Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Il governo delle Marche presenta proposta di legge per sostenere solo le famiglie "naturali"

Data di trasmissione

Fratelli d’Italia ha presentato nel consiglio regionale delle Marche una proposta di legge per dare sostegno solo alle famiglie considerate dal partito “naturali”: padre, madre, figlio/a. La proposta dal titolo “Interventi a sostegno famiglia, genitorialità e natalità” è un’integrazione alla legge già esistente del 1998. Il documento contiene ventiquattro articoli ed i suoi obiettivi sono: contributi e sgravi fiscali per le famiglie, contributi per la natalità e sostegni alla genitorialità. Con una compagna di NUDM Marche commentiamo la proposta di legge sottolinenando come a nostro avviso non ci sia niente di meno naturale della famiglia che è piuttosto una costruzione sociale, legale e normativa, nonchè luogo di oppressione patriarcale e di sfruttamento per le donne.

RU486: nelle Marche la giunta di destra vieta l'aborto farmacologico

Data di trasmissione

La regione Marche segue le orme dell'Umbria: no alla somministrazione della pillola abortiva Ru486 nei consultori, non applicando le linee guida del Ministero della Salute. Ennesima occasione di attacco all’autodeterminazione e alla libertà di scelta delle donne. Ne parliamo con una compagna di Non Una di Meno Marche.

Discussione aperta con terra/Terra

Data di trasmissione

Dalla garanzia partecipata alla situazione mercati contadini romani.

una chiacchiera di introduzione sul prossimo appuntamento di Genuino Clandestino a Parma capitale della cultura 2020 e introduzione al convegno "il nocciolo nelle Marche" su post-terremoto tra noccioleti e pac fasulle.

Aggiornamento dal Centro Italia con le Brigate di Solidarietà Attiva

Data di trasmissione

La situazione dei comuni colpiti dal terremoto del centro italia continua ad aggravarsi dopo l'emergenza maltempo. I comuni sono abbandonati dalle istituzioni e gli abitanti devono affrontare situazioni di emergenza senza precedenti. Dopo 5 mesi dal terremoto di solito si parte con la fase di ricostruzione, in centro italia invece tarda ad arrivare. Dopo la scossa del 24 agosto ci sono state altre 5 scosse che hanno aggravato lo stato dei paesi e della popolazione rimasta. La scorsa settimana si è svolta una protesta degli abitanti che sono stati costretti a trasferirsi sulle coste tra le strade di una frazione di Accumuli, il prossimo 25 gennaio si svolgerà una manifestazione a Roma promossa sui social network da abitanti del luogo. Ne abbiamo parlato con Marco delle Brigate di solidarietà attiva nel Centro Italia presenti con strutture e iniziative concrete su tutto il centro Italia dopo le prime scosse di Amatrice.

Ultima puntata 2013/2014

Data di trasmissione
Durata 1h 15m 1s

Iniziamo la puntata con un collegamento telefonico con il referente legale del coordinamento contro l'inceneritore d'Albano che ci spiega le recenti udienze al Tar Lazio sull'interdittiva antimafia ai danni delle aziende di Cerroni e sulla convenzione preliminare sull'accesso ai fondi pubblici del consorzio Coema per costruire l'inceneritore di Albano.

Proseguiamo con lo squallido scontro politico tra le lobbies del settore (Rida Ambienete, Ama, Acea, Fortini e Marino).

Dopodiché passiamo alle indagini del tribunale di Ancona sullo scandalo Biogas nelle Marche in cui è intervenuto il governo Renzi con il decreto "Salva Spacca".

Infine chiudiamo con un escursus sulle bonifiche commentando la sentenza del Tar Lazio che rimuove il decreto legge che riduceva 18 siti di interesse nazionale a siti di interesse regionale.

 

Campeggio notav 17-27 luglio

Campeggio no muos 6-12 agosto

Industria, rifiuti e nucleare. Aggiornamenti sull'Ilva di Taranto, sugli inceneritori di Torino e Brescia e sulla centrale di Fukushima

Data di trasmissione
Durata 1h 4m 53s

Corrispondenza da Taranto sui sequestro di beni dei Riva, proprietari dell'acciaieria Ilva .  Nel settore rifiuti novità sull'inceneritore di Torino, chiuso per monitoraggio sanitario. Si passa ad una notizia sui livelli di inquinamento prodotti dal polo industriale di Brescia, di cui fa parte un altro inceneritore. Bocciatura della legge regionale delle Marche in merito all'approvazione di impianti a biogas, che ne consentiva un'autorizzazione più agevolata. Infine notizie sulle condizioni di lavoro degli addetti alla manutenzione nella centrale giapponese di Fukushima.