Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Dai presidi in tutta Italia in solidarietà con la Palestina

Data di trasmissione

15 maggio 2021: voci dalle piazze di Brescia, Napoli, Torino, Roma in solidarietà con la lotta del popolo palestinese

Un parchetto per il partigiano Di Veglia al Quarticciolo

Data di trasmissione

Intitolazione al Quarticciolo del parchetto di via Ugento a Modesto Di Veglia, partigiano di bandiera rossa scomparso a fine dicembre. Una giornata di mobilitazione a cui participano anche i genitori per Orso per parlare di resustenze di ieri e di oggi.

In questi mesi, a Quarticciolo, con le realtà associative, famiglie e abitanti, scuole, comitato di quartiere, teatro e biblioteca comunale, ci siamo istituiti come “Comunità Educante Quarticciolo”, perché l’educazione è una questione che riguarda l’intera comunità, perché attraverso le capacità di ciascun attore, siamo convinti di poter dare una risposta concreta ai rischi dell’abbandono scolastico e alla povertà educativa, di poter sfidare la stereotipo negativo con cui spesso vengono etichettati i quartieri popolari.

Come comunità educante vogliamo farci carico di una proposta concreta: l’adozione di un pezzo di verde incolto nella nostra borgata per fare un parco attrezzato per le attività formative. Se attrezzassimo gli spazi pubblici per attività in sicurezza? Se fosse possibile incontrare i propri coetanei senza assembrarsi? Se si potesse tornare a fare sport e a studiare insieme all’aria aperta?

L’allestimento di un parchetto antistante le “favelas” di Via Ugento, in cui abitano famiglie a basso reddito, che hanno nel corso degli anni portato avanti lunghe battaglie per il diritto alla casa. Una storia lunga di condizioni di vita insostenibili. Una storia che vogliamo continuare, perché diritto all’abitare non vuol dire solo avere alloggi dignitosi, ma anche vivere in un quartiere in cui sia possibile fruire degli spazi pubblici

Aggiornamenti sgombero Ex Lavanderia

Data di trasmissione
Durata 44m 24s

A seguito dello sgombero della Ex Lavanderia dello scorso 25 febbraio,
è nato un COMITATO CITTADINO PER L'USO PUBBLICO, CULTURALE E LEGALE DEL
S. MARIA DELLA PIETÀ che oggi lancia un appello pubblico anche come Petizione Online.
Tantissime realtà promuovono il Comitato.
intrecciano i mondi del volontariato, della cultura, della difesa dei
beni comuni, della Salute Mentale, dell'associazionismo, delle realtà
artistiche, sociali, politiche e sindacali.
Nell’appello viene chiesto alla Regione Lazio l'affidamento temporaneo
del Padiglione 31 all'Associazione Ex Lavanderia per permettere alla
Rete territoriale di sostegno alle famiglie in difficoltà per
l'emergenza Covid di continuare le proprie attività e la salvaguardia
dell'esperienza di Cooperazione Integrata al Padiglione 41; la
sospensione di tutti gli atti di assegnazione e riconversione in corso
fino all'approvazione del Piano Urbano previsto dal PRG; lo spostamento
di un credibile progetto strategico di “città della salute e del
benessere” al Forlanini come richiesto da anni dalla cittadinanza di
quel quadrante; Il ripristino della funzione “reddituale” e la
Proprietà Regionale del Complesso come stabilito dalla L. 388/2000 e
dalla LR 14/2008; l'apertura di una discussione pubblica e trasparente a
partire dalla Proposta di Legge di Iniziativa Popolare presentata nel
2014 con 12mila firme e mai discussa in violazione dello Statuto
Regionale.

Ne parliamo al telefono con Eugenio Ricci, presidente della Consulta Permanente per la Salute Mentale di Roma Capitale.

