Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Coordinamento Regionale Sanità

Data di trasmissione

1) 16.00 sigla.

2)  16.05 corrispondenza su assistenza covid.

3) 16.30 corrispondenza sull'iniziativa dell'8 marzo a Viterbo.  

4) 16.40 telefonata di un ascoltatore sullo sciopero della scuola  

5)   16.54 corrispondenza su Villa Tiburtina per parlare dell'assemblea del 28/02 e della manifestazione del 12  marzo alla regione  

 6) 17.15 corrispondenza registrata dal Portogallo  

7)     17.38-40  saluti

EMALEAKS: cosa c'è dietro l'approvazione dei vaccini

Data di trasmissione

Cosa c'è dietro l'approvazione dei vaccini da parte di Usa e di Europa? Cerchiamo di fare un pò di chiarezza sia sull'efficacia dei vaccini già approvati (sulla base delle notizie più attendibili che arrivano), sia su quello che è stato definito Emaleaks, l'hackeraggio nei confronti delle mail dei membri dell'EMA, l'agenzia europea per i medicinali, di cui si sta parlando molto in questi giorni. 

Libera Scienza in Libero Stato

Data di trasmissione

Terza puntata del ciclo Libera Scienza in Libero Stato dedicata alla stato della ricerca sui vaccini per Covid19. Quali sono i diversi tipi di vaccini su cui si sta lavorando? In che modo agiscono nell'organismo? Quali sono le conseguenze della brevettazione? Perché i risultati delle sperimentazioni non possono essere un bene a disposizione dell'umanità lasciando ai privati il confezionamento dei rimedi e la relativa commercializzazione? Quali sono i mezzi in possesso delle cause farmaceutiche rispetto alle strutture pubbliche? Queste ed altre domande in una puntata speciale a cui prende parte una scienziata che lavora nel campo. 

Coordinamento Regionale Sanità

Data di trasmissione

Salerno in piazza

Punti: nascita coordinamento provinciale, vertenza con il comune per la creazione della consulta della Salute, richieste di informazioni maggiori sul piano vaccinale.

Calabria, ospedale occupato di Cariati

Come stanno andando questi mesi di occupazione? Situazione gestione emergenza in Calabria

Coordinamento sanità Castelli romani

Cronaca e riflessioni sull’incontro con la direzione della ASL RM 6 dello scorso 7 gennaio

Vertenza Villa Tiburtina

Aggiornamenti da studio

Riproposizione della corrispondenza fatta da ROR in mattinata sulla situazione sanitaria nel carcere di Rebibbia a Roma

Cronache in corsia

Testimonianze degli operatori sanitari

Coordinamento Regionale Sanità

Data di trasmissione

Corrispondenza Viterbo 
Iniziativa del 19 ottobre a Ronciglione

Corrispondenza Salerno
Mobilitazioni coordinamento coraggio 

Corrispondenza Velletri 
Mobilitazione Sabato 12
Incontri con la Asl
Intervista di piazza

Corrispondenza Brescia 
Protesta silenziosa medici ospedale di brescia

Cronache in Corsia

L'unica sicurezza è la libertà. Presidio davanti all'UOC Salute Penitenziaria - Asl 2

Data di trasmissione
Un gruppo di solidali questa mattina era in presidio davanti all'UOC Salute Penitenziaria della Asl 2 di Roma per denunciare la situazione sanitaria all’interno delle carceri, in particolare in quello di Rebibbia e le responsabilità dei medici penitenziari.
In linea con quanto previsto dal DPCM del 1 Aprile 2008, che ha determinato il transito delle funzioni Sanitarie dal Ministero di Giustizia al Sistema Sanitario Regionale, la ASL Roma 2, sul cui territorio insiste il Polo Penitenziario di Rebibbia, ha la completa presa in carico sanitaria delle persone prigioniere. Ne parliamo con una compagna.

 

La situazione delle addette alle pulizie nella sanità del Lazio

Data di trasmissione

Gare al massimo ribasso, paghe da pochi euro l'ora e contratti a termine. Lavoratori e lavoratrici delle pulizie (ma sono per la maggior parte donne) costrette a lavorare senza protezioni adeguate contro il Covid 19 mentre garantiscono la sanificazione di ospedali, ambulatori e cliniche private rischiando ogni giorno il contagio. Per poco più di 7 euro l'ora. Ne parliamo con una compagna.

Pandemia, dati e democrazia

Data di trasmissione

La pandemia che sta sconvolgendo le nostre società pone domande ineludibili a tutto il mondo della ricerca scientifica e anche alla statistica pubblica. Da un lato, la comprensione della diffusione epidemica dipende in modo cruciale dalla raccolta tempestiva e accurata di dati dettagliati, spesso provenienti da fonti eterogenee. Dall’altro, il rapido succedersi di provvedimenti di emergenza varati dal Governo ha acceso il dibattito sull’adeguatezza e l’efficacia di politiche di contenimento che incidono profondamente sulla vita quotidiana dei cittadini. La legittimità e l’efficacia di queste scelte politiche poggiano sul monitoraggio del rischio sanitario realizzato in maniera centralizzata dall’Istituto Superiore di Sanità mediante l’elaborazione di dati epidemiologici e il calcolo di un set di parametri ed indicatori. Dati che ad oggi non hanno modo di circolare in forma elementare nella comunità scientifica più ampia.
Anche l’Istat è stato al centro di diverse iniziative: dalla produzione di dati e di rapporti informativi sulla mortalità legata al Covid, all’indagine sulla sieroprevalenza e alla misurazione dell’impatto dell’epidemia sulla struttura economica e sociale del paese.
Questa mole di informazione aggregata è diffusa, spesso in modo bulimico e confuso, dai mezzi di informazione con il risultato di generare e moltiplicare polarizzazioni irrazionali e fuorvianti.
In questa dinamica che ruolo dovrebbe rivestire la Statistica Pubblica? Può raccogliere e fare propria quella quota di domanda informativa ancora inevasa e fornire un contributo conoscitivo in questo momento essenziale, ad esempio sui fattori economici, demografici e sociali associati all’epidemia? Può mettere al centro delle proprie scelte strategiche il valore sociale della produzione di dati utili alla collettività per il superamento dell’emergenza sanitaria? Questi gli interrogativi del seminario Pandemia, dati e democrazia organizzato dal Collettivo L’Improbabile un gruppo di lavoratrici e lavoratori della statistica pubblica dell'ISTAT.
Ne parliamo con un compagno del collettivo.

Cosa succede in Calabria?

Data di trasmissione

Con un compagno di Radio Ciroma facciamo il punto sulla situazione in Calabria partendo dal febbrille susseguirsi dei vari commissari nominati in questi giorni per allargare il quadro alle contraddizioni del sistema sanitario calabrese pre-esistenti al Covid. Perché una regione con un numero bassissimo di morti e contagiati sia finita fra le zone rosse stabilite dal governo per limitare la diffusione della pandemia da coronavirus?