Confindustria

Chi scrive le norme tecniche?

Data di trasmissione

Puntata quasi monografica: a partire dalla recente entrata in vigore di una legge che permette il riutilizzo di rifiuti elettronici, parliamo non solo della legge e dei regolamenti che prescrive, ma anche del modo in cui questi ed altri regolamenti vengono creati, degli enti che scrivono i testi e di quali settori economici e sociali vengono da essi rappresentati.

Per concludere, una singola notiziola: gli ultimi iPhone sono più riparabili, sì, ma solo per Apple stessa. Tutto merito del parts-pairing.

Repressione senza alternanza

Data di trasmissione
Durata 1h 8m 33s

La trasmissione è interamente dedicata all'alternanza scuola lavoro, partendo dalla notizia dei giorni scorsi che Inail non erogherà l'indennizzo alla famiglia per la morte in alternanza scuola lavoro di Giuliano De Seta e arrivando a raccontare le mobilitazioni studentesche del 2022 contro questo dispositivo di legge: in particolare nella seconda parte della trasmissione sentiamo una compagna del Collettivo Ksa di Torino in relazioni agli arresti e agli altri dispositivi repressivi comminati lo scorso maggio contro 12 studenti che si sono protratti fino al 27 dicembre 2022.

La scuola torna "normale"

Data di trasmissione
Durata 1h 4m 13s

Continuiamo a parlare dell'impianto dell'Alternanza Scuola Lavoro e del protagonismo di Confindustria in questa materia, collegandoci anche alla repressione delle manifestazioni studentesche per la morte di Lorenzo Parelli. A seguire, una corrispondenza con un compagno di NINANDA sugli Istituti Tecnici Superiori (ITS).

In conclusione, la notizia del giorno, ossia l'esame di maturità che torna "alla normalità".

Confindustria nella Repubblica. Storia politica degli industriali italiani dal dopoguerra alla strategia della tensione.

Data di trasmissione
Durata 51m 37s

Principale organizzazione di interesse degli industriali, Confindustria ha avuto un ruolo essenziale nel determinare le forme della Ricostruzione e, successivamente, della modernizzazione in Italia. È difficile affermare che la sua azione si sia limitata alla sola difesa sindacale degli associati; altrettanto spesso infatti essa ha agito di fronte a minacce reali o percepite, condizionando gli equilibri della nostra fragile democrazia. Utilizzando documenti in parte inediti insieme a quanto emerso a più riprese in processi e inchieste giornalistiche, il libro Confindustria nella Repubblica (1946-1975) edito da Mimesis, riannoda i fili di un discorso finora rimasto privo di un focus specifico: la storia politica dell’organizzazione industriale e di alcuni dei suoi più importanti membri, ricostruendone la trama coperta accanto a quella ufficiale e seguendo come un “filo rosso” i rapporti con il blocco civico-militare che, nato nella declinazione della Guerra fredda in Italia, manifestò appieno i suoi propositi nel “quinquennio nero” 1969-1974.

Ne parliamo con l'autore Elio Catania.

La Sapienza: Studenti contro i distruttori dell'università

Data di trasmissione
Durata 14m 1s

Corrispondenza realizzata nel pomeriggio, nell'ambito de L'ora di buco, con una compagna di Sapienza Clandestina che riepiloga la mattinata di lotta all'università.

Segue il comunicato di studenti e studentesse:

 

 

Oggi 14 marzo l'università degli studenti ha detto no all'università dei ministri e delle loro scorte armate. Infatti questa mattina nell'università de la Sapienza si è svolta l'ennesima sfilata di personaggi come l'attuale ministra dell'istruzione Fedeli, Confindustria e i presidenti di Anvur e Crui, che hanno determinato dalle riforme del 2008 a oggi, la distruzione dell'università pubblica. Era attesa anche l'ex ministra dell'istruzione Gelmini, che però si è tirata indietro di fronte alle pressioni del corpo vivo dell'Ateneo che con coraggio ha espresso la sua idea di università libera contro la loro università delle macerie. Agli studenti è stato impedito di prendere parola dalla celere che è stata fatta entrare ancora una volta dal Rettore alla Sapienza a difendere gli interessi dei ministri e a prendere a calci e pugni chi l'università la vive. Ci sembra importante sottolineare come oggi venga lasciato spazio politico e di espressione a personaggi come Salvini, mentre la voce di un'intera generazione di studenti, lavoratori precari, giovani viene avvertita con paura. Ma i loro tentativi di soffocarci ancora una volta alla Sapienza, come a Napoli e a Bologna, sono stati vani. Domani quindi saremo ancora una volta al Pratone della città universitaria alle 12 a chiedere una presa di parola pubblica al Rettore Gaudio e a rilanciare verso la costruzione dell'università e del futuro che vogliamo.

 Studenti e studentesse della Sapienza

Il governo Renzi mette i militari nelle scuole

Data di trasmissione
Durata 56m 19s

Nella prima parte della trasmissione un commento ad un intervento del presidente della Fondazione 3LLL, legata a Confindustria, Attilio Oliva, che entra pesantemente nel merito di come retribuire gli/le insegnanti.

qui l'articolo:

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-02-21/bonus-non-pio…

 

Nella seconda parte (intorno al 25' co. n Antonio Mazzeo, insegnante e giornalista free lance, parliamo del protocollo d'intesa tra Miur e Ministero della Difesa.

Sul blog della trasmissione, https://oradibuco.noblogs.org/, trovate:

 

  1. Articolo di Antonio Mazzeo Elmetti e moschetti per la Buona Scuola di Renzi & C.
  2. Protocollo d’intesa MIUR-DIFESA dell’11 settembre 2014
  3. Attuazione per l’anno 2015-16 del protocollo MIUR-DIFESA

Un commento sull'accordo del 31 maggio tra confindustria e sindacati

Data di trasmissione
Durata 34m 31s

L'intesa raggiunta tra sindacati e confindustria ha l'effetto di una ulteriore blindatura nei posti di lavoro. Per avere ufficiale rappresentatività occorrerà d'ora in avanti, impegnarsi a non contrastare gli accordi dopo la loro sottoscrizione. é il criterio dell'esigibilità dei contratti che, guarda caso, soddisfa pienamente le esigenze del padronato nostrano.