Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

87.9FM: 30euro l'anno: lanciamo la campagna di radioabbonamento 30x1000

#DefendAfrin: aggiornamenti sulla situazione di Afrin, del popolo curdo, dell'intera area

Nel giorno dell'anniversario della cattura di Ocalan, in vista della manifestazione nazionale di sabato prossimo 17 febbraio #DefendAfrin, con due compagni diamo anzitutto aggiornamenti sulla situazione di Afrin, il proseguimento dell'attacco militare turco alla città, la resistenza.

Si parla quindi necessariamente di Erdogan, dei rapporti tra Europa e Turchia, del conflitto siriano

https://www.retekurdistan.it/

Durata 57m 27s

Erdogan not welcome!

Dalla notte del 19 gennaio l’esercito turco, con strumentazione militare dei paesi europei tra cui l’Italia, che fornisce i famigerati elicotteri Augusta Westland fa strage di civili nei villaggi del cantone di Afrin, una regione nel nord delle Siria dove curdi, cristiani, arabi, turkmeni, yazidi e profughi, convivono pacificamente praticando la cooperazione sociale e l’autogoverno. Da ieri sera Erdogan è a Roma per incontrare il Papa, Gentiloni e Mattarella.

Usa: women's march e prison strike

Data di trasmissione

Facciamo un punto settimanale sulla situazione negli Stati Uniti d'America: women's march, la seconda manifestazione oceanica delle donne contro Trump; lo sciopero nelle carceri statunitensi continua e infine la guerra a parole di Trump e Erdogan.  

Durata 30m 3s

Turchia: continua la repressione di Erdogan. Oggi processo al quotidiano "Cumhuriyet"

Nella prima corrispondenza, affrontiamo con Barbara Spinelli (Giuristi Democratici) alcuni nodi che attanagliano la vita politica e giudiziaria della Turchia al tempo di Erdogan.

Ieri ad Ankara, nella manifestazione indetta per 
#NuriyeGülmenandSemihÖzakça, ci sono stati arresti e violenze da parte della polizia turca (qui alcune testimonianze).

Durata 8m 17s

Bruxelles: i tentativi di criminalizzazione di curdi/e da parte dello stato turco

A partire dll'accoltellamento di tre attiviste e attivisti curdi che si stavano recando al consolato di Bruxelles per votare al referendum voluto da Erdogan per continuare il processo di fascistizzazione dello stato turco, con un compagno della redazione a Bruxelles, commentiamo il voto all'estero – e in particolare in Belgio – a questo referendum.

27 Aprile: Presidio al Pantheon dalle 15 in solidarietà al popolo curdo dopo il bombardamento dello stato turco

Abbiamo contattato una compagna della Rete Kurdistan per diffondere l'appuntamento di domani 27 Aprile, giornata in cui si terrà un presidio dalle 15 al Pantheon in solidarietà con il popolo curdo dopo il bombardamento dell'aviazione turca avvenuta alle 2: 30 della mattinata di martedì 25 Aprile.
Invitiamo tutti e tutte a partecipare al presidio e diffondere la verità su ciò che sta succedendo in Siria e in Turchia per abbattere le narrazioni tossiche e, in questo caso, il silenzio dei media mainstream.

Turchia: sul referendum nessuna vittoria schiacciante di Erdogan

Data di trasmissione

Non ancora definitivi i dati sul referendum in Turchia, ma il si è in vantaggio poco sopra il 50%. Non quindi la vittoria schiacciante che pensava Erdogan, soprattutto nelle grandi città infatti il no vince. Si aprono ora degli scenari preoccupanti ed interessanti in Turchia. Sentiamo due corrispondenze.