente fatto un passo indietro a livello di forza e mentre  si aspetta la proposta di una forma di dilaogo, al quale  il movimento chiederà la liberazione dei prigionieri politici arrestati in questi giorni, aumentano le forme sociali di lotta e resistenza. Oaxaca è stata chiusa con il blocco, deciso dal movimento, delle principali arterie che permettono l'ingresso alla città. Sebbene sembri una situaizone di stallo succedono invece molte cose.

Durata 21m 13s

Contro il carcere 18/9

Data di trasmissione
6 anni ago

Intervista ai comitati di appoggio alle lotte dei detenuti nelle carceri del Chiapas, Messico. Riflessioni sulla necessità che il movimento riprenda un concreto rapporto con i detenuti perché possano organizzarsi e lottare contro il carcere. Riflessione sulle lotte antagoniste nelle carceri italiane negli anni Settanta e Ottanta.

Alberto Patishtan ritorna al Carcere numero 5 di San Cristobal

Il governo ha dovuto accettare la sentenza del giudice del tribunale di Tuxla del 13 luglio 2012 riguardo un ricorso portato avanti dal centro diritti umani Frayba che ha dichiarato inaccettabile il trasferimento di Alberto al carcere di massima sicurezza di Guasave, Sinaloa.

http://www.autistici.org/nodosolidale/news_det.php?id=2194

 

Contro ogni carcere 20/6

Data di trasmissione
7 anni 3 mesi ago

Con un compagno del Nodo Solidale che ci parla della giornata internazionale in solidarietà alla "prigionia politica", il 19 giugno, che è anche  giornata contro la prigionia politica e per la libertà di Alberto Patishtan (per altre notizie: http://www.autistici.org/nodosolidale/)

Durata 51m 51s

Chiapas-prigionier@ indigen@ in sciopero della fame

Data di trasmissione
7 anni 10 mesi ago

 

 

Novembre 2011, Chiapas, Messico

Dal 29 settembre un gruppo di prigionieri indigeni, reclusi in diverse carceri del Chiapas e appartenenti alle organizzazioni la Voz del Amate, Solidarios de la Voz del Amate e Voces inocentes si sono dichiarati in sciopero della fame e digiuno.