Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

12 maggio 1977: a quarant'anni dall'uccisione di Giorgiana Masi

Data di trasmissione

Il 12 maggio 1977 migliaia di persone scendevano in piazza sfidando il divieto di manifestare. Tra loro la compagna diciottenne Giorgiana Masi, in strada per celebrare l'anniversario della vittoria referendaria che garantiva il diritto al divorzio. Giorgiana quel giorno venne assassinata da un colpo sparato per mano della polizia. Ogni anno da quel giorno le donne, le compagne, le femministe sono scese in strada per ricordare Giorgiana e la violenza patriarcale, repressiva dello Stato che l'ha uccisa. Quella contro Giorgiana è una violenza di Stato. Giorgiana è solo una delle e dei tant* che quotidianamente sono colpite dalla violenza strutturale di una società fondata sui privilegi di genere, di classe, di etnia. La violenza che ha colpito lei, mentre si ribellava ad un divieto, ha la stessa mano della violenza che colpisce la moglie che si ribella al marito, la lavoratrice che lotta per migliorare la propria condizione, la migrante che si ribella ad una espulsione, chi scappa da una retata mentre cerca di sopravvivere. A pochi metri da dove Giorgiana è stata uccisa, pochi giorni fa la violenza dell'ordine costituito ha fatto un altro morto: Niang Maguette, lavoratore immigrato dal Senegal, stava lavorando per sostenere se stesso e i suoi figli quando la violenta brutalità di una retata di vigili e polizia in borghese, trasformata in una caccia all'uomo, gli ha strappato la vita. Come femministe, donne, frocie, lesbiche, mogli, madri e figlie riconosciamo, perché ci colpisce da sempre, la violenza di quella mano che vuole annientare tutto ciò che non è decoroso, *normale*, assimilabile, valorizzabile, che non obbedisce a standard economici, morali, estetici sempre più elitari. Viviamo in una società in cui le parole legalità, decoro, sicurezza, significano semplicemente guerra alle/i pover*, alle/agli sfruttat*, alle/ai migranti, ai margini, alle donne che si autodeterminano, alle lavoratrici/tori che si autorganizzano e a chiunque provi a scegliere, o sia costretta ad inventarsi, modi diversi di vivere la propria vita. Il 12 maggio saremo in piazza contro tutta questa violenza che ci vuole succubi ed inermi. Saremo rabbiose e indecorose come lo erano Giorgiana e Maguette.


Ci vediamo tutte a Piazza G.Belli, di fronte la lapide di Giorgiana, il 12 maggio dalle ore 18 per una casserolata rumorosa: portate pentole, coperchi, mestoli e facciamoci sentire!

A 39 anni dall'omicidio di Giorgiana Masi

Data di trasmissione

In studio con Tano d'amico, ricordiamo l'omicidio di stato di Giorgiana Masi.

La foto a commento della notizia è quella citata nell'approfondimento

 

12 maggio 2016 DEDICATO A GIORGIANA MASI un pensiero , un fiore , l'incontro a Ponte Garibaldi h 17, alla lapide che ricorda il sacrificio di Giorgiana,

Trasmissione del 13/05/2015 "Simboli, significati, lotte/A Giorgiana, la rivoluzione sarà di maggio e porterà il tuo nome"

Data di trasmissione

http://coordinamenta.noblogs.org/post/2015/05/14/podcast-della-trasmissione-del-13052015/

Immagine rimossa.“I Nomi delle Cose” Puntata del 13/05/2015  “ Simboli, significati, lotte”

“…..l’ipocrita ha due lacrime: una per farsi bello un’altra per lavarsi le mani
i sordi non sentono le loro stesse urla non ci riusciranno neanche domani.
Nel frattempo, se vuoi, c’è questo ombrello tienilo finché non senti caldo,
che arriva la primavera./” Simboli, significati, lotte/Per Giorgiana e per noi/ La nostra storia e la nostra memoria/L’illegalità delle lotte fonte del diritto”

 

La Questura di Roma vieta il corteo in ricordo di Giorgiana Masi e contro il femminicidio

Data di trasmissione
Durata 11m 52s

Corrispondenza con una compagna

 

Dopo 2 giorni di trattativa con la Questura di Roma, i gruppi e le associazioni di donne, i collettivi autorganizzati e liberi individui, promotori della giornata del 12 maggio in ricordo di Giorgiana Masi, contro il femminicidio e in contestazione alla “Marcia per la vita” convocata dall’oltranzismo cattolico, ricevono il divieto di manifestare in qualsiasi luogo adiacente al percorso della marcia.

Si tratta dell’ennesima dimostrazione di come l’operato delle forze dell’ordine sia asservito ai poteri del governo cittadino e allo stato del vaticano, nascondendo una marcia tutta politica sotto le vesti di manifestazione sportiva, e adducendo motivi di ordine pubblico.

Giorgiana Masi come centinaia di persone il 12 maggio del 1977 erano in strada sfidando, anche quella volta, il divieto di manifestare.

Oggi come ieri saremo nelle strade del centro di Roma, partendo da Piazza Campo de Fiori fino ad arrivare a Ponte Garibaldi.

Con o senza autorizzazioni noi costruiremo la nostra giornata.

La nostre vite sono autodeterminate e la nostra rabbia non si placa.

 

Giovedì 9 maggio ore 18 assemblea pubblica a piazza Sonnino

 

Il 12 maggio tutti e tutte in piazza!

Dedicato a Giorgiana Masi

Data di trasmissione
Durata 16m 12s

 

“Se la rivoluzione d’ottobre fosse stata di maggio…”

 

Ascolta lo spazio realizzato dalle compagne del MFLA dedicato a Giorgiana Masi, assassinata dallo stato il 12 maggio 1977.

 

 

 

A Giorgiana
… se la rivoluzione d’ottobre
fosse stata di maggio,
se tu vivessi ancora,
se io non fossi impotente
di fronte al tuo assassinio,
se la mia penna fosse un’arma vincente,
se la mia paura esplodesse nelle piazze,
coraggio nato dalla rabbia strozzata in gola,
se l’averti conosciuta diventasse la nostra forza,
se i fiori che abbiamo regalato alla tua coraggiosa vita
nella nostra morte diventassero ghirlande
della lotta di noi tutte, donne,
se ….
non sarebbero le parole a cercare d’affermare la vita
ma la vita stessa, senza aggiungere altro.