Oggi lo spettacolo a Largo di Torre Argentina

Data di trasmissione

Un’azione simbolica, quella di oggi a partire dalle 14 davanti al Teatro Argentina, che vuole essere un primo gesto nella direzione di un movimento di (auto) mappatura e di dialogo tra le diverse realtà territoriali di lavoratrici e lavoratori dello spettacolo che invitano tutt_ le persone che abitano questi spazi, che ne portano avanti le attività o anche semplicemente li attraversano, a prendere parte a questa giornata di mobilitazione e chiunque abbia a cuore lo spettacolo nelle sue molteplici forme.

Ne parliamo con una compagna di Campo Innocente

Sit-in: Solidali con le donne che vivono in Turchia

Data di trasmissione

Oggi, giovedì 25 marzo alle 16,00 a Piazza Indipendenza

sit-in a Piazza Indipendenza: Solidali con tutte le donne che vivono in Turchia!

Solidali con tutte le donne che vivono in Turchia che vedono in pericolo le loro vite dopo che il regime di Erdogan ha stabilito il ritiro della firma dalla Convenzione di Istanbul sul contrasto alla violenza di genere. Diamo appuntamento a tuttə alle 16,00 a Piazza Indipendenza. Portate il pañuelo e ricordate di di indossare la mascherina e rispettare le distanze di sicurezza.

Erdogan, l'assassino sei tu!

Ne parliamo al telefono con una compagna.

#istanbulsozlesmesiyasatir

 

8 marzo: voci da piazza dell'Esquilino

Data di trasmissione

Da piazza dell'Esquilino dove si sta svolgendo la manifestazione convocata da Non Una di Meno Roma per lo sciopero globale femminista e trans femminista, varie compagne ci raccontano le tante iniziative di oggi.

Nella foto gli striscioni calati oggi dalle finestre di tante scuole superiori romane

I genitori della Pisacane sugli ultimi furti

Data di trasmissione
Durata 20m 9s

Abbiamo ospitato in studio i genitori della scuola Pisacane che solo negli utimi venti giorni ha subito cinque volte l'intrusione di ladri. Ci hanno raccontato la risposta del municipio per questa emergenza, ma anche il clima di abbandono che si respira, genitori e alunni, intorno ad una scuola che  sarebbe una enorme ricchezza per il quartiere e il territorio, e che le istituzioni non vedono o non vogliono vedere.

La casa è un diritto, non un'emergenza

Data di trasmissione

Martedì 16 ottobre 2021 mobilitazione dei movimenti per il diritto all'abitare di fronte all'assessorato alle politiche abitative del comune di Roma. Di seguito il comunicato di indizione dell'iniziativa.

