m5s

Aggiornamento su lotte e repressione sulla Tiburtina

Data di trasmissione

Insieme ad una compagno attivo sulla Tiburtina parliamo delle recenti denunce che hanno raggiunto 26 fra compagni e compagne per la giornata di mobilitazione per impedire il consiglio municipale straordinario che si tenne al centro anziani di Tiburtino III sul centro di accoglienza di Via del Frantoio, sotto spinta di Casapound. In quelle settimane i fascisti misero in campo una campagna di menzogne volte ad attaccare gli immigrati che vivevano all'interno del centro di accoglienza a Tiburtino III, quartiere periferico dove esistono diversi problemi molto più rilevanti della convivenza con poche decine di immigrati. Nella seconda parte della corrispondenza facciamo un aggiornamento rispetto alla vertenza sul Casale Alba 1, casale pubblico all'interno del Parco di Aguzzano, che la giunta vorrebbe regalare ai privati.

Arresti per lo stadio della AS Roma: intervista all'ex assessore Paolo Berdini

Data di trasmissione
Durata 12m 25s

L'indagine della Procura di Roma sul progetto dello stadio della AS Roma ha portato a 16 indagati, con misure cautelari, tra gli altri, per il palazzinaro Parnasi, il vice presidente del consiglio regionale Palozzi (Forza Italia), il numero uno Acea Luca Lanzalone (area Cinque Stelle) e l'ex assessore regionale Civita (Pd).

Abbiamo contattato Paolo Berdini, urbanista ed ex assessore all'Urbanistica nella giunta di Virginia Raggi, "fatto fuori" dal M5S proprio per la questione dello stadio.

NO MUOS in tour

Data di trasmissione
Durata 26m 17s

NO MUOS TOUR 2018_AL NORD EST! Incontri con alcuni compagni del movimento No Muos.

Con un compagno padovano e un compagno siciliano parliamo della lotta No Muos e dei prossimi appuntamenti, tra Sicilia e Nord Est.

Questi gli appuntamenti in programma:

23 maggio Padova - Marzolo Occupata, via Marzolo 4 <https://maps.google.com/?q=via+Marzolo+4&entry=gmail&source=g>, ore 19.00 apericena e a seguire dibattito. A cura del Collettivo Tazebao 24 maggio Alte di Montecchio Maggiore (Vi) - Circolo La Mesa, via Leonardo da Vinci 50, ore 21.00. A cura del gruppo No Tav

25 maggio Bassano del Grappa (Vi) - Sala Tolio, via Jacopo Da Ponte 37 <https://maps.google.com/?q=via+Jacopo+Da+Ponte+37&entry=gmail&source=g>, ore 20.30. A cura dell'Assemblea Antifascista Bassanese

26 maggio Mestre (Ve), piazza Canova 1, ore 17.30 e a seguire apericena. A cura del collettivo Tuttinpiedi

27 maggio Trieste - circolo culturale kulturni krozek Svetko Pečar, via Fleming 7, ore 18.30 e a seguire rinfresco. A cura del Collettivo Tazebao, del Partito Comunista e del Fronte della Gioventù Comunista.

4-6 agosto: CAMPEGGIO NO MUOS

Ostia: al ballottaggio vince la candidata grillina ma l'astensione aumenta

Data di trasmissione

Come previsto, la candidata M5S Giuliana Di Pillo ha vinto il ballottaggio del X Municipio di Roma col 59,6%. L'avversaria Monica Picca si è fermata al 40,4%. Ma il vero record lo segna l'asticella dell'astensionismo, che aumenta rispetto al primo turno: ha votato infatti solo il 33,6% dei votanti (60mila circa su 185mila aventi diritto). In aumento - quasi raddoppiato - il numero delle schede bianche e nulle.

Come analizzare tali elezioni all'indomani della sbornia mediatica che ha ubriacato i media e criminalizzato un intero quartiere?

Ne parliamo con Giuliano Santoro, giornalista de "il manifesto" e autore di "Un Grillo qualunque. Il Movimento 5 Stelle e il populismo digitale nella crisi dei partiti italiani" (Castelvecchi, 2012).

Ostia: in migliaia al corteo contro la violenza mafiosa e fascista

Data di trasmissione
Durata 12m 30s

Dopo le elezioni amministrative del X Municipio, dove ha stravinto l'astensionismo, e l'aggressione di Roberto Spada ai danni di un giornalista della trasmissione "Nemo" di Rai2, sabato 11 novembre ad Ostia è sceso in piazza un corteo per ribadire – come recitava lo striscione di apertura della manifestazione – le proprie parole d'ordine: "Casa, lavoro e dignità: no alla violenza fascista e mafiosa".

