Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Dub beats borders

Data di trasmissione

Settima puntata, della Stagione 23/24, di Militant Dub Area sul 87.9 di Radio Onda Rossa, con tanti ospiti telefonici e in studio.

Nella la prima metà abbiamo parlato al telefono con un compagno solidale con la Palestina, che ci ha raccontato com'è andata la manifestazione antibelica e in solidarietà con il popolo palestinese che si era tenuta a Sigonella durante la mattina. Poi abbiamo chiamato a Luca, di All Reds Basquet, per parlare della serata di sabato 24 ad Acrobax a sostegno del progetto "Sports beats borders".

Nella seconda ora abbiamo ospitato nello studio di Via dei Volsci a Luca di Linea di Massa, con il quale abbiamo parlato del percorso artistico fatto finora dallo storico sound system romano. In più, Luca ci ha regalato delle selections con alto contenuto di good vibes.

Buon ascolto!

 

La Playlist:

BARABBAS INTRO:

Lee Scratch Perry - Gumma
The Chantells - Man in love
Junior Byles - Beat down Babylon

Johnny Osbourne - No ice cream sound
Screwface, Supah Fly & Sista Awa - Digital warriors
Uru Man & Anema Longa - 1861

Neurologici - Ammisc
Laylah Arruda ft. Neurologici - Ni una Menos
Fred Gomes ft. Neurologici - Fin Da Dor

LDM SELECTIONZ:

Dandy Lion - Vives
Prince Allah & The Explosions - Solid locks
Lopez Walker - Send another Moses
Jah Berry - Daily news

Rob Symeon- Chosen One
Doniki - Don't destroy the hearth
Daweh Congo- Help Me
Prophecy Reveal
Everton Blender - Family man
Dan I Locks - Jah Far I
Ras Tweed - Balance
Jah Shaka - World beat

Sigonella: Alternanza Scuola Lavoro di guerra

Data di trasmissione

Iniziamo la trasmissione con la presentazione di un corso per docenti di scuola media superiore dell'associazione Educare alle differenze.

Nella seconda parte una compagna No Muos denuncia la firma di una convenzione PCTO (Alternanza scuola lavoro) tra scuole siciliane, la marina Usa e l'esercito italiano che porterà 360 studenti a lavorare nella base di Sigonella ad apparecchiature belliche destinate alla guerra in Ucraina. Segue il comunicato con cui le/i  No Muos hanno indetto questa mattina una conferenza stampa davanti a una delle scuole coinvolte, disertata dalla stampa.

Le scuole di Catania vanno alla guerra
A qualche giorno dall’anniversario dell’invasione russa in Ucraina, con la minaccia di un aumento sempre maggiore di tensioni tra gli stati di tutto il mondo, alcune scuole siciliane decidono di legittimare un luogo di guerra come Sigonella siglando un protocollo per lo svolgimento di un PCTO (ex alternanza scuola-lavoro) che vedrà coinvolti 350 studenti nel periodo di marzo/maggio 2023.
Studenti di diverse scuole siciliane, tra cui l’ITAS Arturo Ferrarin e l’ISIS Duca Degli Abruzzi di Catania, per diversi mesi saranno a stretto contatto con chi fa la guerra e nei luoghi dove essa si fa. Sigonella è infatti la principale base aeronavale delle forze armate italiane, USA e NATO nel Mediterraneo e ha un ruolo da protagonista nell’attuale conflitto in Ucraina oltre ad essere il luogo da cui si dirigono droni di intelligence e di attacco.
Il Movimento No Muos si oppone a questo protocollo consapevole che in questo modo la scuola viene piegata agli interessi economici di chi vuole la guerra e che anziché formare ad un pensiero critico manipola gli studenti e le studentesse per accettare come unica opzione un futuro di guerra.
Per questo indice una conferenza stampa a Catania davanti l’Istituto ISIS “Duca Degli Abruzzi” via Artale Alagona, 99 alle ore 10.30 di martedì sette febbraio.

Aggiornamenti vari sui nuovi (e vecchi) progetti di discariche nel Lazio

Data di trasmissione
Durata 1h 3m

Trasmissione molto fitta di aggiornamenti su Ecosicura, Kyklos di Aprilia, riapertura della discarica di Roncigliano, rifiuti tossici di Sigonella e multe europe all'Italia.

Riarmo e militarizzazione. Da Sigonella agli interessi di Finmeccanica

Data di trasmissione
Durata 19m 39s

I droni killer che USA hanno ottenuto dall'Italia di poter far partire da Sigonella sono solo l'ultimo tassello di un'escalation verso il riarmo e la militarizzazione dei territori. D'altro canto i media mainstream parlano pochissimo degli interessi della produzione e vendita di armi, dietro ai conflitti in atto, in Siria, Yemen e nel mondo, tra cui quelli della Holding Finmeccanica.

 

Ne parliamo con Antonio Mazzeo, giornalista freelance, autore tra le altre cose di Il MUOStro di Niscemi. Per le guerre globali del XXI secolo (editPress) e I padrini del ponte. Affari di mafia sullo stretto di Messina (Edizioni Alegre).

 

Qui http://www.ondarossa.info/newstrasmissioni/governo-renzi-mette-militari-nelle-scuolenell'ambito della trasmissione "L'ora di buco", Mazzeo approfondisce protocollo d'intesa tra Miur e Ministero della Difesa.