Ancora una volta sono state disattese le aspettative di chi si aspettava un segnale decisivo nel merito del diritto all'abitare.
I governi Conte 1 e 2 non si sono minimamente distinti nel considerare l’edilizia residenziale pubblica come una priorità, tanto è che nessun intervento in questo senso è stato previsto tra le prime opere cantierabili ed urgenti.
Ciò che il governo ha fatto, semmai, è stato limitato a pochi (ed inefficaci) bonus per gli affitti erogati con il contagocce, peraltro destinandoli per la maggior parte nelle tasche dei proprietari di casa, anziché degli inquilini in difficoltà economica.
Nonostante la crisi sia sempre più mordente (l’Espresso, la scorsa settimana, parlava di una famiglia su cinque in condizione di disagio abitativo), né le bozze che circolano sul piano italiano per il Next Generation EU, né le poche esternazioni dell’osannatissimo Draghi come del neoministro alle Infrastrutture Enrico Giovannini sembrano marcare un cambiamento di passo in questo senso. Tutto ciò nonostante il fatto che il blocco degli sfratti per morosità sia ormai in piena vista, a fine giugno.
Che dire poi di Roma? Dell'assessorato alla casa del Comune? Forse che non esiste e che tutto il peso va sull'emergenza sociale? Il Piano Freddo è inconsistente e in inaccettabile ritardo di mesi, e se ne vede bene il prezzo in queste settimane di temperature rigide in cui 12 persone sono morte di abbandono per strada, alla faccia del mantra “State a casa” per via del Covid, per dirne una. La gestione del bonus affitto comunale, poi, è stata a dir poco incompetente, con il 70 percento delle domande cassate per vizi procedurali e le altre in attesa di essere lavorate da quasi un anno. E che dire degli ZERO alloggi popolari disponibili assegnati negli ultimi mesi? Senza dimenticare la palude in cui versa il regolamento sugli immobili sottratti alla criminalità, che aveva al primo punto l'emergenza abitativa come destinataria dei beni confiscati. Possiamo dire senza essere confutati che l'assessora Vivarelli è causa conclamata dell'attuale situazione, e che tra i tanti defenestrati dalla giunta capitolina lei appare nientemeno che come una miracolata (per motivi francamente incomprensibili).
La manifestazione indetta per martedì 16 febbraio, che partirà alle ore 15 proprio davanti all'assessorato alla Casa in questione, in largo Giovanni da Verrazzano, non mancherà di segnalare con un momento di attenzione particolare l'inutilità dello stabile e la necessità delle dimissioni immediate dell'assessora Vivarelli.
Dopo questa iniziativa ci muoveremo verso la giunta regionale in via Cristoforo Colombo, per esprimere legittimamente alla giunta di Zingaretti (azionista anche in questo governo) l’assoluta urgenza di esigere a livello nazionale risorse congrue per implementare una politica regionale più decisa in termini di cura del diritto all’abitare.
Il ruolo della Regione, a oggi, è ancora più importante alla luce della colpevole latitanza del Comune; in questo senso, non vediamo ancora l'autorevolezza necessaria nell'affrontare il tema. Si continua a camminare pensando che la soluzione venga dalla vendita del patrimonio e dall'erogazione di bonus emergenziali. Viene ancora ignorata l’intera vicenda degli enti previdenziali che, con i loro processi di valorizzazione, stanno creando nuova emergenza casa, dato che nessuna tutela viene avviata a favore degli inquilini più deboli, e si lascia che centinaia di alloggi da loro ‘liberati’ rimangano vuoti, mentre potrebbero essere recuperati per dare soluzioni abitative vere anziché co-housing nel bel mezzo di una pandemia. Inoltre, la strada imboccata, purtroppo a metà, dalla legge regionale 1/2020 nel sanare le situazioni dell’inquilinato senza titolo degli alloggi popolari (peraltro antecedenti all’entrata in vigore dell’articolo 5 del Piano Casa Renzi-Lupi) e nel sancire una riserva ERP destinata all’emergenza abitativa, non offre certo rassicurazioni generalizzate sul tema degli sgomberi di stabili occupati. Non si è nemmeno definita chiaramente una cabina di regia in Prefettura che coinvolga anche le parti sociali, compresi i movimenti per il diritto all'abitare. Infine, vorremmo sapere che fine ha fatto il Piano sull’emergenza abitativa varato nel 2014 e che fine hanno fatto i 200 milioni destinati a Roma, che dovevano essere l’avvio per la sua realizzazione.
Il rischio di considerare poco interessante (o forse, poco elettoralmente spendibile?) la questione abitativa può solo peggiorare le cose. Ci sembra che, nel mezzo dei balletti governativi e di piccoli cabotaggi elettorali, non si dia la dovuta rilevanza alla crisi che attanaglia questa città. Non sono certo gli spot elettorali della sindaca o le iniziative regionali di basso profilo (come quelle che stiamo vedendo in alcuni quartieri periferici di Roma) che possono modificare i numeri imponenti dell'emergenza.
Solo una nuova stagione di politiche abitative e di edilizia residenziale pubblica, con risorse piene orientate sul riuso del costruito pubblico e privato, può dare una reale svolta alla situazione attuale.
La rigenerazione deve partire da qui, utilizzando subito i soldi disponibili e chiedendo al governo che una parte consistente del Recovery Plan venga destinato al ministero delle Infrastrutture per una nuova stagione di politiche abitative.
Ci vediamo domani alle ore 15 in largo Giovanni da Verrazzano!
Non possiamo più aspettare, senza casa non c’è cura!