Al corteo non hanno partecipato né il Partito Democratico né le forze di centrodestra impegnate nel ballottaggio del 19 novembre. Casapound ha invece ribadito che il corteo "non serviva a niente".

Nonostante le contraddizioni della piazza, che ha visto una massiccia partecipazione della dirigenza grillina laziale e nazionale, e vista l’altissima astensione al primo turno, ogni persona scesa a manifestare è preziosa, purché si apri un processo aperto di ricomposizione delle forze sociali sul territorio.

Il corteo ha vissuto momenti di tensione con i giornalisti, pronti a strumentalizzare ogni episodio. Arrivati davanti al Teatro del Lido, gli organizzatori della manifestazione hanno deciso di fermarsi e aprire un'assemblea pubblica, mentre la sindaca Virginia Raggi ha voluto terminare – come da programma – il corteo a piazza Gasparri, quartiere dove è avvenuta l'aggressione di Roberto Spada.

Nella corrispondenza ascoltiamo le conclusioni di un pezzo di corteo che ha deciso di concludere con un'assemblea in piazza.

Nell'immagine una foto dal corteo di ieri.

Elezioni amministrative ad Ostia: vince l'astensionismo!

Data di trasmissione
Durata 20m 6s

È previsto per domenica 19 novembre il ballottaggio tra il centro-destra (Monica Picca) e il Movimento Cinque Stelle (Giuliana Di Pillo).

Tuttavia, leggendo i risultati delle elezioni amministrative del X Municipio (Ostia e il suo popoloso entroterra) possiamo decretare il vincitore assoluto: l'astensionismo. Ha votato infatti appena il 36 per cento degli elettori aventi diritto. Il tasso di astensionismo ha toccato dunque la percentuale del 64 per cento circa.

La bocciatura grillina implica un ulteriore spostamento a destra dell'elettorato, con Monica Picca (Fratelli d'Italia, sostenuta da Forza Italia, Noi con Salvini e due liste civiche) che compatta il centro-destra e raggiunge il 26,6%, a pochi punti dalla candidata grillina Monica Di Pillo (30,2%).

Partendo dalla debacle pentastellata (perdono oltre 20mila voti rispetto alle elezioni comunali del 2016), analizziamo inoltre l'avanzata dei fascisti di Casapound che arrivano a toccare il 9 per cento dei consensi, triplicando così il loro risultato rispetto ad un anno fa.

Infine, con il 13,7 per cento dei voti è meno dura la sconfitta del Partito Democratico. 

 

Alluvione Livorno: le responsabilità ma anche la solidarietà

Data di trasmissione
Durata 28m 31s
Durata 22m 14s

Una compagna ci racconta la storia di Livorno a livello di speculazioni e devastazioni territoriali. Della noncuranza del sindaco Nogarin che incurante dell'allarma arncione, è andato a dormire dalle 22 alle 7 di mattina. Le accuse vanno anche alle precendeti amministrazioni Pd e alla cementificazione selvaggia, nonchè al vaticano che proprio sulla collinetta del santuario di Montenero ha devastato la vegetazione in occasione del Giubileo2000. Non ultima la decisione del sindaco Nogarin di sgomberare degli orti autogestiti per l'ennesima speculazione del cemento. Chiesto dagli occupanti anche lo stop degli sfratti.

La seconda corrispondenza è con un compagno che già alle 7 di mattina si trovava sul posto.

La censura dei film al Nuovo Cinema Aquila unisce PD, M5S e sionisti

Data di trasmissione
Durata 4m 34s

Sono quattro i film censurati al Nuovo Cinema Aquila di Roma. I film sono stati vietati dall'assessora alla cultura del V Municipio Maria Teresa Brunetti (M5S). Oltre al documentario "Piccolo Mondo Cane" sul Canile di Muratella e sui processi di autogestione dei lavoratori/lavoratrici (e per questo considerato a priori sgradito alla sindaca Raggi), tra i film censurati ci sono anche tre pellicole che denunciano l'apartheid del popolo palestinese da parte dello stato d'Israele.

 

Si è comunque deciso di proiettare, stasera, il film in programma, e poi mettere in scena una performance teatrale in memoria di Rachel Corrie.

La corrispondenza con un compagno presente al Cinema Aquila.