Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

KURDISTAN – Presidio a Roma – Piazza Montecitorio

UIKI-Onlus, ReteKurdistan.Italia e il Centro Socio Culturale ARARAT organizzano per il giorno 2 Aprile un presidio a Roma, in Piazza Montecitorio, per segnalare la condizione delle Kurde e dei Kurdi che stanno praticando lo sciopero della fame, come protesta per lo stato dei prigionieri politici.

Presidio a Montecitorio contro la strage a Gaza

Nella prima corrispondenza sentiamo una compagna che ci ricorda del presidio a Montecitorio per fermare la strage di palestinesi che Israele sta portando avanti in questi giorni e da anni.

Nella seconda ascoltiamo una voce dalla piazza.

Di seguito l'appello:

In presidio per le mancate assunzioni di Roma Capitale

In presidio fino alle 14 in piazza monecitorio vincitori/trici e idonei/e del concorso per i vari settori di Roma Capitale, ancora a casa, nonostante i pensionamenti.

La corrispondenza dalla piazza

 

http://www.proceduregiustizia.altervista.org/

La giornata a Montecitorio: voci dalla piazza

Nel giorno della "verifica" parlamentare della maggioranza di governo, la piazza di Montecitorio è tornata ad affollarsi dei precari della scuola, della pubblica amministrazione, dei soggetti che compongono il movimento per il diritto all'abitare. Quando il premier ha preso la parola in aula è scattata la sfiducia della piazza, con slogan e qualche ortaggio volato verso il Palazzo. Immediata la reazione della polizia che ha caricato la folla, poi riorganizzatasi per un corteo che si è diretto verso il Ministero della Fuzione Pubblica.

Doppia corrispondenza: Val di Susa e Cariche a Montecitorio

In Val di Susa continua il presidio dei NoTav, in attesa della scadenza della proroga relativa alla concessione dei fondi europei per la realizzazione dell'inutile grande opera. La corrsipondenza è interrotta dalla telefonata arrivata dalla piazza Montecitorio, dove la polizia stava caricando la manifestazione di assedio al Parlamento organizzata dai precari della scuola nelle giornate dell' "indignazione precaria".

Durata 15m 9s